27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/01/2013, 00.00

    CINA – USA

    La Cina, con la legge del figlio unico, ha ucciso 400 milioni di bambini. Ora basta

    Reggie Littlejohn

    Il movimento pro-life americano premia Reggie Littlejohn per il suo impegno contro la politica del figlio unico in Cina: “Mi chiedo dove sono tutti quelli che parlano di diritto alla scelta. Gli aborti forzati e la sterilizzazioni ordinate dal Partito comunista sono una scelta? Uniti possiamo vincere questa battaglia”.

    Washington (AsiaNews) - Fra poche ore sfileranno per le strade della capitale americana oltre 500mila persone per cercare di fermare l'aborto. Si tratta dell'annuale Marcia per la vita, la 40ma da quando è stato istituito il primo movimento pro-life negli Usa, durante la quale si tengono veglie di preghiera e momenti di approfondimento sulla vita e sulle minacce che subisce in tutto il mondo. Quest'anno il Riconoscimento nazionale pro-life, il premio assegnato dagli organizzatori, va a Reggie Littlejohn che con la sua organizzazione - la Women's Rights Without Frontiers - combatte contro gli aborti forzati e le sterilizzazioni in Cina. Di seguito il testo del discorso che sarà pronunciato questa sera (ora italiana). Traduzione a cura di AsiaNews.

    È con molta umiltà che ricevo questo premio, che accetto in nome delle donne e dei bambini cinesi che soffrono in maniera indescrivibile sotto la brutale legge del figlio unico, in vigore in Cina. Il fatto che abbiate scelto di riconoscere il mio lavoro - teso a fermare gli aborti forzati e di genere in Cina - indica che l'obiettivo del movimento statunitense per la vita va oltre i confini di questa terra e si estende alle atrocità che avvengono anche dall'altro lato del pianeta. Per mano di un regime totalitarista brutale, quello del Partito comunista cinese.

    Avrete forse sentito alcuni rapporti secondo cui la Cina sta per fermare la sua politica del figlio unico. Questo è falso. Qualche tempo fa (il 14 gennaio 2013) Wang Xia, presidente della Commissione nazionale per la popolazione e la pianificazione familiare, ha dichiarato: "Dobbiamo aderire senza alcun tentennamento a questa politica del figlio unico, una politica nazionale che come primo obiettivo ha quello di stabilizzare il tasso delle nascite verso un valore basso". La politica del figlio unico in Cina è qui per rimanere.

    L'ampiezza della sofferenza provocata [da questa politica] è quasi inimmaginabile. Dal verdetto Roe vs Wade del 1973, negli Stati Uniti si sono verificati circa 55 milioni di aborti. Dall'istituzione della politica del figlio unico in Cina, nel 1980, il Partito comunista cinese dichiara di aver "prevenuto" 400 milioni di nascite. Un numero che supera l'intera popolazione americana. Molte di queste nascite sono state "prevenute" attraverso gli aborti forzati. La politica di pianificazione familiare trascina le donne fuori dalle loro case e le costringe ad abortire i propri figli, persino al nono mese di gravidanza. I funzionari della pianificazione familiare ordinano inoltre sterilizzazioni non volute e persino l'infanticidio, l'omicidio di infanti.

    A causa della preferenza per i maschi, le femmine sono l'obiettivo primario degli aborti solo perché sono di questo sesso. Secondo una stima delle Nazioni Unite, più di 200 milioni di bambine non sono nate nel mondo a causa di aborti selettivi basati sul genere sessuale.

    La politica del figlio unico cinese causa ancora più violenze contro le donne e le ragazze di tutte le altre in atto nel mondo, e più di quelle mai provocate da alcuna politica ufficiale nell'intera storia mondiale. La causa va ricercata nell'enorme numero di persone coinvolte: una donna su 5, nel mondo, è cinese. Questa è una vera "guerra contro le donne".

    Grazie per il vostro interesse per le donne e i bambini cinesi. Dovreste essere encomiati per la vostra presa di posizione contro una delle questioni più difficili della nostra era: l'applicazione coercitiva della politica del figlio unico in Cina.

    La mia domanda è questa: in questa situazione, dov'è il movimento pro-scelta ["pro-choice" è ilmovimento abortista che pretende di difendere i diritti della donna alla 'scelta' per avere un figlio oppore no- ndr]? Una persona può essere pro-life o pro-scelta, ma nessuno può sostenere un aborto forzato. Perché questa non è una scelta. Perché i movimenti pro-scelta non stanno condannando gli aborti forzati in Cina? Perché non si impegnano contro le sterilizzazioni forzate? Perché non denunciano gli aborti selettivi ai danni delle bambine? In questo momento, proprio mentre vi sto parlando, ci sono donne che vengono portate fuori dalle loro case con la forza, legate a un tavolo e costrette a subire aborti forzati e sterilizzazioni. Io sfido queste organizzazioni a prendere una posizione.

    Eppure esiste ancora speranza. Women's Rights Without Frontiers ha da poco lanciato la campagna "Salva una bambina", che sta salvando la vita delle bimbe in Cina. Abbiamo operatori sul campo che individuano quelle donne che - dopo aver fatto un'ecografia e aver scoperto di aspettare una figlia - pensano di abortire o abbandonarle. Le raggiungiamo, le persuadiamo a tenere queste figlie e diamo loro un aiuto mensile per un anno per sostenerle mentre crescono le loro bambine. Questa campagna sta salvando delle vite in Cina. Potete trovarla sul sito internet di Women's Rights Without Frontiers.

    Sono veramente grata per questo premio ma ancora di più per tutte le vite impegnate che sono in questa stanza. Possa il potere di ogni cuore infiammato combinarsi con quello degli altri, per scatenare una fiamma che possa dare fuoco al mondo intero.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/10/2013 CINA - STATI UNITI
    Chen Guangcheng assunto dalla Catholic University
    Dopo la rottura con la New York University, tre istituzioni accademiche americane offrono un posto di lavoro al dissidente cieco, noto per le sue battaglie contro gli aborti forzati in Cina. Il rettore dell’ateneo cattolico: “Siamo lieti di poter aiutare un uomo che con la sua testimonianza rende onore ai valori in cui crediamo”. Lui ringrazia per il sostegno “dal quale nasceranno buoni frutti”.

    26/03/2014 CINA - STATI UNITI
    La signora Obama a Pechino "una figura pessima, ignorando gli abusi contro le donne cinesi"
    Reggie Littlejohn, presidente di Women's Rights Without Frontiers, critica la visita della First Lady Americana in Cina: "Come madre di due figlie, avrebbe potuto parlare di aborti forzati e sterilizzazioni dando una mano a centinaia di milioni di donne costrette a subire abusi terribili. Come moglie di un Nobel per la pace, avrebbe potuto fare visita a Liu Xia. Invece ha deciso di godersi il viaggio senza fare nulla".

    10/04/2013 CINA – STATI UNITI
    Chen Guangcheng accusa: Pechino ha infranto le promesse fatte dopo il mio esilio
    Il dissidente cieco, noto per le sue battaglie contro gli aborti e le sterilizzazioni forzate in Cina, è riuscito a scappare dalla Cina con una rocambolesca fuga e l’aiuto diplomatico di Washington. Ma il regime, nonostante le assicurazioni fatte, si sta vendicando sulla sua famiglia. Un ringraziamento a Christian Bale: “Sembra davvero Batman”.

    01/05/2015 CINA
    Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
    La famigerata legge viene ogni tanto “aggiustata”, ma non eliminata. E sta creando disastri demografici, mancanza di manodopera, invecchiamento della popolazione, squilibri fra maschi e femmine con tratta delle donne e schiavismo sessuale. Ma il governo non l’abolisce perché con essa si controlla tutta la popolazione. Il Partito mantiene “il potere nelle sue mani versando il sangue di donne e bambini innocenti della Cina”. La testimonianza di Reggie Littlejohn alla Commissione esecutiva sulla Cina del Congresso Usa.

    20/09/2005 CINA
    Il governo cinese ammette: "Avvenute sterilizzazioni ed aborti forzati"

    Dopo la denuncia di un attivista per i diritti umani il governo ammette "violazioni dei diritti umani nella provincia dello Shandong".





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®