5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/08/2012
TAIWAN
La Chiesa taiwanese celebra la "giornata degli aborigeni"
di Xin Yage
Ai circa 500mila indigeni, originari abitanti dell'isola, i vescovi chiedono di custodire la cultura tradizionale e la lingua; salvaguardare il matrimonio; incoraggiare le vocazioni religiose. Dopo secoli di emarginazione, a Taiwan si assiste a un revival del valore delle culture indigene. Un film interpretato da un pastore presbiteriano.

Taipei (AsiaNews) - Ieri primo agosto, la Chiesa cattolica di Taiwan ha celebrato l'annuale "giornata degli aborigeni", gli abitanti originari dell'isola. In una lettera dei vescovi, pubblicata questa settimana, si spinge tutti all'attenzione verso coloro che storicamente furono i primi abitanti dell'isola di Formosa.

Le popolazioni indigene, suddivise in decine di tribù, hanno avuto in passato vita difficile, subendo tentativi di colonizzazione e di assimilazione. Secondo dati del 2009 a Taiwan esistono oggi circa 500mila aborigeni, che vivono in maggioranza sulle montagne dell'isola. Difficoltà linguistiche, di scolarità e disoccupazione causano spesso una forte emarginazione.

La lettera pubblicata dai vescovi taiwanesi offre indicazioni proprio sulla loro situazione. In particolare si sottolineano tre punti fondamentali:

  • 1) Anzitutto "consolidare la trasmissione della cultura tradizionale aborigena" alle attuali e alle future generazioni. Questo può avvenire preservando la lingua propria delle diverse tribù in modo che i bambini fin da piccoli possano apprenderla e parlarla in famiglia e nei villaggi. La lingua materna segna l'identità delle persone e ricorda il legame alla cultura, alla storia e ai valori che vengono trasmessi tra le varie generazioni. E' la lingua che gli studenti aborigeni usano al di fuori delle ore di lezione e che ricorda i legami familiari, il segno tangibile dell'appartenenza alla storia di questa bellissima isola.
  • 2) Particolare attenzione al matrimonio e alla famiglia, collegata al cammino di fede e alle scelte di vita. Come già Giovanni Paolo II affermava: "Il matrimonio e la famiglia costituiscono uno dei beni più preziosi dell'umanità" da salvaguardare con estrema attenzione, perché "nei tempi odierni la famiglia è stata, come e forse più di altre istituzioni, investita dalle ampie, profonde e rapide trasformazioni della società e della cultura" (Familiaris consortio, 1). Riscoprendo il significato originario nella cultura aborigena, si può riflettere profondamente sul sacramento del matrimonio e sul valore della famiglia per le generazioni più giovani.
  • 3) Infine, insieme alla vocazione matrimoniale, è sottolineato nel terzo punto l'orizzonte della collaborazione tra le parrocchie e le diocesi a cui gli aborigeni appartengono. In questo contesto si incoraggiano le vocazioni religiose e al sacerdozio come chiamata da parte di Gesù a collaborare alla sua missione.

Chi vive a contatto con gli indigeni di Taiwan, non può non essere coinvolto dalla voglia di vivere e dalla gioia che bambini, giovani e adulti aborigeni dimostrano nei loro canti e nelle danze collettive trasmesse dalle generazioni più anziane. Secondo molti cattolici "questa gioia e questa passione per la vita sono un grande segno del sorriso di Dio sul mondo".

A Taiwan vi sono molti tentativi di ridare valore e orgoglio alla cultura indigena. Lo scorso inverno Taiwan ha potuto ammirare la proiezione di un film epico sulla vita di un eroe locale che all'inizio del Novecento ha cercato di difendere gli abitanti dell'isola dalla conquista straniera. L'eroe del film è un aborigeno, interpretato in modo magistrale da un pastore presbiteriano della tribu' Atayal, un attore non professionista. La durata del film è di più di quattro ore ed è la più' costosa produzione cinematografica della storia di Taiwan. E' stato proiettato prima nelle sale cinematografiche e poi in televisione proprio la scorsa settimana. Ora è in vendita in dvd, col titolo "Warriors of the Rainbow: Seediq bale". Questo testimonia quanto le tribù aborigene siano "tornate ora alla ribalta" nella società taiwanese, perché rappresentano la parte essenziale della storia e dell'identità dell'isola. 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/02/2015 BANGLADESH
Bangladesh, il governo vieta agli stranieri di parlare con i tribali di Chittagong
di Nozrul Islam
13/02/2014 INDIA
Card. Thottunkal: Inviterò papa Francesco in India
di Nirmala Carvalho
12/04/2010 VIETNAM
E’ tornato a Hanoi l’arcivescovo Kiet
26/02/2010 VIETNAM
Suore aggredite e picchiate dalla polizia a Dong Chiem
di Emily Nguyen
27/06/2011 VIETNAM
Appello dei fedeli di Con Dau, aiutateci a salvare la nostra parrocchia
di Joseph Quang Trung

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate