5 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/04/2011
NEPAL
Kathmandu, tensioni fra indù e cristiani per la diatriba sui cimiteri
di Kalpit Parajuli
Le autorità indù contestano il diritto dei cristiani a seppellire i morti nell’area vicino al tempio di Pashupatinath. Leader protestanti al 17mo giorno di sciopero della fame chiedono un nuovo spazio per le sepolture. Vescovo cattolico di Kathmandu:“Quando i vivi non hanno terra a sufficienza non deve esserci alcuna obiezione a cremare i morti".

Kathmandu (AsiaNews) – Con una petizione, le autorità indù del tempio di Pashupatinath (Kathmandu) contestano il diritto di cristiani e altre minoranze religiose di seppellire i morti nell’area circostante il luogo sacro, sancito dalla Corte suprema. La mossa rischia di accendere nuove tensioni fra indù e leader cristiani protestanti, da 17 giorni in sciopero della fame per chiedere al governo uno spazio dove seppellire i propri morti.

Chari Bahadur Gahatraj, segretario generale del Comitato di consulenza cristiano per la nuova Costituzione, afferma: “I cristiani hanno ottenuto l’autorizzazione della Suprema corte con molta fatica.  La comunità è scioccata dai ritardi del governo nell’attuare il verdetto”.  Il leader annuncia che i cristiani continueranno a manifestare finché le autorità non forniranno nuovi spazi per le sepolture.

La diatriba sui cimiteri divide però la comunità cristiana. In questi giorni la Chiesa cattolica del Nepal si è dissociata dalla protesta, affermando di non avere alcuna obiezione alla cremazione. Mons. Anthony Sharma, vescovo di Kathmandu, ha sottolineato che il Nepal è un Paese piccolo e la terra è un dono di Dio. Migliaia di famiglie a Katmandu non possono permettersi un terreno dove costruire una casa e vivono accampati nelle tendopoli. “Quando i vivi non hanno terra a sufficienza - ha affermato – non deve esserci alcuna obiezione a cremare i morti”.  

In Nepal oltre 70% della popolazione è di religione indù e per tradizione  i morti vengono cremati e non seppelliti. I cristiani sono circa il 3% e insieme ad altre minoranze allesticono i loro cimiteri in terreni acquistati con i soldi dei fedeli.

In questi anni, Kathmandu ha subito una grande speculazione edilizia. Ciò ha limitato la disponibilità di terreni liberi e ridotto le aree un tempo destinate ai cimiteri per cristiani e altre minoranze, costringendoli a seppellire più cadaveri nella stessa tomba. Per risolvere il problema, nel 2009 le autorità hanno concesso ai cristiani la foresta di Shleshmantak vicino al tempio indù di Pashupatinath. La decisione ha scatenato le proteste degli indù anche in altre regioni del Paese e costretto il governo locale a vietare l’utilizzo della zona. Nonostante l’autorizzazione della Corte suprema polizia e autorità del tempio impediscono le sepolture. In febbraio gli indù hanno distrutto oltre 200 lapidi e tombe costruite dai cristiani dopo l’autorizzazione del tribunale emessa il 28 gennaio scorso.    


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/07/2010 NEPAL
Cristiani del Nepal da emarginati ad attori politici
di Kalpit Parajuli
27/12/2011 NEPAL
Chiese stracolme per il Natale 2011, le più affollate nella storia del Nepal
di Kalpit Parajuli
06/06/2011 NEPAL
Nepal, un nuovo codice penale punisce le conversioni al cristianesimo
di Kalpit Parajuli
18/03/2011 NEPAL
Il presidente del Nepal pronto a difendere i cristiani da attentati e violenze
di Kalpit Parajuli
23/03/2011 NEPAL
Cristiani nepalesi protestano contro il governo: “abbiamo diritto a seppellire i nostri morti”
di Kalpit Parajuli

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate