30/04/2016, 11.50
CAMBOGIA
Invia ad un amico

La siccità in Cambogia uccide centinaia di animali, a rischio la vita nei villaggi

In molte aree del Paese la mancanza d’acqua e le elevate temperature mettono in crisi la sopravvivenza. Sfiorati in alcuni punti i 50 gradi. Tonnellate di pesce e centinaia di specie animali - scimmie, rettili, uccelli - morti negli ultimi giorni. Si aspetta la stagione delle piogge e l’arrivo dei monsoni. 

Phnom Penh (AsiaNews) - In molte aree della Cambogia la siccità sta uccidendo tonnellate di pesce e centinaia di altre specie animali, mettendo a rischio la stessa sopravvivenza degli abitanti dei villaggi che non dispongono più - oltre che di cibo - di sufficiente acqua potabile. Ambientalisti e istituzioni riferiscono che quasi tutte le 24 province e aree ad amministrazione speciale in cui è suddiviso il Paese hanno sperimentato (a vario titolo) crisi idriche da inizio anno; tuttavia, in alcune zone gli effetti hanno toccato livelli allarmanti, l’acqua scarseggia e le scorte si stanno esaurendo. 

Secondo quanto riferisce Radio Free Asia (Rfa), gli esperti della provincia centrale di Kampong Thom stanno intervenendo con misure di emergenza per cercare di tamponare la situazione. L’obiettivo è scongiurare la morte della fauna ittica del fiume Chhmar, nel distretto di Staung, a causa delle elevate temperature.

Nella zona il termometro ha raggiunto i 47 gradi e l’ondata di calore ha ucciso almeno 60 tonnellate di pesce negli ultimi otto giorni. 

Per il terzo anno consecutivo le temperature hanno raggiunto livelli elevati, uccidendo flora e fauna della regione; molti esperti del Paese puntano il dito contro il riscaldamento globale, che sarebbe all’origine delle ondate di calore che hanno colpito la Cambogia. 

Nella provincia nord-orientale di Stung Treng le autorità hanno aperto un’inchiesta sul decesso di almeno 200 mucche e bufali d’acqua, sempre a causa della perdurante siccità. Nel tentativo di salvare gli animali, i bambini si spingono all’interno delle foreste alla ricerca di piante ed erbe per sfamarli. 

Il caldo eccessivo ha ucciso anche 30 scimmie - oltre che rettili e uccelli - negli ultimi due giorni nella provincia di Battambang; molte altre sono destinate a subire la stessa sorte se non arriverà la pioggia entro una settimana. 

La stagione secca in Cambogia inizia a ottobre e si conclude in aprile. I monsoni sono previsti per maggio, mese in cui inizia il periodo di piogge durante il quale cade il 75% del quantitativo annuale di acqua del Paese. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dighe e industrie, coccodrillo siamese a rischio estinzione in Cambogia
16/04/2011
Borneo: team anglo-malaysiano costruisce “ponti” agli orangutan
26/08/2011
Accra, ambientalisti fanno causa al governo per una miniera voluta dalla Cina
11/07/2020 08:00
La diga più alta della Cina “danneggerà la natura. Ma la costruiamo lo stesso”
16/05/2013
Siccità in Cina: oltre 2,5 milioni di persone senza acqua
06/11/2009