26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2010, 00.00

    CINA - TIBET

    La polizia spara su tibetani che protestano contro una miniera



    Il bilancio è di almeno 4 morti e 30 feriti. Gli abitanti protestavano in modo pacifico contro l’ampliamento di una miniera ritenuta dannosa per l’ambiente. Ora la zona è presidiata dalla polizia. Il grave rischio geologico per lo sfruttamento eccessivo delle miniere.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La polizia spara sui tibetani che protestano in modo pacifico, a Palyul (in cinese: Baiyu) nella contea di Kardze (Ganzi) nel  Sichuan, contro l’espansione di una miniera molto dannosa per l’ambiente: almeno 4 morti e 30 feriti di cui diversi gravi, ricoverati nell’ospedale di Chengdu. Prosegue ancora il confronto tra popolazione e polizia.

    I fatti sono del 17 agosto, ma sono emersi da poco grazie a tibetani in esilio, per la rigida censura di Pechino sulle notizie riguardanti i tibetani e le proteste sociali.

    Il monaco Drime Gyaltsen, in esilio in India, riferisce all’agenzia Radio Free Asia che il 13 agosto un gruppo di etnici tibetani del villaggio di Sharchu Gyashoe, città di Tromtar, guidato dal capo villaggio Tashi Sangpo, ha protestato davanti al palazzo del governo della contea, preoccupati che i maggiori scavi programmati per la locale miniera di oro, della ditta cinese Kartin, avrebbero devastato i terreni coltivati, aumentato l’inquinamento e compromesso l’ambiente. C’è il timore che gli scavi possano alterare pure l’equilibrio geofisico: nelle vicine contee di Drukchu (Zhouqu nel Gansu) e di Gyegudo (Yushu, Qinghai) ci sono stati recenti smottamenti e terremoti che i locali attribuiscono anche agli scavi minerari e per le grandi opere. Per questo chiedono maggiori studi geologici preventivi.

    I tibetani chiedevano anche un eventuale indennizzo per i danni causati dalla miniera. In risposta le autorità hanno arrestato gli autori della petizione. Allora sono arrivati altri residenti che per 3 giorni hanno protestato davanti al palazzo. Nelle prime ore del 17 agosto la polizia è arrivata in forze, ha sparato gas sulla folla e ha iniziato ad arrestare persone. La folla “ha ripreso a urlare e a protestare. Allora la polizia ha aperto il fuoco”. Negli scontri sono stati feriti anche 2 poliziotti.

    Drime aggiunge che la polizia ha poi mandato ulteriori forze, “ha bloccato tutte le strade di Palyul e i residenti non possono nemmeno muoversi con libertà”.

    Mancano commenti ufficiali e le autorità locali per telefono hanno detto soltanto che “sono in corso trattative”.

    La ditta Kartin ha aperto la miniera da circa 20 anni, ma dal 2006 la sta potenziando e ha portato sempre maggiori macchinari per incrementare gli scavi.

    La contea di Kardze è abitata da etnici tibetani: qui nel marzo 2008 sono esplose forti proteste anti-Pechino, sedate da un massiccio intervento dell’esercito. Il Tibet è ricco d’oro e di metalli pregiati e gli abitanti accusano i cinesi di portare via le loro ricchezze senza nessun vantaggio per i locali e inquinando l’ambiente.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/08/2011 TIBET - CINA
    La Cina porta l’inquinamento nei monasteri del Tibet
    Piombo nell’acqua potabile nella zona del monastero di Kumbum, luogo di speciale devozione per i tibetani, per gli scarichi di miniera e fonderia locale. Le autorità falsificano le analisi, la polizia caccia chi protesta, intanto i residenti stanno male e centinaia di bambini hanno troppo piombo nel sangue.

    18/01/2010 CINA
    Jangsu, polizia carica 10mila operai che protestano per tagli al salario e avvelenamento
    Gli operai scioperano e denunciano almeno 3 morti per uso di sostanze tossiche. La polizia li carica e causa scontri. Ora la ditta assicura che pagherà quanto dovuto, ma nega gli avvelenamenti.

    05/07/2012 CINA
    Shifang, il governo pagherà le spese mediche dei feriti durante gli scontri
    La popolazione è scesa in piazza per fermare un impianto molto inquinante e ha vinto su tutta la linea. Gli arrestati sono stati rilasciati, anche se 6 si trovano ancora in galera, e le autorità hanno bloccato il progetto. Una nuova coscienza civile prende piede in tutta la Cina.

    04/08/2009 CINA
    Si allarga la protesta dei villaggi dell’Hunan avvelenati dai metalli pesanti
    Centinaia di persone sono avvelenate dai metalli pesanti scaricati in acqua e suolo. I terreni inadatti all’agricoltura per almeno 60 anni. Le autorità predicano la calma, ma i residenti hanno perso tutto e chiedono immediate cure e un sostentamento per vivere.

    26/04/2007 CINA
    Inquinamento: contadini del Fujian distruggono le macchine di 11 concerie
    Danni per 10 milioni di euro. Intanto le autorità di Harbin fanno evacuare 5mila persone dopo che una perdita di cloro contamina la falda acquifera locale.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®