30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/12/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Rimsha Masih: il mio Natale vicino ad Asia Bibi e alle vittime della blasfemia

    Dario Salvi

    “Sono felice” racconta la ragazza e “per le feste vorrei in regalo bei vestiti e scarpe carine”. Il desiderio di tornare a scuola, ma resta il problema sicurezza. Il padre ringrazia Gesù, Paul Bhatti e il governo ma avverte: “ci sentiamo in pericolo”. Rimsha e la famiglia inviano un saluto al Papa e augurano a Benedetto XVI e a tutti i cristiani del mondo “Buon Natale”.

    Roma (AsiaNews) - In questo periodo di Avvento, in preparazione al Natale, "chiedo ai cattolici, all'Occidente, alla comunità internazionale di aiutare tutti i cristiani in prigione, vittime delle leggi sulla blasfemia". È questo l'appello, affidato ad AsiaNews, di Rimsha Masih, minorenne cristiana affetta da problemi mentali, arrestata a causa della "legge nera" nell'agosto scorso e poi scagionata. Per settimane la sua vicenda ha occupato le cronache dei giornali pakistani e dei media mondiali, ottenendo solidarietà e partecipazione dentro e fuori il Paese. Grazie al lavoro del ministro federale Paul Bhatti, sostenuto dalla comunità musulmana e dal governo di Islamabad, la vicenda - per la prima volta - si è risolta in modo positivo. A pochi giorni dalle festività, Rimsha e la famiglia desiderano fare "gli auguri a Papa Benedetto XVI e a tutti i cristiani del mondo".

    Il 7 settembre scorso i giudici del tribunale di Islamabad hanno ordinato il rilascio su cauzione della ragazza, arrestata ad agosto con l'accusa di blasfemia, perché avrebbe profanato il Corano. In realtà si è trattato di un'accusa montata ad arte dall'imam Khalid Jadoon Chishti, che ha agito col proposito di creare risentimento verso i cristiani e requisirne le proprietà. A distanza di poco più di due mesi, il 20 novembre, l'Alta corte di Islamabad  ha prosciolto la 14enne cattolica, perché il fatto non sussiste. All'indomani della sentenza, il consigliere speciale del premier per l'Armonia nazionale Paul Bhatti ha parlato di "felicità e soddisfazione". Egli ha giudicato il verdetto un "precedente importante" in base al quale la legge "non potrà essere usata per fini personali" e "chi avanza false accuse, rischia di subire analoga sorte ed essere processato".

    La ragazza 14enne si trova al momento in un luogo al sicuro assieme alla famiglia, sotto la protezione del governo pakistano e degli attivisti cattolici della All Pakistan Minorities Alliance (Apma), associazione fondata da Shahbaz Bhatti - ex ministro per le Minoranze, assassinato dagli estremisti islamici - e ora guidata dal fratello Paul. Raggiunta al telefono da AsiaNews, Rimsha scherza con i fratelli, ride più volte nel corso dell'intervista, a conferma di un clima di relativa serenità. Dopo un periodo difficile, afferma la ragazza, "ora sono felice". "In questo Natale - aggiunge - ringrazio Dio per avermi salvato e Gesù Cristo per avermi aiutato".

    Dalle sue parole emerge la semplicità di una giovane, la cui vita è stata stravolta da un'accusa terribile e che chiede, in fondo, di poter tornare solo alla normalità. "Come regali - continua Rimsha - vorrei ricevere bei vestiti e un paio di scarpe carine". Aggiunge che un altro grande desiderio sarebbe quello di "poter tornare a scuola". E poi l'appello, rivolto a tutti i cristiani, all'Occidente, alla comunità internazionale: "Vi chiedo di sostenere e aiutare tutti i cristiani - conclude - che sono in prigione a causa delle leggi sulla blasfemia", fra cui Asia Bibi, perché bisogna "star loro vicino".  

    Misrek Masih, padre di Rimsha, ringrazia "Gesù per averci salvato" e rivolge un pensiero anche "al ministro Paul Bhatti e a tutta la sua organizzazione [Apma] per averci sostenuto. Una preghiera, infine, sarà dedicata anche al governo pakistano, che ha garantito la nostra protezione". Egli aggiunge però di "non sentirsi sicuro" e di "temere ancora per le sorti della famiglia", per questo il desiderio natalizio sarebbe quello di "trovare un rifugio in un Paese straniero, perché qui ci sentiamo ancora minacciati". "Non possiamo uscire in modo tranquillo - conclude il padre - la nostra vita è sempre in pericolo, i gruppi estremisti potrebbero colpirci. Sentiamo forte il desiderio di ricominciare una nuova vita altrove".

    Nonostante le difficoltà, i pericoli e le minacce, Rimsha e la famiglia aspettano con gioia e trepidazione i giorni di festa e vogliono concludere facendo gli auguri. "Vogliamo augurare Buon Natale al Papa - affermano in coro la ragazzina, i genitori e i fratelli - e a tutti i cristiani del mondo, ringraziandoli di cuore per il sostegno ricevuto. Ancora, Buon Natale". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2013 PAKISTAN
    La Corte suprema conferma: Rimsha Masih è innocente. Soddisfatto Paul Bhatti
    Il massimo organismo giuridico ha respinto il ricorso presentato dagli avvocati dell’accusa. Per i legali della minorenne cristiana è un “segnale positivo” per l’immagine del Pakistan. Paul Bhatti ad AsiaNews: Non siamo fuggiti davanti alla legge, dando fiducia alla giustizia.

    13/09/2012 PAKISTAN
    Rinviato il processo di Rimsha Masih. Vescovo di Islamabad: proscioglimento immediato
    Questa mattina i giudici hanno aggiornato la seduta, concedendo più tempo agli inquirenti per concludere le indagini e presentare il rapporto. L’imputata non era presente in aula per motivi di sicurezza. La sua sorte è legata al processo contro l’imam che ha falsificato le prove; prima udienza prevista per il 16 settembre.

    12/09/2012 PAKISTAN
    Islamabad: domani a processo Rimsha Masih, bambina disabile cristiana blasfema
    Libera su cauzione dal 7 settembre, la ragazza sarà processata (con false accuse) per aver bruciato versi del Corano. Dubbi sulla sua presenza in aula e timori per la sua incolumità. Mons. Rufin Anthony: il suo caso sarà fondamentale per “riformare le leggi sulla blasfemia”. Leader musulmano: “figlia del Pakistan”, la sua liberazione esempio di “armonia interconfessionale”.

    07/09/2012 PAKISTAN
    Paul Bhatti: “felicità e soddisfazione” per il rilascio (su cauzione) di Rimsha Masih
    Il politico cattolico pakistano plaude al lavoro della polizia e del governo, che ha portato alla liberazione della bambina disabile mentale arrestata per blasfemia. Egli ringrazia gli avvocati di Apma, gli ulema e le forze dell’ordine perché hanno contribuito a mantenere la calma e fare giustizia. Presto si riunirà alla famiglia.

    03/09/2012 PAKISTAN
    Paul Bhatti: rimandata al 7 l’udienza per il rilascio di Rimsha Masih, ma “restiamo ottimisti”
    Uno sciopero degli avvocati del Punjab ha annullato la seduta di oggi. Problemi familiari del titolare dell’inchiesta causa lo slittamento di un paio di giorni della prossima udienza. “Dolorose procedure” ma “siamo certi della liberazione”. E plaude all’arresto dell’imam che ha montato le accuse contro la ragazzina. Direttore Hrw: “deterrente fondamentale” per il futuro.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®