7 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/05/2012
INDONESIA
Lanci di pietre e urina: i cristiani di Bekasi nel mirino degli estremisti islamici
di Mathias Hariyadi
La comunità Hkbp Filadelfia si è riunita ieri per celebrare la festa dell’Ascensione di Gesù. Una folla ha attaccato i fedeli, interrompendo la funzione religiosa. Nemmeno la polizia ha potuto contenere l’assalto. Nei giorni scorsi un giornalista cristiano ha subito percosse e maltrattamenti a causa della fede professata.

Jakarta (AsiaNews) - Una folla di estremisti islamici ha attaccato la casa di preghiera della comunità protestante Hkbp Filadelfia (Christian Protestant Batak Church) a Bekasi, periferia di Jakarta (West Java), lanciando pietre e sacchi colmi di urina contro le mura. L'assalto è avvenuto ieri in concomitanza con le celebrazioni per la festa dell'Ascensione di Gesù; oltre 300 persone hanno partecipato alla spedizione e nemmeno l'intervento delle forze dell'ordine è servito a contenere le volenze. Inoltre, nei primi giorni della scorsa settimana un gruppo di facinorosi ha bloccato un giornalista cristiano della zona, attaccandolo con brutalità, e già nel febbraio scorso gli estremisti locali hanno disturbato le celebrazioni religiose con altoparlanti e urla (vedi foto e filmato diffuso su YouTube).

Nell'assalto di ieri, gli assalitori hanno lanciato sacchi di urina e pietre, intonando slogan e insulti contro i cristiani che hanno dovuto interrompere - dopo soli cinque minuti - le celebrazioni in programma per la festa dell'Ascensione. I fedeli hanno abbandonato il luogo di culto e sono tornati a casa per motivi di sicurezza. Raggiunto da AsiaNews nel pomeriggio di oggi, il reverendo Palti H. Panjaitan Sth - capo della comunità protestante Hkbp Filadelfia - ha spiegato che il "problema" dello svolgimento delle funzioni e della libera espressione del culto persiste dal 2006. La comunità è nata nell'aprile del 2000, quando un gruppo di cristiani di etnia Batak ha deciso di fondare una comunità propria e indipendente. Poiché non era disponibile una "casa di preghiera", in un primo momento le funzioni si sono svolte nelle case private, ma la crescita continua dei fedeli - oggi 1500 - ha reso necessaria la costruzione di un vero e proprio luogo di culto e dato il via a una guerra giudiziaria.

Dopo tre anni di contese e battaglie legali relative ai permessi di costruzione (il famigerato Imb), il Tribunale amministrativo del West Java ha riconosciuto i diritti legittimi dei cristiani alla realizzazione di una chiesa; anche la Corte suprema ha sostenuto la decisione. Tuttavia, il progetto è stato più volte interrotto e rischia di essere accantonato a causa dell'ostinata opposizione delle autorità di Bekasi - incuranti della legge - e delle pressioni della frangia estremista islamica locale. E come ai fedeli della Yasmin Church (Yc) a Bogor, nel West Java, ai cristiani della Hkbp Filadelfia non resta altra possibilità - al momento - se non quella di celebrare riti e funzioni per strada, all'aria aperta, o in case private. Con il rischio, come in questo caso, di essere vittima di attacchi e offese.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/01/2014 INDONESIA
Sumatra: in un mese le autorità bloccano la costruzione di cinque chiese
di Mathias Hariyadi
05/12/2013 INDONESIA
South Sulawesi: islamisti e autorità locali abbattono una chiesa protestante
di Mathias Hariyadi
21/05/2012 INDONESIA
Islamisti indonesiani, con donne e bambini, attaccano (ancora) i cristiani di Bekasi
di Mathias Hariyadi
17/12/2014 INDONESIA - ISLAM
Java centrale, minaccia islamista: Via i simboli del Natale e niente celebrazioni
di Mathias Hariyadi
30/07/2013 INDONESIA
Central Java, giovani cristiani e musulmani uniti per promuovere armonia e tolleranza
di Mathias Hariyadi

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate