26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/12/2016, 08.46

    KIRGHIZISTAN-CINA

    La Cina colonizza il Kirghizistan



    Gli accordi bilaterali di giugno fra Pechino e Bishkek hanno aperto le porte all’espansionismo cinese in Kyrgyzstan. Il 77% degli operai nel Paese sono cinesi.

    Bishkek (AsiaNews) – L’agenzia stampa kirghisa per la gestione dell’immigrazione, ha comunicato l’8 dicembre scorso che circa il 77% degli operai del Paese è costituito da cittadini cinesi. Il numero sale in modo costante da giugno, quando Pechino e Bishkek hanno concordato di affidare 40 fabbriche kirghise – alcune di esse a rischio di fallimento – ai cinesi per industrializzare il Paese.

    Secondo gli accordi, l’80% degli operai nelle fabbriche cinesi dev’essere di nazionalità kirghisa e il tetto massimo di lavoratori stranieri nel Paese è di 13500 per anno.

    Sebbene l’ambasciata cinese a Bishkek affermi che nel Paese vi siano circa solo 20mila lavoratori cinesi impegnati a svolgere lavori di vario genere, l’ex ministro per la gioventù, lavoro e migrazione sostiene che il numero reale si aggiri attorno ai 50mila. Erkin El, una delle aziende ritiene che il numero di migranti illegali cinesi residenti in Kyrgyzstan siano circa 300mila.

    Negli ultimi mesi la Cina ha acquisito una gran quantità di risorse dal Kyrgyzstan come petrolio, carbone, metalli preziosi e gas naturali. Questo viene vissuto in modo negativo dagli abitanti che vedono questi accordi bilaterali come una legittimazione dell’espansionismo cinese.

    Con una popolazione di 5,5milioni di abitanti, il Kyrgyzstan sta affrontando una crisi occupazionale. Sono circa 500mila kirghisi che scoraggiati dalla disoccupazione e dai bassi salari imposti dalle gestioni cinesi, svolgono lavori stagionali in Russia o Kazakhstan.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2009 CINA
    Continua la fuga dalla Cina degli investimenti esteri
    Gli investimenti esteri diretti diminuiti del 17,8% a maggio, ottavo mese consecutivo di declino. La fuga dei capitali esteri colpisce soprattutto l’industria manifatturiera con grave perdita di posti di lavoro.

    26/01/2010 KIRGHIZISTAN - UZBEKISTAN
    Una guerra tra poveri la ricerca di lavoro dei migranti uzbeki in Kirghizistan
    Vengono come stagionali da marzo a novembre, accettano qualsiasi lavoro per salari minimi, a volte non sono pagati, ma sono clandestini e non possono protestare. Ma il lavoro è comunque poco e gli operai kirghisi lamentano che così rimane basso il prezzo della mano d’opera. Il pericolo di tensioni interetniche.

    07/03/2011 CINA
    L’aumento del greggio costringerà Pechino ad attuare più giustizia sociale
    Il noto economista Andy Xie ritiene che le proteste del Nord Africa e l’aumento del costo del greggio causino gravi effetti sull’economia cinese, già in difficoltà. Per impedire sommosse, Pechino deve tutelare le esigenze delle classi minute, piuttosto che delle grandi aziende statali.

    07/01/2016 CINA
    Cina, la legge del figlio unico sopravvive nelle aziende
    Un’industria di Changchun impone alle proprie dipendenti di avvertire la dirigenza “un anno prima” per una nuova maternità. Si tratta di un fenomeno in crescita nel Paese: il Partito ha alleggerito la politica di controllo delle nascite, ma gli interessi economici la mantengono di fatto in vigore. L’indignazione dei social network.

    11/12/2009 CINA
    Da Pechino nuovi segnali di ripresa economica
    Crescono i dati relativi alle esportazioni e i prezzi al consumo, che si assestano sullo 0,6% rispetto allo 0,4% previsto dagli esperti. Aumentano anche le vendite al dettaglio, segnale di buona salute del mercato interno. Ma Pechino teme la bolla bancaria, e pianifica una riduzione dello stimolo.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®