23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2017, 08.54

    PAKISTAN

    Pakistan, il figlio di Salman Taseer rischia l’incriminazione per blasfemia



    Oggi ricorre il sesto anniversario dell’omicidio dell’ex governatore del Punjab. Salman Taseer è stato ucciso dalla sua guardia del corpo per aver criticato la “legge nera” sulla blasfemia e difeso la madre cristiana Asia Bibi. Il figlio Shaan Taseer ha pubblicato un video giudicato offensivo.

    Islamabad (AsiaNews) – Il figlio di Salman Taseer, l’ex governatore del Punjab assassinato per aver criticato la “legge nera” sulla blasfemia, rischia di essere incriminato per aver offeso il profeta Maometto. Gruppi integralisti del Pakistan accusano Shaan Taseer di aver pubblicato un video offensivo. L’uomo ha utilizzato i social media per chiedere alle persone di pregare per coloro che sono rinchiusi a causa della legge sulla blasfemia.

    Taseer ha spiegto alla Bbc: “Nel mio messaggio di Natale ho chiesto a tutti i miei compatrioti di rivolgere una preghiera speciale per coloro che soffrono a causa delle persecuzioni religiose in Pakistan”. “È tempo – ha aggiunto – di sollevare la vera questione di fondo, cioè se i cittadini pakistani abbiano il diritto o meno di esprimersi sull’ingiusta legge sulla blasfemia”. Secondo l’attivista, “il tema è stato messo a tacere con la canna della pistola dopo la morte di mio padre. La legge dello Stato dice chiaramente che ogni persona ha il diritto di parlare non solo della legge sulla blasfemia, ma di tutte le leggi”.

    L’uomo è il figlio dell’ex governatore del Punjab, del quale oggi ricorre il sesto anniversario della morte. Il 4 gennaio 2011 Mumtaz Qadri, una delle guardie del corpo di Salman Taseer, ha ucciso il governatore all’uscita da un ristorante di Islamabad, per le sue posizioni contrarie alla legge sulla blasfemia, che prevede il carcere a vita o la condanna a morte per quanti profanano il Corano o dissacrano il nome del profeta Maometto.

    Il killer reo confesso ha sempre rivendicato la paternità dell’omicidio e di voler punire il governatore, che si era espresso in favore di Asia Bibi, la madre cristiana detenuta con l’accusa di aver offeso il Profeta. Nell’ottobre del 2015 la Corte suprema pakistana ha confermato la sua sentenza capitale, eseguita nel febbraio dello scorso anno in un Paese blindato per paura di ritorsioni degli estremisti islamici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2011 PAKISTAN
    Assassinato il governatore del Punjab. Aveva chiesto la grazia per Asia Bibi
    Salman Taseer è stato ucciso oggi a Islamabad da una delle sua guardie del corpo. Secondo il ministro dell’interno l’assassino lo avrebbe ucciso per aver definito “Nera” la legge sulla Blasfemia.

    05/01/2011 PAKISTAN
    Arcivescovo di Lahore: Rischia la vita chiunque si oppone alla legge sulla blasfemia
    Il corpo del governatore del Punjab è stato sepolto oggi al Cavalry Ground di Lahore. Al funerale hanno partecipato le principali autorità del Paese. Intervistato da AsiaNews mons. Saldhana, arcivescovo di Lahore condanna l’omicidio di Taseer e invita il mondo e i media ad alzare la voce contro la legge sulla Blasfemia.

    10/01/2011 PAKISTAN
    Karachi: 50mila in piazza in difesa della legge sulla blasfemia
    La marcia organizzata da leader fondamentalisti, che celebrano l’assassino di Salman Taseer come “eroe dell’islam”. Appello del papa al governo pakistano per la cancellazione della norma, perché “pretesto” per violenze e ingiustizie. Cristiani pakistani pregano per il governatore del Punjab, definito “un martire” dal quotidiano saudita Arab News.

    08/01/2011 PAKISTAN
    Punjab: l’assassino di Salman Taseer vicino ai movimenti islamici
    Mumtaz Qadri affiliato al gruppo conservatore Dawat-i-Islami. I leader fondamentalisti celebrano l’omicida e chiedono di boicottare il lutto per la morte del governatore. Domani a Karachi marcia a favore della legge sulla blasfemia. I cattolici pregano per Taseer e invocano “indagini approfondite” sulla vicenda.

    14/01/2011 PAKISTAN
    Cristiani pakistani: Sulla blasfemia il governo è ostaggio dei partiti islamici
    Leader protestanti e attivisti per i diritti umani “contrariati” dalle parole del premier, che difende la legge sulla blasfemia. Il Ministero degli interni ordina un giro di vite contro siti con “contenuti anti-islamici”. La deriva fondamentalista dell’esecutivo, che aveva promesso la revisione di norme che creano tensioni interreligiose. A Karachi proteste di piazza contro Benedetto XVI.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®