20 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/01/2007
SRI LANKA
La missione del Beato Vaz, “esempio” nell’attuale crisi politica
di Melani Manel Perera
L’invito rivolto ai cattolici dello Sri Lanka è del presidente della Conferenza episcopale. Vaz ha portato avanti la sua missione verso tutta la popolazione, senza distinzioni, e nonostante la persecuzione olandese. Mons. Fernando: “Ora pregare per il miracolo della sua canonizzazione”.

Colombo (AsiaNews) – La Chiesa singalese invita tutti cattolici, laici e religiosi, ad avere come modello “in questo periodo così critico” per il Paese, il beato Joseph Vaz, l’Apostolo dello Sri Lanka, la cui festa ricorre il 16 gennaio. Con l’occasione, il presidente della Conferenza episcopale, mons. Vianney Fernando, ha chiesto alla comunità di pregare per “l’atteso miracolo della canonizzazione” e non dimenticare colui che “ha reso possibile la rinascita della nostra Chiesa dalle sue stesse ceneri”.
 
“Quest’anno – ha detto mons. Fernando – celebriamo la festa del Beato Vaz in un momento di grave crisi nazionale, specialmente per quanto riguarda il processo di pace”. “Vaz - ha aggiunto il presule in un comunicato speciale diffuso il 14 gennaio - è il modello per tutti noi, non solo per il suo imparagonabile zelo missionario, ma anche nel modo in cui ha servito tutte le comunità, senza distinzioni”.
 
Joseph Vaz nasce nello Stato indiano di Goa nel 1651, quando la zona era dominio portoghese. Diventa sacerdote nel 1676 all’interno della Congregazione di San Filippo Neri. Si reca  poi come missionario in Sri Lanka (allora Ceylon), da dove gli olandesi della Compagnia delle Indie avevano espulso i missionari e minacciato di morte qualsiasi prete fosse stato sorpreso sull'isola. In modo clandestino, quindi, portò il suo aiuto ai cattolici del luogo e arrivò fino alla capitale Colombo. Tradusse il Vangelo nelle lingue tamil e singalese. Morì a Kandy il 16 gennaio 1711. E’ stato beatificato da Giovanni Paolo II il 21 gennaio 1995 a Colombo.
 
In Sri Lanka non ci sono molte chiese dedicate a Vaz, ma ogni parrocchia festeggia, anche se in giorni diversi, il Beato. Alcune hanno tenuto le celebrazioni già il 16 gennaio scorso, altre qualche giorno prima e altre ancora lo faranno il prossimo 21 gennaio.  Mons. Fernando ha chiesto al clero di citare il nome di Joseph Vaz nella preghiera eucaristica: “Non possiamo dimenticare la missione compiuta da Vaz, che ha reso possibile la rinascita della nostra Chiesa dalle sue stesse ceneri durante la persecuzione dei colonizzatori”.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/01/2008 SRI LANKA
Il Beato Joseph Vaz, per il “risveglio” della missione in Sri Lanka
di Melani Manel Perera
19/07/2010 SRI LANKA
Celebrazioni in onore di Gonsalves e del beato Vaz, “fondatori” della Chiesa in Sri Lanka
di Melani Manel Perera
31/08/2010 SRI LANKA
“Senza il Beato Vaz, lo Sri Lanka non avrebbe nemmeno un sacerdote”
di Melani Manel Perera
29/10/2011 INDIA
Bangalore: una statua di Giovanni Paolo II nella prima chiesa indiana dedicata al Beato
18/01/2010 SRI LANKA
Inizia in Sri Lanka l’anno giubilare per il Beato Joseph Vaz
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate