26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/04/2011, 00.00

    NEPAL

    Kathmandu, tensioni fra indù e cristiani per la diatriba sui cimiteri

    Kalpit Parajuli

    Le autorità indù contestano il diritto dei cristiani a seppellire i morti nell’area vicino al tempio di Pashupatinath. Leader protestanti al 17mo giorno di sciopero della fame chiedono un nuovo spazio per le sepolture. Vescovo cattolico di Kathmandu:“Quando i vivi non hanno terra a sufficienza non deve esserci alcuna obiezione a cremare i morti".
    Kathmandu (AsiaNews) – Con una petizione, le autorità indù del tempio di Pashupatinath (Kathmandu) contestano il diritto di cristiani e altre minoranze religiose di seppellire i morti nell’area circostante il luogo sacro, sancito dalla Corte suprema. La mossa rischia di accendere nuove tensioni fra indù e leader cristiani protestanti, da 17 giorni in sciopero della fame per chiedere al governo uno spazio dove seppellire i propri morti.

    Chari Bahadur Gahatraj, segretario generale del Comitato di consulenza cristiano per la nuova Costituzione, afferma: “I cristiani hanno ottenuto l’autorizzazione della Suprema corte con molta fatica.  La comunità è scioccata dai ritardi del governo nell’attuare il verdetto”.  Il leader annuncia che i cristiani continueranno a manifestare finché le autorità non forniranno nuovi spazi per le sepolture.

    La diatriba sui cimiteri divide però la comunità cristiana. In questi giorni la Chiesa cattolica del Nepal si è dissociata dalla protesta, affermando di non avere alcuna obiezione alla cremazione. Mons. Anthony Sharma, vescovo di Kathmandu, ha sottolineato che il Nepal è un Paese piccolo e la terra è un dono di Dio. Migliaia di famiglie a Katmandu non possono permettersi un terreno dove costruire una casa e vivono accampati nelle tendopoli. “Quando i vivi non hanno terra a sufficienza - ha affermato – non deve esserci alcuna obiezione a cremare i morti”.  

    In Nepal oltre 70% della popolazione è di religione indù e per tradizione  i morti vengono cremati e non seppelliti. I cristiani sono circa il 3% e insieme ad altre minoranze allesticono i loro cimiteri in terreni acquistati con i soldi dei fedeli.

    In questi anni, Kathmandu ha subito una grande speculazione edilizia. Ciò ha limitato la disponibilità di terreni liberi e ridotto le aree un tempo destinate ai cimiteri per cristiani e altre minoranze, costringendoli a seppellire più cadaveri nella stessa tomba. Per risolvere il problema, nel 2009 le autorità hanno concesso ai cristiani la foresta di Shleshmantak vicino al tempio indù di Pashupatinath. La decisione ha scatenato le proteste degli indù anche in altre regioni del Paese e costretto il governo locale a vietare l’utilizzo della zona. Nonostante l’autorizzazione della Corte suprema polizia e autorità del tempio impediscono le sepolture. In febbraio gli indù hanno distrutto oltre 200 lapidi e tombe costruite dai cristiani dopo l’autorizzazione del tribunale emessa il 28 gennaio scorso.    

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2010 NEPAL
    Cristiani del Nepal da emarginati ad attori politici
    Leader cattolici e protestanti chiedono maggiore spazio nelle istituzioni, in risposta allo stallo politico ed economico che da mesi affligge il Paese. Mons. Sharma vescovo di Kathmandu, afferma: “Nessun leader mostra un vero interesse verso la popolazione. È quindi giunto il momento per i cristiani del Nepal di impegnarsi in modo attivo nella politica”.

    27/12/2011 NEPAL
    Chiese stracolme per il Natale 2011, le più affollate nella storia del Nepal
    Oltre 2mila persone, fra cui centinaia di non cristiani, partecipano alla messa celebrata nella cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu. La funzione è avvenuta per la prima volta a porte aperte, nonostante il rischio attentati.

    06/06/2011 NEPAL
    Nepal, un nuovo codice penale punisce le conversioni al cristianesimo
    Le leggi sono in discussione in questi giorni. Chi predica o tenta di persuadere un cittadino a cambiare religione rischia fino a 5 anni di carcere e multe superiori a 400 euro. I cristiani temono strumentalizzazioni da parte degli estremisti indù e la riduzione della libertà religiosa.

    18/03/2011 NEPAL
    Il presidente del Nepal pronto a difendere i cristiani da attentati e violenze
    In un incontro con il nunzio apostolico mons. Pennacchio, il presidente ha assicurato pronte misure per evitare attacchi contro le comunità cristiane. Segretario del Consiglio dei ministri: “In uno Stato laico deve prevalere il rispetto della libertà religiosa”.

    22/02/2010 NEPAL
    Kathmandu: nessuno spazio per seppellire i morti cristiani e musulmani
    L’urbanizzazione selvaggia porta il governo a concedere agli indù gli spazi destinati a ospitare i cimiteri delle minoranze cristiana, musulmana e baha’i che non cremano i loro cadaveri. Rischio tensione tra gli indù e gli altri gruppi religiosi.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®