17 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 21/02/2005, 00.00

    giappone

    L'80% dei giapponesi favorevole alla pena di morte



    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - Oltre l'80% dei giapponesi appoggia l'uso della pena di morte come deterrente al crimine. È il risultato di un recente sondaggio che dimostra il diffuso allarme sulla recente ondata di omicidi di alto profilo avvenuti nel paese.

    Da quando il Giappone ha revocato una moratoria di 4 anni della pena capitale decisa nel 1993, voci di critiche si sono lavate varie da parte di gruppi in difesa dei diritti umani e di stati europei che vogliono la fine della pena capitale.

    I risultati della ricerca, commissionata a dicembre dal governo di Tokyo, ha mostrato che l'appoggio popolare alla pena di morte – che si attesta all'81,4% - è oggi più alto di quella del 1956, secondo quanto riportato dal quotidiano Asahi. Solo il 6% dei giapponesi si sono dichiarati favorevoli all'abolizione della pena di morte.

    L'ultimo sondaggio effettuato su tale tema risale al 1999, quando i sostenitori dell'esecuzione capitale erano il 79,3%, gli oppositori l'8,8%.

    La maggioranza degli intervistati ha dichiarato che la pena di morte punisce giustamente i criminali riconosciuti colpevoli di omicidio; in questo modo – affermano i favorevoli - scoraggia  eventuali assassini e previene la crescita del crimine violento, comunque abbastanza raro nel paese. Tra gli stati economicamente avanzati, il Giappone ha uno dei più bassi indici di criminalità. Negli ultimi anni – segnati dalla recessione economica - si è comunque assistito ad una rapida crescita degli omicidi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2017 08:49:00 ONU - ASIA
    Onu contro la pena di morte: anacronistica e viola i diritti umani dei condannati

    Per il segretario generale Guterres essa “non ha ragione di esistere nel 21mo secolo”. Cina, Iran, Arabia Saudita e Iraq da sole sono responsabili dell’87% delle esecuzioni nel mondo. Nel 2016 le condanne sono diminuite del 37% rispetto all’anno precedente. L’appello: “Mettete fine alle esecuzioni”. 

     



    10/02/2005 CINA
    Cina, escalation di condanne a morte per il nuovo anno
    Nelle due settimane prima del Capodanno le esecuzioni sono state 200.

    11/01/2007 IRAN
    Dopo processi farsa, Teheran prepara la forca per 7 arabi
    La denuncia è di investigatori Onu per i diritti umani; i sette sono originari della provincia di Khuzestan, dove forti sono le manifestazioni anti-governative. Lo scorso fine settimana in un milione hanno scritto al presidente Ahmadinejad per protestare contro la dilagante disoccupazione.

    25/03/2016 09:46:00 GIAPPONE
    Due esecuzioni in Giappone. Mons. Kikuchi: Se invitate papa Francesco dovreste anche ascoltarlo

    Questa mattina il ministro della Giustizia ha confermato l’impiccagione di un serial killer e di un’infermiera, che avrebbe ucciso per ricevere i soldi dell’assicurazione. Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia: “Molto triste che questo avvenga nel Triduo pasquale, e per di più nel giorno del Venerdì santo. Ma mi sorprende soprattutto l’atteggiamento del governo. Invita con serietà e insistenza Francesco nel Paese, ma i suoi appelli per una moratoria alla pena di morte sono del tutto ignorati”.



    26/02/2016 11:14:00 THAILANDIA
    Buddisti e cattolici thai contro la pena di morte: Non serve ad evitare i crimini

    L’abate buddista Phra Paisal Visalo commenta l’appello di papa Francesco a favore dell’abolizione della pratica: “Studi in tutto il mondo dimostrano che i crimini calano una volta tolta la pena capitale. Per la nostra religione ‘non uccidere’ è il primo e principale comandamento”. Sacerdote: “Chi sbaglia è giusto che sia punito dallo Stato, ma bisogna sempre dare una possibilità di redenzione”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®