20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/07/2017, 11.08

    CINA

    La censura cinese contro Winnie the Pooh



    L’orsetto della Disney è argomento “sensibile” da anni, in quanto ci si è vista una poco rispettosa somiglianza con il presidente Xi Jinping. E c’è chi ne posta l’immagine o il nome per vedere in quanto tempo viene eliminato.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Ha suscitato reazioni di meraviglia e apprezzamento la pubblicazione, il 15 luglio, su Weibo, il popolarissimo sito di micro-blogging cinese, di una immagine di Winnie the Pooh, da parte di Wang Xiaochuan, amministratore delegato del motore di ricerca Sogou. Il fatto è che dal 2013 l’orsetto della Disney è “sensibile”, in quanto la censura cinese ci ha visto a più riprese una pericolosa somiglianza col presidente Xi Jinping.

    La “somiglianza” è stata fatta notare per la prima volta nel 2013 durante la visita di Xi al presidente americano Barack Obama. Una foto di Obama, alto e magro che camminava con il presidente cinese, più basso e “tondo” , è stata “avvicinata” all’immagine di Winnie the Pooh con il suo amico Tigro. L’immagine è stata censurata. Analoga sorte l’anno dopo è toccata per la “somiglianza” tra l’incontro di Xi Jinping e il primo ministro giapponese Shinzo Abe con un saluto tra l’orsetto e l’asinello Ih-oh.

    Nonostante la censura - o in realtà a causa di esso – Pooh ha visto allargarsi i suoi spazi e ha assunto un valore politico e di sfida contro la censura online. Se la sua immagine non fosse mai stata censurata nel 2013 e in seguito, non avrebbe il significato che ha oggi. Per molti internauti postare l’immagine o anche solo il nome di Winnie è quasi un gioco. Alcuni lo scrivono per vedere quanto velocemente i loro post scompaiono. “Ho sentito che la parola Winnie the Pooh è stata vietata, quindi sto scrivendo questo post per controllarlo", scrivono molte persone. E c’è anche chi scrive “Che cosa succede a Winnie the Pooh? Che ha fatto di male?”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/07/2012 CINA
    Pechino, le piogge torrenziali fanno cadere il sindaco e il suo vice
    Guo Jinlong e Ji Lin si sono dimessi dopo la valanga di critiche che ha colpito la gestione delle metropoli durante l’emergenza alluvioni. Più di 37 le vittime nella sola Pechino, anche se su internet si mettono in dubbio le cifre ufficiali. Il governo reagisce censurando critiche e racconti diretti. Nel mirino della popolazione ci sono le fogne, inadatte a gestire il traffico d’acqua.

    17/04/2014 CINA
    Pechino, blogger condannato a 3 anni per "aver diffuso pettegolezzi" in Rete
    Qin Zhihui è la prima vittima della legge approvata nel settembre 2013 contro i micro-blog, sempre più attivi nel denunciare scandali e corruzione. I giudici hanno emesso la sentenza senza indagare sulle accuse di diffamazione mosse contro il blogger.

    04/01/2013 CINA
    Guangdong: giornalisti criticano la propaganda e la censura del Partito
    "Stuprata" la libertà di stampa. Sotto accusa il capo della propaganda provinciale che ha preteso la pubblicazione di un editoriale che osanna i risultati del Partito e ha tolto quello del giornale, che domandava l'applicazione della costituzione. Oscurata sul web la lettera aperta dei giornalisti; minacciati i loro microblog. Il pubblico teme che il giornale venga chiuso. La contraddizione fra le prediche di Xi Jinping, che esalta la costituzione, e la realtà delle province, governate in modo stalinista.

    13/05/2013 CINA
    Prime vittorie della Rete contro i “principini” del potere comunista
    Nelle ultime settimane i cyber utenti cinesi, sempre più impegnati nel denunciare abusi e storture del sistema di potere nazionale, hanno combattuto e vinto persino contro il nepotismo imperante nel Partito comunista: almeno 4 casi di “potere ereditario” sono stati scoperti e sconfitti da internet.

    06/05/2014 CINA
    Internet in Cina: la Bibbia batte il Libretto Rosso (e il Papa supera il premier)
    Un'analisi condotta su Weibo, il popolarissimo sito di micro-blogging usato da circa 300 milioni di persone, mostra che i contenuti cristiani superano di gran lunga quelli legati al Partito e all'ideologia comunista. Colpa della censura preventiva, che teme più il dibattito politico della religione, ma anche merito di un aumento d'interesse della popolazione nei confronti del cristianesimo.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®