22/07/2015, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Kathmandu, proteste per la bozza della nuova Costituzione: viola la libertà religiosa

di Christopher Sharma
Il testo prevede la punizione per coloro che effettuano “conversioni religiose”. Pastore cristiano: “Questo va contro il significato stesso di libertà di culto”. Nel distretto di Terai sono state date alle fiamme copie della bozza. Centinaia di arresti e decine di feriti per le percosse della polizia. Partiti locali vogliono subito la definizione del sistema federale e di governo.

Kathmandu (AsiaNews) - La polizia del Nepal ha arrestato più di 100 persone durante le proteste scoppiate in tutto il Paese a causa delle nuove leggi presenti nella bozza della Costituzione, presentata a fine giugno dopo anni di disaccordo e lotte parlamentari. Dopo la denuncia di alcuni avvocati che lamentavano la discriminazione delle donne, avvenuta la scorsa settimana, ulteriori controversie riguardano la possibilità di punire le “conversioni religiose” e le nuove norme in materia di federalismo, sistema di governo e procedimento elettorale.

Per due giorni i membri dell’Assemblea costituente (Ca) hanno incontrato molta popolazione su tutto il territorio nazionale e hanno raccolto le istanze di modifica. I partiti indù lamentano la perdita della connotazione induista dello Stato; le minoranze cristiane richiedono di cambiare la norma che prevede la punizione di coloro che convertono. Kamal Thapa, presidente del Rastriya Prajatantra Party Nepal (Rpp-N, partito liberale di centro-destra), commenta: “Abbiamo serie riserve sulla legge che prevede che sia un referendum pubblico a dover decidere sulla laicità dello Stato. Se il Nepal non deve essere un Paese indù, laicismo deve essere sostituito dalla ‘libertà religiosa’: solo in questo modo tutti saranno liberi. In questo momento il laicismo ha un impatto negativo nel Paese”.

C. B. Gahatraj, pastore e leader cristiano, conferma: “La norma della nuova Costituzione che parla della punizione per il clero che converte deve essere cancellata. È giusto che le persone siano libere di scegliere il proprio credo”. “La libertà di religione significa che ognuno può convertirsi e non deve essere punito per questo. La norma contraddice la libertà stessa”, aggiunge.

Nel distretto meridionale di Terai i protestanti hanno interrotto gli incontri dei rappresentanti della Ca e hanno bruciato alcune copie della bozza. In centinaia sono stati arrestati in tutto il Paese e alcune decine hanno riportato ferite per le percosse ricevute dalla polizia. I partiti locali sono preoccupati per la nuova configurazione della struttura federale e del sistema di governo. Essi domandano l’immediata organizzazione in senso federale dello Stato, prima ancora che venga promulgata la Costituzione definitiva.

Il percorso per l’approvazione della carta definitiva è ancora lungo. La Commissione per il dialogo politico e il consenso (Pdcc) dovrà emendare la bozza in base ai diversi suggerimenti. In seguito la Commissione per la stesura della Costituzione (Cdc) dovrà incorporare gli eventuali emendamenti. Il disegno di legge dovrà essere approvato dalla maggioranza di due terzi dell’Assemblea costituente, prima di essere firmato dal presidente della Ca e presentato al Paese con una cerimonia ufficiale dal presidente del Nepal.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ultime discussioni nell’Assemblea costituente del Nepal. Partiti minoritari abbandonano l’aula
28/08/2015
Imprese del Nepal: No alla Costituzione “socialista”. Il libero mercato è l’unico a garantire prosperità al Paese
03/08/2015
Nepal, petizione all’Assemblea: il rinoceronte sia l’animale simbolo del Paese
31/07/2015
Nepal, denuncia dei non residenti: La nuova Costituzione ci priva del diritto di voto
24/07/2015
Nepal, la bozza della nuova Costituzione "discrimina le donne"
08/07/2015