23/01/2015, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Kathmandu, stallo sulla nuova Costituzione. Il vescovo: Serve una Carta laica

di Christopher Sharma
L’Assemblea costituente non trova l’accordo sulla bozza della nuova Carta, su base democratica. Scambio di accuse fra i partiti: per il governo i maoisti sbagliano a insistere su un “federalismo di base etnica”. Per i maoisti è la maggioranza che nega “identità e rispetto” ai gruppi minoritari. Cattolici e protestanti pregano per il futuro del Nepal.

Kathmandu (AsiaNews) - A dispetto delle preghiere e delle esortazioni di decine di migliaia di cittadini, l'Assemblea costituente del Nepal ieri non è riuscita a raggiungere un accordo sulla bozza della prima Costituzione nazionale democratica, dopo secoli di monarchia assoluta indù. Governo e istituzioni provano a rassicurare la comunità internazionale, affermando che presto sarà risolto il contenzioso e il Paese potrà ratificare la prima Carta. Ma le divisioni fra maggioranza e opposizioni, al momento, restano profonde su alcuni elementi chiave. 

All'indomani della mancata ratifica di un testo base i partiti si scambiamo accuse e si rimpallano le responsabilità. 

KP Oli, presidente dell'UML, nella maggioranza di governo, punta il dito contro i maoisti che "insistono su un federalismo di base etnica", che "non è sostenibile". Una simile suddivisione,  avverte l'UML, sarebbe foriera di "conflitti disastrosi"; fino a quando vi saranno "dei maoisti" in seno alla Costituente "vi sono poche probabilità di trovare un accordo". 

Sul fronte maoista interviene l'ex premier Baburam Bhattarai, secondo cui la maggioranza "viola i patti" alla base dell'Assemblea costituente e "nega l'identità e il rispetto delle decine di gruppi minoritari". "La nuova Costituzione - afferma il leader maoista - deve riconoscere l'identità di questi gruppi di minoranza e rispettare la loro dignità e i diritti". 

Se il tema del federalismo su base etnica è fonte di divisioni, sembra invece raggiunto un consenso di base sul sistema misto per governo e legge elettorale, oltre che per la regolamentazione del versante giudiziario. Altri elementi imprescindibili la forma repubblicana e il principio della laicità dello Stato. 

Preoccupati per l'andamento dei lavori, i vertici della Chiesa nepalese pregano per un accordo. Il vicario apostolico mons. Paul Simick conferma che "tutta la comunità prega perché sia presto promulgata una costituzione laica e democratica". È ora di mettere fine alla "transizione" e muoversi in direzione "della pace e della prosperità". Il vescovo evangelico Narayan Sharma si augura che "siano rispettate tutte le fedi" e "tutti i gruppi", e che ogni cittadino possa godere dei diritti umani e civili "riconosciuti sul piano internazionale". 

Dopo oltre 240 anni di monarchia assoluta indù, nel 2007 il Nepal è diventato uno Stato laico. La costituzione provvisoria, approvata sotto la supervisione dell'Onu, vieta il proselitismo, ma consente a tutti i cittadini di manifestare la propria fede, anche con attività missionarie e caritatevoli. L'instabilità politica ed economica degli ultimi anni - legata alle lotte per il potere fra i partiti laici - ha rafforzato i movimenti indù filo-monarchici, che in tutti i modi hanno tentato di frenare l'aumento delle conversioni avvenuto dalla fine del regno. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I monarchici indù accettano il passaggio alla Repubblica
04/06/2008
Premier nepalese invita i guerriglieri maoisti a collaborare “con onestà” per la pace
13/02/2009
Governo maoista: la legge sui “desaparecidos” avrà effetto retroattivo
21/11/2008
Nepal, il dramma silenzioso di oltre 1200 “desaparecidos”
01/09/2008
Nazionalisti nepalesi chiedono le dimissioni del neo vice-presidente
25/07/2008