23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2016, 12.51

    INDIA

    L’India ricorda mons. Echevarría, Prelato dell’Opus Dei: “Come un padre”

    Nirmala Carvalho

    Mons. Javier Echevarría si è spento a Roma il 12 dicembre. Papa Francesco ricorda che egli ha donato “la sua vita in un costante servizio di amore alla Chiesa e alle anime”. Il secondo successore di san Josemaría Escrivá ha visitato l’India tre volte.

    Mumbai (AsiaNews) – In India mons. Javier Echevarría, vescovo e secondo successore di san Josemaría Escrivá de Balaguer [fondatore dell’Opus Dei] viene considerato come un “padre”. Lo dice ad AsiaNews Kevin de Souza, direttore del centro Opus Dei di Mumbai, riferendosi al Prelato che si è spento a Roma il 12 dicembre. Papa Francesco, ricordando che mons. Echevarría “ha reso l’anima a Dio” proprio nel giorno della festa della Vergine di Guadalupe, lo ha raccomandato “con affetto alla protezione di nostra Madre”, e ha sottolineato che egli ha donato “la sua vita in un costante servizio di amore alla Chiesa e alle anime”.

    Mons. Echevarría ha visitato l’India tre volte: aprile 1996, luglio-agosto 2008 e gennaio 2014. In tutte le visite, riporta de Souza, egli ha incontrato fedeli, cooperatori e amici dell’Opus Dei.

    Nel 2008 ha fatto tappa a Delhi, prima di partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù in Australia. Qui ha visitato la cattedrale del Sacro Cuore e pregato di fronte alla statua di san Josemaría, installata nel battistero l’anno precedente. Il direttore del centro ricorda: “In quell’occasione ha acceso tre candele: una per il Santo Padre, la seconda per le donne e la terza per gli uomini della prelatura in tutto il mondo”.

    Di ritorno dall’Australia, il vescovo si è recato a Mumbai, dove ha visitato la basilica di Santa Maria del Monte a Bandra. Parlando ai presenti, si è detto meravigliato nel vedere “l’attività febbrile e l’andirivieni delle persone, il numero impressionante di macchine e rickshaw”. “Tutto questo – ha aggiunto – è espressione della vita in questa città e trovo che sia più semplice pregare con voi e per voi. È semplice amarvi ogni giorno di più”.

    Il motivo per cui mons. Echevarría si è recato spesso in India, spiega de Souza, è esaudire un desiderio di san Josemaría, che non ne ha mai avuto l’occasione ed era entusiasta del numero sempre crescente di fedeli dell’Opus Dei in questo Paese.

    A Mumbai il Prelato ha anche detto: “Voglio essere un indiano. Volevo venire in India per dirvi che Dio vi ama come suoi cari. Molti santi vi hanno amati allo stesso modo […] Voi ed io dobbiamo arare la terra dell’India con preghiere, con il vostro lavoro gioioso e con un senso di responsabilità nella vita sociale. Dobbiamo instillare il seme della verità”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 09:27:00 INDIA
    L’India festeggia mons. Fernando Ocáriz, nuovo prelato dell’Opus Dei

    Papa Francesco ha nominato il vescovo franco-spagnolo come terzo successore di san Josemaría Escrivá de Balaguer. Per 22 anni mons. Ocáriz ha accompagnato il predecessore mons. Echevarría nei suoi viaggi; tre volte hanno visitato l’India. La sua nomina segna “una nuova fase”.



    08/02/2007 VIETNAM
    Da Regensburg una lezione sul ruolo della ragione nell’esistenza umana
    Il direttore del centro pastorale di Ho Chi Minh City sottolinea che la “lectio” di Benedetto XVI affrontando la questione della ragione nella fede dà sostegno nel confronto con la società consumista.

    31/12/2014 INDIA
    Un anno mariano per la famiglia lanciato dall'Opus Dei
    Indetto dal Prelato mons. Echevarría, questo tempo speciale è iniziato il 28 dicembre, festa della Sacra Famiglia. I fedeli dell'Opus Dei di Mumbai promettono di raddoppiare i pellegrinaggi in santuari dedicati alla Madonna, e di portare la preghiera alla Vergine nei luoghi di lavoro.

    11/02/2016 11:16:00 INDIA
    Rohan e Joel, segni della misericordia di Dio per i poveri di Mumbai

    I due giovani, uno studente e uno lavoratore, hanno compiuto opere di misericordia corporale visitando un ospedale e una casa di cura per disabili: “Siamo rimasti impressionati da quanta gente sia abbandonata dalla società. La loro famiglia siamo noi”. Le visite fanno parte delle attività che l’Opus Dei propone ogni mese, in particolare per l’inizio della Quaresima, “tempo di conversione e carità”.



    08/09/2016 11:31:00 CINA - INDIA - VATICANO
    Vescovo di Shanghai: Madre Teresa, amore che sconfigge il campanilismo religioso

    Dal seminario vicino al santuario mariano di Sheshan, dove è ancora confinato, mons. Taddeo Ma Daqin festeggia la canonizzazione della santa di Calcutta: “Ha guardato il mondo per quello che era e ha sconfitto l’ossificazione della fede. La realtà è che abbiamo rinchiuso la nostra Chiesa con una barriera. All’interno della barriera non hanno più importanza l’amore reciproco, il perdono, l’accoglienza, la fiducia, la speranza. Ciò che è importante è solo la legge. Lei ha sconfitto questo modo di pensare”. Il ricordo della messa a Sheshan.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®