27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/12/2013, 00.00

    MONGOLIA - GIAPPONE

    La Mongolia 'rischia di diventare la pattumiera nucleare del mondo'



    Ryoko Imaoka, professoressa associata di Studi mongoli all'università di Osaka, ha deciso di vivere con i nomadi della Mongolia e di chiedere il loro aiuto per preparare un documento che provi quanto sia estesa la contaminazione radioattiva nella nazione asiatica. Dove oggi nascono agnelli con due teste e cammelli ciechi.

    Ulaanbaatar (AsiaNews) - Una ricercatrice giapponese ha deciso di vivere con i nomadi della Mongolia e di chiedere il loro aiuto per preparare un documento che provi quanto sia estesa la contaminazione radioattiva nella nazione asiatica senza sbocchi sul mare. Ryoko Imaoka, professoressa associata di Studi mongoli all'università di Osaka, ha fornito ai nomadi delle steppe mongole delle videocamere per documentare la frequenza delle nascite di animali deformi, che sembrano essere in aumento in modo particolare nei pressi delle miniere di uranio.

    La professoressa Imaoka, 51 anni, spiega all'Asahi Shimbun: "Con la rapida transizione verso un'economia di mercato in corso nel Paese, l'inquinamento ambientale sta diventando un problema molto serio. Quando mangia un animale, un mongolo non spreca neanche una goccia di sangue. Fa parte della loro cultura. E portare scorie nucleari nel Paese finirà per devastare la popolazione locale".

    Tre anni fa, una compagnia franco-mongola ha iniziato delle trivellazioni sperimentali nella parte meridionale del Paese in cerca di uranio. Poco dopo queste operazioni, hanno iniziato a verificarsi delle deformità nel bestiame vivo e delle mutazioni in quello neonato. Anche se la correlazione fra scavi e deformità deve ancora essere provata, i rapporti dall'area colpita parlano di agnelli a due teste e cammelli ciechi. Frequenti anche ulcere della pelle e malattie del sangue.

    Nonostante questa situazione, Giappone e Stati Uniti stanno vagliando la possibilità di scaricare proprio in Mongolia le proprie scorie nucleari. La miniera abbandonata nei pressi di Mardai, nel nord-est, è una delle zone sotto osservazione: qui si trovano anche le scorie radioattive lasciate dai sovietici dopo gli scavi e gli studi nucleari condotti nella zona ai tempi della Guerra Fredda.

    La Società di Studi mongoli, di cui la professoressa Imaoka fa parte, ha pubblicato la scorsa estate un ampio studio sulla questione nucleare. Inoltre, la docente sta traducendo un manuale giapponese in mongolo: il testo spiega come difendere i bambini dall'esposizione al nucleare.

    Imaoka è nata a Sakai, nella Prefettura di Osaka. Quando era alle medie, un programma televisivo sulla vita di Gengis Khan catturò il suo interesse, poi esteso alla Mongolia. Entrata all'università ha scelto di studiare il mongolo mentre si specializzava in topografia. Avendo visitato ogni anno negli ultimi due decenni il deserto del Gobi, ha testimoniato come sia cambiato lo stile di vita dei nomadi.

    Suo marito, mongolo, fa il meccanico. La docente racconta che a volte, attraversando il deserto, egli usa lo sterco del bestiame per produrre carburante: "I mongoli sono così, ritengono il ciclo della natura un valore. Mi hanno fatto capire che ognuno di noi è responsabile di quello che lo circonda. Non voglio vedere questa nazione diventare la pattumiera nucleare del mondo".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2008 CINA
    Scorie radioattive nella zona del terremoto. La censura cinese oscura le notizie
    Il terremoto dello scorso 12 maggio nel Sichuan ha danneggiato il più importante deposito cinese per lo smaltimento dei rifiuti nucleari, ma le autorità continuano a nascondere la reale portata dell’incidente. Fonti locali affermano che la struttura è ancora isolata e si temono rischi per l’ambiente.

    26/07/2011 CINA
    Mongolia Interna: nuove proteste e scontri con la polizia, decine di feriti
    I nuovi scontri scoppiano dopo che il governo locale assegna terre a un imprenditore han, che uccide il bestiame per cacciare i pastori mongoli. Decine di feriti. Ma Pechino cerca una soluzione per evitare le proteste nella regione, grande fornitrice di carbone.

    25/05/2009 MONGOLIA
    Il nuovo presidente mongolo è Elbegdorj, sconfitto il presidente uscente comunista
    Televisione e giornali mongoli già celebrano la vittoria, anche se mancano i risultati ufficiali. I suoi sostenitori parlano di un “nuovo mattino”, ma in realtà i programmi dei due principali candidati sono simili. Nel Paese c’è grave crisi, con diffuse povertà e disoccupazione e bassi salari.

    28/06/2008 MONGOLIA
    Domani un voto decisivo per il futuro della Mongolia
    Si rinnova il Parlamento e si teme perduri l’attuale frammentazione della maggioranza. Ma il Paese affronta inflazione al 15,1% e disoccupazione e deve decidere lo sfruttamento di immense risorse minerarie, ambite da ditte e da potenti vicini.

    18/02/2010 MONGOLIA
    Il gelido inverno della Mongolia falcidia milioni di capre cachemire
    Neve e gelo hanno distrutto le piante, non c’è erba nemmeno sotto la neve, e il bestiame muore per la fame e il freddo. I pastori nomadi sono un terzo della forza lavoro del Paese. Ora molti rischiano di perdere tutto e di dovere andare in città a cercare lavoro.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®