24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/02/2016, 11.01

    INDIA

    Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa

    Santosh Digal

    Il sito è stato creato da un gruppo di attivisti, avvocati, intellettuali e artisti con lo scopo di essere “una fonte autentica di informazioni” sulle violenze del 2008 contro i cristiani. Il governo dell’Orissa ha nominato due commissioni di inchiesta, ma i risultati del loro lavoro non sono stati resi noti. Fino a gennaio 2016, presentate 3.232 denunce, ma solo 827 sono state registrate. Il tasso di assoluzione nei processi di omicidio è dell’88,6%.

    Bhubaneswar (AsiaNews) – Un gruppo di attivisti, esperti di diritto, avvocati, intellettuali, scrittori e artisti ha commissionato la creazione del primo sito internet dedicato ai pogrom contro i cristiani scatenati nel 2008 dai radicali indù nello Stato dell’Orissa. P. Ajaya Kumar Singh, tra i moderatori del nuovo sito, ha spiegato: “I promotori erano frustrati dal passo di lumaca del processo giudiziario, che ha visto molti assassini e piromani farla franca, mentre molti altri non sono stati arrestati”.

    Il nuovo sito internet – raggiungibile all’indirizzo www.kandhamal.net – è stato presentato il 24 febbraio. Secondo i suoi promotori, il sito “ha l’ambizione di essere un’autentica fonte di informazione, dati e documenti legali che possono essere usati dai gruppi di sostegno legale e dai ricercatori che lavorano con i sopravvissuti delle violenze”.

    L’obiettivo del sito è attirare l’attenzione sull’incapacità dei governi dell’Orissa e dell’amministrazione federale di assicurare giustizia e riabilitazione per le vittime del più feroce massacro contro la comunità cristiana dei tempi recenti in India.

    Il 23 agosto 2008 un gruppo maoista ha ucciso il leader indù Laxamananda Saraswati nel suo ashram, nel distretto di Kandhamal. Nonostante i guerriglieri abbiano ammesso subito la loro responsabilità, i radicali indù hanno scaricato la colpa sui cristiani, da tempo criticati dal guru per il loro impegno sociale con tribali e dalit (fuori casta) e accusati – insieme a vescovi, sacerdoti e suore – di fare proselitismo.

    Le violenze dei radicali indù del Vhp (Vishwa Hindu Parishad) si sono protratte per diverse settimane e hanno causato la morte di 101 cristiani; molte donne hanno subito violenze di gruppo, tra cui suor Meena Barwa; 8.500 case e 395 chiese sono state bruciate; oltre 56mila persone sono fuggite.

    P. Singh riporta che Naveen Pattnaik, chief minister dello Stato, ha nominato due commissioni d’inchiesta che hanno presentato i loro rapporti alla fine del 2015. I documenti non sono stati ancora resi pubblici. Le commissioni dei giudici Naidu e Panigahi, commenta in modo ironico il sacerdote, “hanno presentato le loro indagini quasi nelle stesso momento”.

    La comunità cristiana ha boicottato le commissioni per i pregiudizi che i due leader hanno dimostrato nel corso delle audizioni e per le presunte coercizioni delle vittime. John Dayal, noto attivista e leader cattolico, riferisce: “In realtà la coercizione delle vittime ha avuto un ruolo importante nella maggior parte dei casi criminali di omicidio e incendio doloso provati sia nei tribunali Fast Track (tribunali speciali), che in quelli distrettuali”.

    In base agli ultimi dati di gennaio 2016, sono state presentate 3.232 denunce; di queste, solo 827 sono state registrate e la polizia ha raccolto i dati degli imputati in 512 casi. Su 30 episodi confermati di omicidio, sono state emesse solo due condanne. Il tasso di condanna è 5,13%, mente quello di assoluzione è l’88,6%; il rimanente 6,25% è ancora latitante. Ad oggi, nessun accusato di omicidio o stupro si trova dietro le sbarre.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/09/2016 09:12:00 INDIA
    Mons. Barwa: Madre Teresa porti la pace a Kandhamal

    Il vescovo dell’Orissa chiede l‘intercessione della futura santa per riportare pace e riconciliazione. Il prossimo 4 settembre, giorno in cui la Madre verrà canonizzata, in India si terranno celebrazioni, festeggiamenti e incontri.



    28/08/2017 15:29:00 INDIA
    Orissa, 3mila persone all’anniversario dei pogrom contro i cristiani di Kandhamal

    Le celebrazioni si sono svolte il 26 agosto a G. Udayagiri. Le violenze del 2008 “il più grande e ben pianificato attacco contro i cristiani”. “Vergognoso che ancora oggi le vittime non abbiano ottenuto giustizia”. “La lotta per la giustizia nel Kandhamal è diventata una lotta per la giustizia in tutta la nazione”.



    13/07/2016 11:28:00 INDIA
    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal

    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.



    23/04/2016 12:12:00 INDIA
    Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal

    P. Pritam Singh e p. Bhanja Kishore Singh sono stati ordinati da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Alla cerimonia erano presenti oltre 1000 cattolici, 35 sacerdoti e 50 suore. Ora il distretto ha 12 sacerdoti, il numero più elevato di tutto lo Stato dell’Orissa. L’aumento delle consacrazioni conferma che la comunità cristiana non è intimorita dalle violenze scatenate dai radicali indù contro di essa.



    08/04/2017 10:57:00 INDIA
    Primo sacerdote carmelitano del Kandhamal: Aiuterò gli indù a capire la fede cattolica

    Johnson Digal ha 29 anni e proviene da un villaggio di 20 famiglie, per la maggior parte indù. Durante i pogrom del 2008 la sua casa è stata bruciata ed egli ha vissuto in un campo profughi. “Da quando ho iniziato a fare visita ai miei vicini, essi hanno iniziato a cambiare atteggiamento e non hanno più una concezione negativa del cristianesimo”.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®