27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/05/2012, 00.00

    INDONESIA

    Lanci di pietre e urina: i cristiani di Bekasi nel mirino degli estremisti islamici

    Mathias Hariyadi

    La comunità Hkbp Filadelfia si è riunita ieri per celebrare la festa dell’Ascensione di Gesù. Una folla ha attaccato i fedeli, interrompendo la funzione religiosa. Nemmeno la polizia ha potuto contenere l’assalto. Nei giorni scorsi un giornalista cristiano ha subito percosse e maltrattamenti a causa della fede professata.

    Jakarta (AsiaNews) - Una folla di estremisti islamici ha attaccato la casa di preghiera della comunità protestante Hkbp Filadelfia (Christian Protestant Batak Church) a Bekasi, periferia di Jakarta (West Java), lanciando pietre e sacchi colmi di urina contro le mura. L'assalto è avvenuto ieri in concomitanza con le celebrazioni per la festa dell'Ascensione di Gesù; oltre 300 persone hanno partecipato alla spedizione e nemmeno l'intervento delle forze dell'ordine è servito a contenere le volenze. Inoltre, nei primi giorni della scorsa settimana un gruppo di facinorosi ha bloccato un giornalista cristiano della zona, attaccandolo con brutalità, e già nel febbraio scorso gli estremisti locali hanno disturbato le celebrazioni religiose con altoparlanti e urla (vedi foto e filmato diffuso su YouTube).

    Nell'assalto di ieri, gli assalitori hanno lanciato sacchi di urina e pietre, intonando slogan e insulti contro i cristiani che hanno dovuto interrompere - dopo soli cinque minuti - le celebrazioni in programma per la festa dell'Ascensione. I fedeli hanno abbandonato il luogo di culto e sono tornati a casa per motivi di sicurezza. Raggiunto da AsiaNews nel pomeriggio di oggi, il reverendo Palti H. Panjaitan Sth - capo della comunità protestante Hkbp Filadelfia - ha spiegato che il "problema" dello svolgimento delle funzioni e della libera espressione del culto persiste dal 2006. La comunità è nata nell'aprile del 2000, quando un gruppo di cristiani di etnia Batak ha deciso di fondare una comunità propria e indipendente. Poiché non era disponibile una "casa di preghiera", in un primo momento le funzioni si sono svolte nelle case private, ma la crescita continua dei fedeli - oggi 1500 - ha reso necessaria la costruzione di un vero e proprio luogo di culto e dato il via a una guerra giudiziaria.

    Dopo tre anni di contese e battaglie legali relative ai permessi di costruzione (il famigerato Imb), il Tribunale amministrativo del West Java ha riconosciuto i diritti legittimi dei cristiani alla realizzazione di una chiesa; anche la Corte suprema ha sostenuto la decisione. Tuttavia, il progetto è stato più volte interrotto e rischia di essere accantonato a causa dell'ostinata opposizione delle autorità di Bekasi - incuranti della legge - e delle pressioni della frangia estremista islamica locale. E come ai fedeli della Yasmin Church (Yc) a Bogor, nel West Java, ai cristiani della Hkbp Filadelfia non resta altra possibilità - al momento - se non quella di celebrare riti e funzioni per strada, all'aria aperta, o in case private. Con il rischio, come in questo caso, di essere vittima di attacchi e offese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2014 INDONESIA
    Sumatra: in un mese le autorità bloccano la costruzione di cinque chiese
    Mancano i permessi di costruzione e i cantieri vanno interrotti. L’ultimo caso è avvento nel distretto di Bungo; i vertici dell’amministrazione escludono ragioni di natura “discriminatoria” o “confessionale”. I leader della comunità cristiana spiegano: presenti dal 2004 e finora “non si sono mai registrati problemi”. Al posto del luogo di culto abitazioni private.

    05/12/2013 INDONESIA
    South Sulawesi: islamisti e autorità locali abbattono una chiesa protestante
    I vertici del distretto di Pangkep hanno imposto la distruzione dell’unico luogo di culto utilizzato dalla "comunità Gkss". Per gli estremisti l’edificio non aveva i permessi necessari. I fedeli parlano di operazione “insensata”, in violazione alla libertà religiosa. Attivista cristiano accusa il presidente e le istituzioni, incapaci di tutelare le minoranze.

    21/05/2012 INDONESIA
    Islamisti indonesiani, con donne e bambini, attaccano (ancora) i cristiani di Bekasi
    La comunità protestante Hkbp Filadelfia di nuovo nel mirino degli estremisti, che colpiscono durante la funzione domenicale. Almeno 400 persone hanno circondato l’area e scagliato acqua di fogna, olio usato e uova marce. Leader cristiano: nemmeno la polizia riesce a proteggerci dagli attacchi.

    17/12/2014 INDONESIA - ISLAM
    Java centrale, minaccia islamista: Via i simboli del Natale e niente celebrazioni
    Dozzine di estremisti islamici del distretto di Sukaharjo hanno attaccato tre esercizi commerciali a Solo. Il gruppo ha imposto ai negozianti di non far indossare simboli del Natale ai dipendenti o promuovere celebrazioni. A Banda Aceh con una norma il sindaco proibisce ai musulmani di partecipare a funzioni cristiane.

    30/07/2013 INDONESIA
    Central Java, giovani cristiani e musulmani uniti per promuovere armonia e tolleranza
    I due gruppi si sono incontrati in una moschea e hanno condiviso l'iftar, la cena che rompe il tradizionale digiuno durante il Ramadan. Cattolici, protestanti e musulmani hanno recitato poemi e canti, volti a “rafforzare lo spirito interconfessionale”. Nel ricordo dell’ex presidente Gus Dur rilanciano il valore del pluralismo e del dialogo.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®