19 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/10/2016, 09.06

    COREA DEL SUD

    La “Rasputin della Corea” è tornata in patria per lo scandalo sui discorsi della presidente Park



    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica e confidente della Park dai tempi dell’uccisione della madre, nel 1974. Choi padre era un personaggio ambiguo, prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa da lui fondata. Manifestazioni a Seoul e a Busan che accusano la Park di essere “un burattino” della Choi.

    Seoul (AsiaNews) – Choi Soon-sil, soprannominata dai media “la Rasputin della Corea” è tornata ieri in patria per rispondere alle accuse di aver influenzato la presidentessa Park Geun-hye editando i suoi discorsi e consigliandola al di fuori di ogni canale ufficiale.

    Lo scandalo politico che è nutrito ogni giorno da nuove rivelazioni, rischia di azzoppare l’ultimo anno di presidenza della Park e di toglierle ogni possibilità di essere rieletta.

    Due giorni fa in serata migliaia di coreani hanno manifestato per le strade di Seoul e Busan domandano le dimissioni della Park. Da parte sua la presidentessa ha chiesto le dimissioni di 10 dei suoi segretari che avrebbero permesso l’influenza di Choi Soon-sil.

    Portando candele e indossando maschere col viso della Park e di Choi, la gente gridava slogan quali “Chi è il vero presidente?” e “Park Geun-hye dimettiti”. Alcuni avevano in mano dei bastoni con fili che muovevano le braccia di altri manifestanti, suggerendo che Park sia stata guidata come “un burattino” dalla Choi.

    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica della Park dagli anni ’70. Suo padre, Choi Tae-min, ora defunto, era un personaggio ambiguo. Prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa della Vita eterna, egli ha incontrato e confortato la Park dopo l’assassinio della madre, la moglie del dittatore Park Chung-hee, uccisa nel 1974. Choi Tae-min rivelò che la donna le era apparsa in sogno chiedendogli di aiutare la figlia.

    Dopo l’uccisione di Park, da parte del suo capo di spionaggio nel 1981, i legami fra Choi padre e figlia e Park Geun-hye si sono rafforzati. Alla morte di Choi Tae-min nel 1994, la figlia ha continuato a svolgere il ruolo di confidente e amica della Park. Il suo ex marito ha servito la Park fino alle elezioni presidenziali del 2012.

    Le accuse puntano sul fatto che la Choi avrebbe ricevuto i discorsi della Park e li avrebbe editati, pur non essendo parte del suo staff; inoltre avrebbe consigliato la presidentessa assunzioni di persone nel governo.

    Choi è anche accusata di aver usato la sua influenza sulla Park per ricevere fondi da compagnie coreane e di essersi appropriata di denaro destinato a organizzazioni no-profit.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/12/2012 COREA DEL SUD
    Corea del Sud, Park Geun-hye è il nuovo presidente
    La candidata del Partito conservatore Saenuri, sostenuta dalle grandi aziende del Paese, avrebbe ottenuto il 52,8 % dei voti in una delle elezioni con più votanti nella storia coreana. Figlia dell’ex dittatore, ha chiesto scusa per i metodi del padre ma non ne ha mai rinnegato l’operato. Una fonte ad AsiaNews: “Deve scegliere fra Pechino e Washington”.

    12/04/2012 COREA DEL SUD
    I conservatori vincono le elezioni e lanciano Park Geun-hye alla presidenza
    A sorpresa il Saenuri, formazione al governo, ottiene la maggioranza dei seggi all’Assemblea nazionale e spiana la strada alla propria candidata, cattolica, per le presidenziali di dicembre. Una fonte spiega ad AsiaNews: “Figlia del dittatore coreano, ha vissuto un lungo travaglio interiore e una conversione”.

    26/11/2012 COREA DEL SUD
    Corea, le presidenziali “sono ormai una lotta fra bene e male”
    Con il ritiro del candidato indipendente Ahn Cheol-soo, che ha promesso di sostenere il democratico Moon Jae-in, la contesa per il voto del 19 dicembre diventa una sfida a due contro la candidata del partito conservatore, Park Geun-hye. Il segretario esecutivo della Conferenza episcopale: “Da una parte c’è la possibilità di andare avanti verso una società migliore; dall’altra lo spettro di una società malvagia”.

    20/12/2012 COREA DEL SUD
    Corea, la Chiesa “prega perché la Park faccia il meglio possibile”
    Per il vescovo di Daejeon “la vittoria della candidata conservatrice Park Geun-hye è un segno di come il pensiero di Dio sia imperscrutabile”. I dati elettorali dimostrano che il Paese è spaccato in due. Una fonte cattolica ad AsiaNews: “Non ci sono grandi novità in questo voto. È donna, ma non ha figli, e suo padre aveva la metà dei consensi anche quando era dittatore in carica”.

    18/10/2012 COREA DEL SUD
    Park Geun-hye: la figlia di un dittatore che ha scoperto la democrazia
    La Park è la candidata conservatrice alle elezioni del 19 dicembre. La vittoria è tutt’altro che assicurata. La sua vita assume il carattere di simbolo della nazione negli ultimi decenni. Difende la memoria del padre, ma ne ha denunciato errori e deviazioni.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®