16/01/2013, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

La Corte suprema conferma: Rimsha Masih è innocente. Soddisfatto Paul Bhatti

Il massimo organismo giuridico ha respinto il ricorso presentato dagli avvocati dell’accusa. Per i legali della minorenne cristiana è un “segnale positivo” per l’immagine del Pakistan. Paul Bhatti ad AsiaNews: Non siamo fuggiti davanti alla legge, dando fiducia alla giustizia.

Islamabad (AsiaNews) - La Corte suprema pakistana ha respinto il ricorso contro la sentenza emessa dall'Alta corte di Islamabad, confermando il proscioglimento della 14enne cristiana Rimsha Masih dall'accusa di blasfemia. Il verdetto è giunto ieri, durante la prima udienza, ed è un segnale ulteriore della ferma convinzione dei giudici circa l'innocenza della minorenne. Affetta da un disturbo mentale, la ragazza è stata arrestata in base alla "legge nera" nell'agosto scorso, poi rilasciata su cauzione e scagionata durante il processo. Raggiunto al telefono da AsiaNews il ministro federale Paul Bhatti, impegnato in una serie di conferenze negli Stati Uniti, non nasconde la propria "soddisfazione" per l'esito del processo, a conferma che "Rimsha Masih è innocente".

Bhatti, consigliere speciale del premier per l'Armonia nazionale, conferma ad AsiaNews la "soddisfazione" anche della comunità cristiana perché "la giustizia ha fatto il suo corso" e ancora una volta si è dimostrato in aula che "Rimsha Masih è innocente". Sono state giornate di "stress e tensione", spiega il ministro cattolico, ma "alla fine la giustizia ha prevalso ancora una volta e abbiamo avuto un verdetto positivo". Invece di far fuggire la ragazza assieme alla famiglia, conclude, si è affrontato "l'iter processuale e ora siamo soddisfatti".

L'appello al massimo organismo giuridico è stato presentato dai legali di Malik Ummad, il grande accusatore di Rimsha Masih, che avrebbe "visto" la giovane bruciare pagine del Corano; egli ha avvertito l'imam Khalid Jadoon Chishti, il quale ha sporto denuncia alla polizia. Gli avvocati dell'accusa avrebbero voluto riaprire il caso - nel quale ora è imputato proprio il leader religioso per il reato di blasfemia e calunnia - per ottenere la condanna della minorenne cristiana. Tuttavia, i giudici hanno ribadito ancora una volta la sua innocenza.

Il collegio era composto dal capo della Corte suprema Iftikhar Muhmmad Chaudhary, insieme ai colleghi Sh. Azmat Saeed e Gulzar Ahmad. Ai magistrati è bastata una sola udienza per confermare l'innocenza della giovane, difesa dall'avvocato Abdul Hameed Rana, insieme agli assistenti Akmal Bhatti e Tahir Naveed Chaudhary. Quest'ultimo ha definito la sentenza un "segnale positivo" per l'immagine del Pakistan in seno alla comunità internazionale, perché "c'è davvero la possibilità per tutti di ottenere giustizia".

Il 7 settembre scorso i giudici del tribunale di Islamabad hanno ordinato il rilascio su cauzione della ragazza, arrestata ad agosto con l'accusa di blasfemia, perché avrebbe profanato il Corano. In realtà si è trattato di un'accusa montata ad arte dall'imam Khalid Jadoon Chishti, che ha agito col proposito di creare risentimento verso i cristiani e requisirne le proprietà. A distanza di poco più di due mesi, il 20 novembre, l'Alta corte di Islamabad  ha prosciolto la 14enne cattolica, perché il fatto non sussiste. Intervistata in esclusiva da AsiaNews alla vigilia del Natale, la ragazza - che si trova in un luogo sicuro, assistita dagli attivisti cattolici di All Pakistan Minorities Alliance (Apma) - ha lanciato un appello a favore di Asia Bibi e di tutte le altre vittime cristiane di blasfemia.(DS) 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rimsha Masih: il mio Natale vicino ad Asia Bibi e alle vittime della blasfemia
20/12/2012
Paul Bhatti ad AsiaNews: dialogo con l’islam, per salvare “centinaia” di Asia Bibi
14/12/2012
Rinviato il processo di Rimsha Masih. Vescovo di Islamabad: proscioglimento immediato
13/09/2012
Islamabad: domani a processo Rimsha Masih, bambina disabile cristiana blasfema
12/09/2012
Paul Bhatti: “felicità e soddisfazione” per il rilascio (su cauzione) di Rimsha Masih
07/09/2012