1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2011
CINA
La Cina nega le cure ai bambini avvelenati col piombo
Lo denuncia Human Rights Watch, che accerta numerosi casi in cui le autorità di Henan, Yunnan, Shaanxi e Hunan falsificano i test medici dei bambini per negare il problema. E osserva che non basta fornire cure, quando si vive in villaggi ormai contaminati.

Pechino (AsiaNews/Hrw) – Le autorità di province molto inquinate quali Henan, Yunnan, Shaanxi e Hunan, “restringono le possibilità di fare esami per accertare l’avvelenamento da piombo, nascondono e falsificano i risultati dei test e negano ai bambini le cure necessarie”. L'organizzazione Human Rights Watch (Hrw) denuncia che “a bambini con un livello pericoloso di piombo nel sangue sono state rifiutate le cure mediche e sono stati rimandati nelle loro case contaminate in villaggi inquinati”.

La rapida industrializzazione del Paese è avvenuta anche a danno dell’ambiente e molte zone soffrono ormai di un inquinamento cronico. Negli ultimi anni ha suscitato speciale allarme l’avvelenamento da piombo nel sangue, per la diffusione del fenomeno e la gravità delle conseguenze, specie per i bambini che rischiano ritardi nella crescita e danni mentali permanenti.

Nel rapporto “I miei bambini sono stati avvelenati: una crisi sanitaria pubblica in 4 province cinesi”, Hrw documenta gli esiti di studi approfonditi. L’esito è desolante: le autorità continuano a disinteressarsi delle conseguenze, immediate e a lungo termine, dell’avvelenamento da piombo nel sangue, al punto da rifiutare le analisi e le cure a chi non vive molto vicino alla fabbrica. “Genitori, giornalisti e attivisti locali che osano denunciarlo – spiega Joe Amon, direttore di Hrw per i settori Sanità e Diritti umani – sono arrestati, minacciati e costretti al silenzio”. La ong osserva anche che gli esiti delle analisi mediche sugli stessi soggetti, a distanza di breve tempo, sono spesso contraddittori, cosa che fa pensare a una falsificazione.

Negli ultimi anni sono scoppiati numerosi scandali per l’avvelenamento da piombo che ha colpito intere comunità. A giugno oltre 600 persone, tra cui 103 bambini, sono risultati avere quantità eccessive e pericolose di piombo nel sangue, contea di Shaoxing nello Zhejiang: molti adulti lavorano a una fabbrica che tratta il metallo, ma si ritiene inquinata l’intera zona, visto che è contaminato anche il sangue dei bambini.

Ma i casi di intere comunità con piombo nel sangue sono stati numerosi. In risposta, il ministro per la Protezione Ambientale ha ordinato di aumentare le ispezioni sulle fabbriche e studia regole più rigide per la tutela dell’ambiente, come pure accuse penali per imprenditori e politici locali che violano le restrizioni a favore dell’ambiente. Invece molto poco è stato fatto per ridurre l’inquinamento da piombo nei villaggi contaminati. Inoltre spesso le autorità locali continuano a non impedire l’inquinamento.

Amon osserva che “non è sufficiente punire imprenditori e funzionari pubblici, dopo che un villaggio è stato inquinato in modo grave. Il governo deve fornire trattamenti sanitari ed assicurarsi che i bambini non siano poi subito esposti di nuovo a livelli tossici di piombo”.

Tra le decine di testimonianze riportate nel rapporto, una madre dello Yunnan dice: “Il dottore ci ha detto che tutti i bambini del villaggio erano affetti da avvelenamento da piombo. Pochi mesi dopo, ci ha detto che tutti i bambini erano sani. Non ci hanno voluto mostrare i risultati delle analisi”.

Una nonna dello Shaanxi dice di avere chiesto cure per il nipote e che “il governo ci ha dato aglio e detto di dare tanto aglio al bambino. Abbiamo chiesto loro medicine, qualcosa per farlo stare meglio. Ci hanno risposto che non ci sono medicine per l’avvelenamento da piombo”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/06/2011 CINA
Inquinamento nello Zhejiang: piombo nel sangue di 600 persone
20/08/2009 CINA
Continua a lavorare la fonderia cinese che avvelena i bambini
27/07/2010 CINA
Nello Yunnan piombo nel sangue di almeno 84 bambini
28/03/2011 CINA
Fatti di “normale” inquinamento: alluminio nei fiumi, piombo nel sangue
13/08/2007 CINA
Giocattoli tossici, si impicca direttore di fabbrica

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate