25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 14.38

    PAKISTAN

    Lahore, attentatori talebani: Chiesa cristiana nel mirino se appoggia il governo

    Kamran Chaudhry

    Il gruppo islamico Jamat-ul-Ahrar è una fazione del Tehreek-i-Taliban Pakistan. È responsabile dell’attentato contro la Punjab Assembly, il cui bilancio sale a 14 vittime. Chiese, luoghi di culto sikh e indù non sono obiettivi dei talebani, “almeno fino a quando non danno appoggio alle istituzioni”.

    Lahore (AsiaNews) – Il gruppo islamico legato ai talebani e responsabile dell’attentato di fronte alla Punjab Assembly di Lahore, il cui bilancio è salito a 14 vittime, ha lanciato un avvertimento: le chiese cattoliche e i luoghi di culto delle minoranze religiose del Pakistan non saranno colpiti solo se manterranno le distanze dalle istituzioni governative. Ad AsiaNews Saeeda Deep, islamica e sostenitrice dell’Institute of Peace and Secular Studies, esprime preoccupazione per la sicurezza dei luoghi sacri delle minoranze, perchè “le chiese ed edifici simili sono obiettivi facili, a differenza degli edifici governativi posti sotto stretta sorveglianza. Inoltre i terroristi sanno che colpendo le minoranze ottengono il favore del pubblico. Essi sono addestrati ad uccidere, basta loro solo una scusa”.

    In un video diffuso dalla fazione Jamaat-ul-Ahrar, che ha rivendicato l’attacco mentre era in corso una protesta di farmacisti, i militanti affermano: “Chiese, templi [indù], gurdwara [sikh] e tutti i luoghi di culto non islamici non rientrano nei nostri obiettivi, a meno che o fin tanto che questi luoghi non saranno usati dai nemici contro di noi”. Il riferimento è all’esercito pakistano e al governo, colpevoli di aver attuato l’operazione che nel 2007 ha portato all’uccisione di Abdul Rashid Ghazi, un leader fondamentalista della Lal Masjid (Moschea rossa), assediata per giorni dall’esercito. Per questo nel video si spiega che le politiche del gruppo prendono il nome di “operazione Ghazi”. Tutti coloro che si promuovono come concorrenti del profeta, assicurano, “e le persone coinvolte in crimini di blasfemia contro il profeta sono nostri bersagli”. In questo caso il dito è puntato contro gli ahmadi, minoranza musulmana considerata eretica.

    A proposito delle dichiarazioni del gruppo, mons. Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi, afferma che “è difficile comprendere i talebani. Dipende tutto dal modo in cui pensano, da come interpretano la nozione di nemico e come collegano le circostanze. Essi sono sfuggenti come un serpente in un bicchiere di vetro”. “Potrebbero fare qualsiasi cosa – aggiunge – ad un funzionario dell’esercito che visita una chiesa o ad un poliziotto che presta servizio di guardia durante la messa della domenica. Si tratta di un tipo diverso di guerriglia. Perciò dobbiamo imparare a proteggerci”.

    Saeeda Deep sostiene che “persino i tribunali hanno paura ad emettere sentenze contro i talebani e coloro che seguono la loro ideologia. L’impiccagione di Mumtaz Qadri, l’assassino reo-confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer, è stata una vera rarità. Anche produrre prove contro i terroristi porta a minacce di morte”.

    P. Emmanuel Yousaf Mani, direttore della Commissione nazionale Giustizia e pace della Conferenza episcopale pakistana, afferma di non voler “creare un clima di isteria”. Tuttavia ammette che i commenti del gruppo talebano pubblicati sui social network “potrebbero influenzare molti lettori”. La situazione è ancora più delicata se si considera che la fazione Jamaat-ul-Ahrar è la responsabile dell’attentato di Pasqua in un parco di Lahore, che lo scorso anno ha provocato la morte di 70 persone in maggioranza musulmane. “Possiamo solo parlare di pace – conclude il sacerdote – e chiedere a simili gruppi di abbandonare il terrorismo. Non chiediamo un’eccezionale tipo di sicurezza, ma ricordiamo che è compito del governo proteggere tutti i cittadini, a prescindere dalla fede che professano”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/03/2016 08:20:00 PAKISTAN
    Lahore, i sopravvissuti all’attentato: Un lampo e tutto ha preso fuoco

    Al Jinnah Hospital di Lahore si trovano ricoverate in gravi condizioni 65 persone, fra cui 13 bambini, uscite vive dall’attacco al parco avvenuto a Pasqua. Kajal ha 17 anni, tre fratture gravi e quattro punti all’occhio destro: non vedrà più e avrà difficoltà a camminare, dice la madre, “ma almeno è qui con noi”. Taj, elettricista di 24 anni: “Dopo l’esplosione mi hanno persino rubato il cellulare”.



    02/09/2016 10:41:00 PAKISTAN
    Peshawar, attentato contro una colonia cristiana. La condanna di politici e attivisti

    Questa mattina la provincia settentrionale di Khyber-Pakhtunkhwa è stata teatro di due attacchi terroristici. Il primo, contro una colonia cristiana; il secondo, contro un tribunale. La risposta rapida delle forze di sicurezza ha evitato un bilancio più grave nel quartiere abitato dai cristiani.



    22/02/2017 08:52:00 PAKISTAN
    Charsadda, nuovo attentato talebano contro un tribunale: 7 morti

    Tre attentatori suicidi si sono confusi tra una folla di avvocati. Il tempestivo intervento degli agenti ha evitato un bilancio peggiore. È il settimo attacco in poco più di una settimana. Il gruppo talebano opera per ritorsione contro l’uccisione di un suo leader radicale.



    04/04/2016 12:49:00 PAKISTAN
    Lahore, imam e sacerdoti guidano una veglia per le vittime di Pasqua

    Riuniti al Centro per la pace dei domenicani, i religiosi hanno sottolineato la matrice terrorista e non religiosa dell’attentato. Le vittime sono 76, di cui 17 cristiani. L’importanza di rimanere uniti: “Queste violenze cercano di innescare nuovi scontri interreligiosi, ma noi possiamo fermarle. Non abbiamo paura di loro”.



    14/02/2017 09:12:00 PAKISTAN
    Attentato a Lahore: sale a 13 il bilancio delle vittime. L’arcidiocesi chiude scuole e cattedrale

    Un kamikaze si è fatto esplodere di fronte alla Punjab Assembly. L’attacco è stato rivendicato dallo Jamat-ul-Ahrar, una fazione del Tehreek-i-Taliban Pakistan. È lo stesso gruppo estremista che lo scorso anno ha colpito un raduno di cristiani durante i festeggiamenti per la Pasqua. Arcivescovo prega per le famiglie delle vittime e i feriti.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®