20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 21/02/2005, 00.00

    giappone

    L'80% dei giapponesi favorevole alla pena di morte



    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - Oltre l'80% dei giapponesi appoggia l'uso della pena di morte come deterrente al crimine. È il risultato di un recente sondaggio che dimostra il diffuso allarme sulla recente ondata di omicidi di alto profilo avvenuti nel paese.

    Da quando il Giappone ha revocato una moratoria di 4 anni della pena capitale decisa nel 1993, voci di critiche si sono lavate varie da parte di gruppi in difesa dei diritti umani e di stati europei che vogliono la fine della pena capitale.

    I risultati della ricerca, commissionata a dicembre dal governo di Tokyo, ha mostrato che l'appoggio popolare alla pena di morte – che si attesta all'81,4% - è oggi più alto di quella del 1956, secondo quanto riportato dal quotidiano Asahi. Solo il 6% dei giapponesi si sono dichiarati favorevoli all'abolizione della pena di morte.

    L'ultimo sondaggio effettuato su tale tema risale al 1999, quando i sostenitori dell'esecuzione capitale erano il 79,3%, gli oppositori l'8,8%.

    La maggioranza degli intervistati ha dichiarato che la pena di morte punisce giustamente i criminali riconosciuti colpevoli di omicidio; in questo modo – affermano i favorevoli - scoraggia  eventuali assassini e previene la crescita del crimine violento, comunque abbastanza raro nel paese. Tra gli stati economicamente avanzati, il Giappone ha uno dei più bassi indici di criminalità. Negli ultimi anni – segnati dalla recessione economica - si è comunque assistito ad una rapida crescita degli omicidi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2017 08:49:00 ONU - ASIA
    Onu contro la pena di morte: anacronistica e viola i diritti umani dei condannati

    Per il segretario generale Guterres essa “non ha ragione di esistere nel 21mo secolo”. Cina, Iran, Arabia Saudita e Iraq da sole sono responsabili dell’87% delle esecuzioni nel mondo. Nel 2016 le condanne sono diminuite del 37% rispetto all’anno precedente. L’appello: “Mettete fine alle esecuzioni”. 

     



    10/02/2005 CINA
    Cina, escalation di condanne a morte per il nuovo anno
    Nelle due settimane prima del Capodanno le esecuzioni sono state 200.

    11/01/2007 IRAN
    Dopo processi farsa, Teheran prepara la forca per 7 arabi
    La denuncia è di investigatori Onu per i diritti umani; i sette sono originari della provincia di Khuzestan, dove forti sono le manifestazioni anti-governative. Lo scorso fine settimana in un milione hanno scritto al presidente Ahmadinejad per protestare contro la dilagante disoccupazione.

    25/03/2016 09:46:00 GIAPPONE
    Due esecuzioni in Giappone. Mons. Kikuchi: Se invitate papa Francesco dovreste anche ascoltarlo

    Questa mattina il ministro della Giustizia ha confermato l’impiccagione di un serial killer e di un’infermiera, che avrebbe ucciso per ricevere i soldi dell’assicurazione. Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia: “Molto triste che questo avvenga nel Triduo pasquale, e per di più nel giorno del Venerdì santo. Ma mi sorprende soprattutto l’atteggiamento del governo. Invita con serietà e insistenza Francesco nel Paese, ma i suoi appelli per una moratoria alla pena di morte sono del tutto ignorati”.



    26/02/2016 11:14:00 THAILANDIA
    Buddisti e cattolici thai contro la pena di morte: Non serve ad evitare i crimini

    L’abate buddista Phra Paisal Visalo commenta l’appello di papa Francesco a favore dell’abolizione della pratica: “Studi in tutto il mondo dimostrano che i crimini calano una volta tolta la pena capitale. Per la nostra religione ‘non uccidere’ è il primo e principale comandamento”. Sacerdote: “Chi sbaglia è giusto che sia punito dallo Stato, ma bisogna sempre dare una possibilità di redenzione”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®