4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/10/2006
RUSSIA - USA
La Russia primo venditore di armi ai Paesi in via di sviluppo

Cina, India ed Iran i maggiori compratori. Con 7 miliardi di dollari di vendite di armi, Mosca ha soppiantato gli Usa, scesi a 6,2 miliardi, superati, quest'anno, anche dalla Francia che ha realizzato guadagni per 6,3 miliardi di dollari.



Washington (AsiaNews/Agenzie) - La Russia sta cacciando gli Usa dal vertice della vendita di armi ai Paesi in via di sviluppo. È la conclusione alla quale è giunto un rapporto del Servizio di ricerca del Congresso, che mostra come gli Usa hanno perso il loro ruolo di punta come fornitori di armi ai Paesi in via di sviluppo, a favore di Russia e Francia, che stanno prendendo i vantaggi offerti dalla crescita dei prezzi del petrolio. Cina, India ed Iran sono i maggiori compratori.

Gli Usa, secondo il rapporto, fra il 2004 e lo scorso anno sarebbero passati da una quota del 35,4% di tale mercato ad una del 20,5%. Dal punto di vista economico, ciò significa una discesa da 9,4 a 6,2 miliardi di dollari. Al contrario, l'anno scorso la Russia ha guadagnato 7 miliardi di dollari vendendo armi in Asia, Africa e America Latina, con un notevole incremento rispetto ai 5,4 miliardi del 2004. Tale risultato ha spinto la Russia al vertice dei fornitori di armi ai Paesi in via di sviluppo. Al secondo posto di questa classifica c'è la Francia che l'anno scorso ha realizzato 6,3 miliardi di dollari, a fronte di un miliardo nel 2004. Il balzo di Parigi è stato causato dal contratto da 3,5 miliardi di dollari stipulato con l'India per la vendita di sei sommergibili d'assalto "Scorpene".

Lo studio del Congresso sostiene che la politica economica aggressiva del governo francese potrebbe portare entrare in conflitto con gli interessi degli Stati Uniti e dei suoi alleati, visto che Parigi normalmente antepone i suoi interessi a quelli della Nato. Sulla materia, secondo Richard Grimmett, principale autore del rapporto,  "esistono potenziali dissapori tra gli Usa ed i maggiori Paesi dell'Europa occidentale".

Il raggiungimento del vertice del commercio delle armi da parte della Russia è stato reso possibile dalla crescita dei suoi scambi con i due giganti Cina ed India, oltre che con l'Iran, divenuto un cliente di maggior rilievo, grazie alla crescita dei prezzi del petrolio.

L'anno scorso, la Russia ha venduto all'India 24 sistemi antimissile "SA-19" per 400 milioni di dollari e un sistema di lancio multi-missile "Smerch" per 500 milioni di dollari. Mosca ha anche revisionato un sottomarino diesel indiano per 100 milioni di dollari.

In aggiunta al completamento del suo accordo di lungo termine con la Cina per caccia "Su-27", cacciatorpediniere e sottomarini, la Russia ha anche concordato la vendita di 30 aerei da trasporto  "IL-76TD" ed 8 velivoli per il rifornimento aereo, per oltre un miliardo di dollari.

L'Iran, nel timore di raid aerei degli Stati Uniti contro le sue centrali nucleari sta comprando 29 sistemi di difesa aerea "SA-15 Gauntlet", per un valore di oltre 700 milioni di dollari. Mosca ha anche raggiunto un accordo per l'aggiornamento degli aerei iraniani "Su-24" e "Mig-29", nonché dei carri armati "T-72".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/03/2006 iran-onu
Diviso, ma non contrapposto, il Consiglio di sicurezza esamina la minaccia del nucleare iraniano
09/05/2007 CINA – RUSSIA
Russia e Cina rispondono ad Amnesty: non vendiamo armi al Sudan
08/05/2007 CINA – RUSSIA
Amnesty accusa: Cina e Russia dietro al massacro del Darfur
14/07/2008 CINA - SUDAN
Foto satellitari e testimoni dicono che Pechino vende armi al Sudan, nonostante l'embargo
19/04/2006 IRAN
Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate