21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/09/2017, 11.50

    NEPAL

    Kathmandu, nuovo Codice penale punisce tutte le conversioni religiose

    Christopher Sharma

    La normativa è approvata dal Parlamento ed entrerà in vigore da agosto 2018. Chi viene sorpreso in opera di proselitismo rischia fino a cinque anni di carcere; chi offende il sentimento religioso, una multa e due anni di prigione. Leader religiosi delle minoranze denunciano una limitazione della libertà di credo.

    Kathmandu (AsiaNews) – Il Parlamento del Nepal ha approvato un nuovo Codice penale, che punisce tutte le conversioni religiose e le attività di evangelizzazione e proselitismo. La legge si applica sia ai cittadini che agli stranieri (quindi ai missionari) ed entrerà in vigore da agosto 2018. Dato che la maggioranza della popolazione professa l’induismo (oltre l’80% degli abitanti), le minoranze ritengono che la normativa voglia scoraggiare la loro fede, in particolare la diffusione del cristianesimo. AsiaNews ha raccolto i commenti di vari esponenti cristiani e cattolici. Tutti affermano di essere rimasti sbigottiti dalla scelta del Parlamento e ora temono un giro di vite contro i propri fedeli e la libertà religiosa, che in teoria è garantita dalla Costituzione laica e democratica approvata nel 2015.

    Mons. Paul Simick, vicario apostolico del Nepal, lamenta: “Non ci aspettavamo che il Paese restringesse le pratiche internazionali. Il Nepal è firmatario di vari trattati e convenzioni sui diritti umani e religiosi. Noi esaminiamo le reali intenzioni di ogni persona di buona volontà che chiede ad un sacerdote di convertirsi. Non imponiamo mai la conversione. La paura ora deriva dalle accuse rivolte ai sacerdoti, che non spingono le persone a convertirsi ma le aiutano a compiere i riti religiosi. Esiste la possibilità che venga limitato il diritto dei preti di esercitare il proprio credo e doveri. Staremo a vedere i prossimi sviluppi”.

    La nuova legge stabilisce che chiunque verrà “colto in fragrante” mentre svolge azioni di proselitismo atte a convertire una persona “o a minare la religione, la fede o il credo di un’altra casta, gruppo etnico o comunità” potrà essere punito con la detenzione fino a cinque anni. Inoltre chiunque “offenda il sentimento religioso” [di un altro gruppo confessionale] potrà essere condannato a due anni di carcere e al pagamento di una multa di 2mila rupie nepalesi [circa 16 euro, ndr].

    Nel tentativo di giustificare la norma, Agni Kharel, ministro della giustizia, ha affermato che “il controllo si applica anche agli indù e ai buddisti, non è solo per i cristiani”. Non è d’accordo C.B. Gahatraj, presidente della Christian Federation Nepal, che sostiene: “L’obiettivo di questo codice è controllare la libertà religiosa e di conversione. Condanniamo questo controllo, in ogni forma. Le minoranze erano costrette a seguire le pratiche tradizionali indù. Ma a causa delle discriminazioni e delle oppressioni, le persone rimangono attratte dal cristianesimo”. Il leader cristiano denuncia che “i partiti politici stanno tentando di controllare il crescente interesse delle persone che si convertono al cristianesimo”. Poi ribadisce: “Noi non costringiamo nessuno e allo stesso tempo non chiediamo di cambiare religione. Sono essi stessi che si uniscono a noi e noi non possiamo negargli l’ingresso nella comunità cristiana”.

    Bharat Giri, presidente dell’AP Christian Party e pastore della Believers Church [protestante, ndr], aggiunge: “È una cospirazione contro l’incremento della popolazione cristiana. Ma non fermeremo la nostra opera evangelica, che è il compito di noi pastori. Dio ci difenderà”.

    Nazrul Hussein, a capo di un gruppo interreligioso, ribadisce che “il governo non può limitare la libertà di scelta e di religione a sua discrezione. Siamo contro questa previsione”.

    Dinesh Bhattarai, consigliere del primo ministro, insiste che “la nuova norma sarà applicata per controllare le conversioni forzate o chi tenta di violare i sentimenti religiosi. Non vuole colpire in maniera particolare una fede o un fedele”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/04/2012 NEPAL
    Musulmani nepalesi rivendicano i loro diritti nella nuova costituzione
    Una campagna per sensibilizzare i partiti politici. Paura per le leggi anti-conversione. Musulmani, cattolici e protestanti uniti contro discriminazioni e persecuzioni.

    30/11/2011 NEPAL
    Cristiani nepalesi ancora bersaglio degli estremisti indù
    Tre gli attentati tra il 22 e il 28 novembre. Colpite una ong cristiana, una chiesa protestante e una scuola cattolica. Il Nepal Defense Army, gruppo terrorista indù, minaccia nuovi attacchi contro cristiani e minoranze religiose.

    26/08/2011 NEPAL
    Il Premier nepalese per la revisione delle leggi anti-conversione
    Per il Primo ministro dimissionario Khanal il nuovo codice civile è contrario alla laicità dello Stato. Possibile una modifica in difesa delle minoranze e in grado di evitare contrasti con gli indù.

    07/10/2011 NEPAL
    Gli indù festeggiano la Tika insieme a cattolici, protestanti e buddisti
    La festa è la più importante delle celebrazioni per il Dashain. L’invito rientra nei rapporti di dialogo interreligioso fra indù e minoranze. Musulmani chiedono giustizia per l’omicidio del loro leader Damodar Sharma avvenuto il 26 settembre.

    06/09/2005 INDONESIA
    Indonesia, condannate per proselitismo 3 donne cristiane

    Sono accusate di aver provato a convertire bambini musulmani. Il verdetto emesso dopo 4 mesi di continue minacce di estremisti islamici.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®