28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/10/2006, 00.00

    RUSSIA - USA

    La Russia primo venditore di armi ai Paesi in via di sviluppo



    Cina, India ed Iran i maggiori compratori. Con 7 miliardi di dollari di vendite di armi, Mosca ha soppiantato gli Usa, scesi a 6,2 miliardi, superati, quest'anno, anche dalla Francia che ha realizzato guadagni per 6,3 miliardi di dollari.

    Washington (AsiaNews/Agenzie) - La Russia sta cacciando gli Usa dal vertice della vendita di armi ai Paesi in via di sviluppo. È la conclusione alla quale è giunto un rapporto del Servizio di ricerca del Congresso, che mostra come gli Usa hanno perso il loro ruolo di punta come fornitori di armi ai Paesi in via di sviluppo, a favore di Russia e Francia, che stanno prendendo i vantaggi offerti dalla crescita dei prezzi del petrolio. Cina, India ed Iran sono i maggiori compratori.

    Gli Usa, secondo il rapporto, fra il 2004 e lo scorso anno sarebbero passati da una quota del 35,4% di tale mercato ad una del 20,5%. Dal punto di vista economico, ciò significa una discesa da 9,4 a 6,2 miliardi di dollari. Al contrario, l'anno scorso la Russia ha guadagnato 7 miliardi di dollari vendendo armi in Asia, Africa e America Latina, con un notevole incremento rispetto ai 5,4 miliardi del 2004. Tale risultato ha spinto la Russia al vertice dei fornitori di armi ai Paesi in via di sviluppo. Al secondo posto di questa classifica c'è la Francia che l'anno scorso ha realizzato 6,3 miliardi di dollari, a fronte di un miliardo nel 2004. Il balzo di Parigi è stato causato dal contratto da 3,5 miliardi di dollari stipulato con l'India per la vendita di sei sommergibili d'assalto "Scorpene".

    Lo studio del Congresso sostiene che la politica economica aggressiva del governo francese potrebbe portare entrare in conflitto con gli interessi degli Stati Uniti e dei suoi alleati, visto che Parigi normalmente antepone i suoi interessi a quelli della Nato. Sulla materia, secondo Richard Grimmett, principale autore del rapporto,  "esistono potenziali dissapori tra gli Usa ed i maggiori Paesi dell'Europa occidentale".

    Il raggiungimento del vertice del commercio delle armi da parte della Russia è stato reso possibile dalla crescita dei suoi scambi con i due giganti Cina ed India, oltre che con l'Iran, divenuto un cliente di maggior rilievo, grazie alla crescita dei prezzi del petrolio.

    L'anno scorso, la Russia ha venduto all'India 24 sistemi antimissile "SA-19" per 400 milioni di dollari e un sistema di lancio multi-missile "Smerch" per 500 milioni di dollari. Mosca ha anche revisionato un sottomarino diesel indiano per 100 milioni di dollari.

    In aggiunta al completamento del suo accordo di lungo termine con la Cina per caccia "Su-27", cacciatorpediniere e sottomarini, la Russia ha anche concordato la vendita di 30 aerei da trasporto  "IL-76TD" ed 8 velivoli per il rifornimento aereo, per oltre un miliardo di dollari.

    L'Iran, nel timore di raid aerei degli Stati Uniti contro le sue centrali nucleari sta comprando 29 sistemi di difesa aerea "SA-15 Gauntlet", per un valore di oltre 700 milioni di dollari. Mosca ha anche raggiunto un accordo per l'aggiornamento degli aerei iraniani "Su-24" e "Mig-29", nonché dei carri armati "T-72".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/03/2006 iran-onu
    Diviso, ma non contrapposto, il Consiglio di sicurezza esamina la minaccia del nucleare iraniano

    Il disaccordo tra Usa, Gran Bretagna e Francia da un lato e Russia e Cina dall'altro è sul ruolo dell'Aiea e dello stesso Consiglio. La Casa Bianca, gli Stati Uniti "non si sono mai trovati di fronte ad una sfida maggiore proveniente da un singolo Paese, come l'Iran".  Per la Rice  l'Iran è la "banca centrale del terrorismo".



    14/07/2008 CINA - SUDAN
    Foto satellitari e testimoni dicono che Pechino vende armi al Sudan, nonostante l'embargo
    Un’indagine della Bbc fornisce, per la prima volta, prove di jet e armi pesanti cinesi utilizzati contro i civili, venduti nonostante l’embargo. Pechino non risponde, mentre l’Onu chiede di esaminare le prove.

    09/05/2007 CINA – RUSSIA
    Russia e Cina rispondono ad Amnesty: non vendiamo armi al Sudan
    I ministeri degli Esteri di Mosca e Pechino hanno rigettato le accuse dell’organizzazione internazionale, sottolineando il loro rispetto per le decisioni Onu. La Cina conferma l’invio di ingegneri militari in Darfur per fermare il genocidio.

    08/05/2007 CINA – RUSSIA
    Amnesty accusa: Cina e Russia dietro al massacro del Darfur
    Secondo un rapporto dell’organizzazione internazionale, Mosca e Pechino eludono il bando sulla vendita delle armi al Sudan, imposto dal 2005, e forniscono aerei da guerra alle milizie Janjaweed per il bombardamento delle zone dove vivono civili.

    19/04/2006 IRAN
    Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

    Nulla di fatto ieri nella riunione dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu sulla questione nucleare iraniana. Ma Ahmadinejad si dice pronto anche a una difesa militare.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®