22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/10/2014, 00.00

    PAKISTAN - ISLAM

    Lahore, attivisti cristiani alla Corte suprema: giustizia in tempi rapidi per Asia Bibi

    Shafique Khokhar

    I vertici di Csw si appellano ai supremi giudici: per l’incolumità della donna in carcere un processo lampo che le restituisca la libertà. La condanna è un segno di “debolezza” del sistema giudiziario pakistano, vittima di “pregiudizio e corruzione” nei casi di blasfemia. Michelle Chaudhry: fiducia e ottimismo nel proscioglimento.

    Lahore (AsiaNews) - Attivisti e leader cristiani di tutto il mondo lanciano un appello alla Corte suprema pakistana perché acceleri i tempi del processo di Asia Bibi, condannata la scorsa settimana anche in secondo grado alla pena capitale per blasfemia. In prima fila il movimento Christian Solidarity Worldwide (Csw), che chiede al contempo sicurezza e garanzie per la donna cristiana, madre di cinque figli, oggetto di minacce di morte in carcere. Prima di arrivare a verdetto, solo quest'anno i giudici hanno rimandato per ben cinque volte l'udienza e sono stati oggetto - assieme agli avvocati della difesa - di minacce di morte ad opera di gruppi fondamentalisti islamici. 

    Alla lettura della sentenza, il 16 ottobre scorso, erano presenti in aula il leader religioso Qari Saleem  che ha sporto denuncia contro Asia Bibi ed esponenti del gruppo Jamaat ud Dawa (JuD), braccio politico del movimento estremista islamico pakistano Lashkar-e-Taiba (LeT). Essi volevano ottenere anche in secondo grado la condanna della donna, a fronte di accuse pretestuose, montante ad arte e infondate. 

    Asia Bibi, arrestata il 19 giugno 2009 e condannata a morte in primo grado nel novembre 2010, da allora sottoposta al regime di isolamento per motivi di sicurezza, è da tempo un simbolo della lotta contro la blasfemia. Per averla difesa, nel 2011 gli estremisti islamici hanno massacrato il governatore del Punjab Salman Taseer e il ministro federale per le Minoranze religiose Shahbaz Bhatti, cattolico.

    La comunità cristiana pakistana ha promosso a più riprese giornate di digiuno e preghiera - cui hanno aderito anche musulmani - per la sua liberazione. Nella sentenza di condanna, il giudice ha ritenuto valide le accuse delle due donne musulmane che hanno testimoniato sulla presunta blasfemia commessa da Asia.

    Andy Dipper, responsabile dell'ufficio operativo di Csw, parla di "profonda delusione" per la decisione dell'Alta corte di Lahore; secondo l'attivista la sua ingiusta condanna è un segno dei "continui abusi" commessi in nome delle leggi sulla blasfemia e della "debolezza" del sistema giudiziario pakistano. Egli parla di "pregiudizio, inefficienza, corruzione e mancanza di sicurezza" nei casi di blasfemia, che colpiscono in modo particolare le minoranze; e auspica al contempo che il suo caso venga approfondito con la massima urgenza e speditezza - tra il primo e secondo grado di giudizio sono trascorsi quattro anni - dal giudice capo Nasirul Mulk, ai vertici della Corte suprema.  

    A difesa di Asia Bibi si schiera anche Michelle Chaudhry, presidente della Cecil&Iris Chaudhry Foundation (Cicf), che crede con "fiducia e ottimismo" nel proscioglimento al terzo grado di giudizio. L'auspicio è che i supremi giudici, autori il 19 giugno scorso di una sentenza volta a garantire maggiori protezioni e tutele alle minoranze, mantengano fede ai propositi e assicurino giustizia alla donna. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2014 PAKISTAN
    Vescovo di Islamabad: La condanna di Asia Bibi è straziante, il mondo preghi per lei
    Dopo cinque rinvii, l’Alta corte conferma la pena capitale per la madre cristiana, simbolo della lotta alla blasfemia. I legali annunciano ricorso alla Corte suprema, ultimo grado di giudizio. Vescovo di Islamabad: decisione straziante, appello alla preghiera. Domenica 19 iniziative di solidarietà nel Paese.

    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.



    17/02/2015 PAKISTAN
    Alta corte di Islamabad: Nulla può giustificare l'omicidio di Salman Taseer
    Mumtaz Qadri, assassino dell'ex governatore del Punjab, ha presentato un appello contro la sua condanna a morte. Egli chiede di essere giudicato da un tribunale shariatico perché ha commesso l'assassinio "in difesa dell'islam". L'Alta corte si esprimerà nelle prossime settimane. L'accusa ha sottolineato che l'omicidio è contrario alla Costituzione e alla legge del Pakistan.

    10/10/2011 PAKISTAN – ISLAM
    Con le leggi sulla blasfemia, il Pakistan ha “legalizzato” le persecuzioni
    Fino al 1986, solo sette persone incriminate per aver profanato il Corano o ingiuriato il nome di Maometto. Dall’introduzione della legge nera si sono registrati oltre 4mila casi, la maggior parte negli ultimi cinque anni. La protesta di cristiani e membri della società civile. La norma “protegge gli assassini” e chi "fomenta violenze di piazza”.

    23/08/2017 11:22:00 PAKISTAN
    Punjab, adolescente cristiano arrestato con la falsa accusa di blasfemia

    Asif Masih, 16 anni, si trova in carcere e rischia la pena di morte. Ha rischiato il linciaggio ed è stato salvato dalla polizia. L’imam lo accusa di aver bruciato il Corano. Attivisti cristiani: “Il ragazzo ha un ritardo mentale. Deve essergli concesso il beneficio del dubbio”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®