22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/02/2017, 08.58

    MALAYSIA - COREA DEL NORD

    Kim Jong-nam: una 'morte dolorosa in 20 minuti'



    La conferma del ministro della salute in Malaysia. L’agente nervino ha agito in fretta bloccando il cuore e i polmoni. Le due donne arrestate pensavano di spalmare sul volto di Kim “olio per bambini” e di stare all’interno di uno scherzo televisivo. Una è stata pagata con 80 dollari.

    Kuala Lumpur (AsiaNews) – Kim Jong-nam, il fratellastro del dittatore nordcoreano Kim Jong-un avrebbe subito una “morte dolorosa”, con la paralisi di tutti gli organi in 20 minuti dall’attacco avvenuto il 13 febbraio scorso all’aeroporto della capitale malaysiana. Lo ha confermato Subramaniam Sathasivam, ministro della salute in Malaysia.

    Kim è stato ucciso per una dose letale di agente nervino VX che due donne hanno spalmato sulla sua faccia, come è evidente dal video delle telecamere interne dell’aeroporto. L’autopsia rivela che egli è morto di una “seria paralisi”.

    Subramaninam ha anche spiegato che per “una dose letale di VX bastano solo 10mg da assorbire”. Nel caso di Kim Jong-nam l’assorbimento è stato così veloce che in pochi minuti il poveretto ha manifestato i sintomi di paralisi. L’agente nervino blocca il funzionamento di un enzima che regola il funzionamento di ghiandole e muscoli. Senza di questo, i muscoli si bloccano in contrazione e “il cuore e i polmoni si fermano subito”. “Dal momento dell’attacco – ha detto Subramaninam – [Kim] è morto in 15-20 minuti”.

    La polizia malaysiana ha arrestato le due donne che hanno spalmato il potente veleno sulla faccia di Kim, insieme al fidanzato di una delle due e a un nordcoreano. È alla ricerca di altri sette nordcoreani, fra cui il segretario dell’ambasciata della Nordcorea a Kuala Lumpur, Hyon Kwang-song.

    Una delle due donne, l’indonesiana Siti Aisyah, 25 anni, ha dichiarato di aver ricevuto 400 ringgit (circa 80 dollari Usa) per spalmare quello che lei credeva fosse “olio per bambini” sulla faccia di Kim, pensando che fosse per uno show televisivo. Anche l’altra donna, la vietnamita; Doan Thi Huong, 29 anni, ha detto che pensava di partecipare a uno scherzo in televisione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2017 08:36:00 MALAYSIA - COREA DEL NORD
    Pyongyang blocca i malaysiani in Nordcorea. Kuala Lumpur fa altrettanto

    Per il premier Najib Razak i suoi concittadini sono presi in “ostaggio”. La polizia dice che nell’ambasciata di Pyongyang a Kuala Lumpur sono nascosti i ricercati in connessione all’assassinio di Kim Jong-nam



    03/03/2017 08:34:00 MALAYSIA - COREA DEL NORD
    Kuala Lumpur libera il nordcoreano implicato nell’assassinio di Kim Jong-nam

    Non vi sono “prove evidenti”. Ri Jong-chol, 46 anni, è un chimico. Il giorno dell’uccisione ha portato quattro nordcoreani all’aeroporto. La Malaysia ha cancellato la cessione dei visti per i nordcoreani.



    16/02/2017 08:48:00 COREA-MALAYSIA
    Arrestate due donne sospettate dell’assassinio di Kim Jong-nam

    Una ha passaporto indonesiano; l’altra ha passaporto vietnamita. La polizia malaysiana pensa che siano implicati anche quattro uomini. Visite dei rappresentanti dell’ambasciata di Pyongyang al centro di medicina legale di Kuala Lumpur. Aumentare la protezione per tutti i profughi nordcoreani di alto profilo a Seoul.



    18/02/2017 09:03:00 COREA-MALAYSIA
    Nordcoreano arrestato in relazione all’assassinio di Kim Jong-nam

    Finora fra i sospetti vi erano un’indonesiana, il suo fidanzato malaysiano, una vietnamita. Silenzio a Pyongyang. Ma l’ambasciatore nordcoreano a Kuala Lumpur esige che l’autopsia avvenga alla presenza di suoi rappresentanti. Ipotesi sull’uccisione: non ha obbedito al fratellastro che gli ordinava di tornare in patria. Kim Jong-nam cercava asilo in qualche Paese straniero.



    16/03/2017 08:41:00 MALAYSIA-COREA DEL NORD
    Il Dna di un figlio di Kim Jong-nam conferma l’identità dell’uomo assassinato

    Il governo di Kuala Lumpur non ha rivelato chi ha offerto i campioni di Dna. Si pensa sia stato il figlio Kim Han-sol. La salma a Pyongyang in cambio della liberazione dei malaysiani bloccati in Corea del Nord. Qualche problema al campionato dell’Asian Cup.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®