21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/10/2017, 08.52

    TURCHIA

    Le autorità turche mettono al bando centinaia di migliaia di libri perché filo-golpisti



    Dal luglio 2016 rimosse oltre 139mila volumi da 1142 biblioteche pubbliche del Paese. Ora sono oggetto di “inchiesta” per valutare una eventuale riammissione nel circuito. I libri sequestrati perché scritti da Gülen o da uno dei suoi seguaci. Rimossi anche testi pubblicati da case editrici chiuse in seguito al golpe.

     

    Istanbul (AsiaNews) - Nel contesto della campagna di repressione lanciata dal governo in seguito al fallito golpe del luglio 2016, le autorità turche hanno rimosso almeno 139.141 copie di libri considerati “proibiti” dagli scaffali di 1.142 biblioteche del Paese. A riferirlo è il ministro turco della Cultura e del turismo Numan Kurtulmuş, durante una sessione parlamentare che si è tenuta nella capitale Ankara l’11 ottobre scorso Egli ha inoltre aggiunto che i volumi sono ora oggetto di “inchiesta” per valutare una eventuale riammissione nel circuito pubblico.

    I libri sono finiti sotto indagine perché scritti dal predicatore islamico Fethullah Gülen, in esilio in Pennsylvania (Stati Uniti) e ritenuto la mente del colpo di Stato in Turchia in cui sono morte 270 persone, o da uno dei suoi seguaci. Fra gli altri motivi di sequestro, il fatto che i testi siano stati pubblicati da case editrici che sono state poi chiuse in seguito al golpe.

    Tutte le copie in questione, ha confermato il ministro, sono state rimosse dagli scaffali e resteranno sotto sequestro.

    Ankara considera Gülen il leader del golpe del 15 luglio scorso, una accusa che il predicatore islamico ha sempre respinto con forza. La repressione governativa, dopo aver investito la stretta cerchia dei suoi sostenitori, si è diffusa a vari livelli istituzionali, educativi, amministrativi, economici, culturali e intellettuali. Centinaia le scuole, i giornali, gli edifici pubblici e i mezzi di comunicazione chiusi.

    Kurtulmuş ha riferito inoltre che i volumi posti sotto sequestro sono stati aggiunti alle collezioni pubbliche tramite donazioni o trasferimenti in un arco di tempo che va dal 1982 al 2014.

    Lo scorso anno le autorità hanno messo all’indice un testo di matematica solo perché, durante un quesito, usava l’espressione: “Dal punto F al punto G”, che sono poi le iniziali di Gülen. Distrutte anche 1,8 milioni di copie di libri che contenevano all’interno la parola “Pennsylvania”, luogo scelto come esilio dal predicatore islamico.

    In questi mesi a più riprese la polizia turca ha mostrato libri di Gülen posti sotto sequestro quale prova di reato nei casi di terrorismo. Rimosse anche le targhe automobilistiche contenenti le lettere “FG” al Palazzo di Giustizia di Denizli nell’agosto 2016.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/10/2017 08:55:00 TURCHIA - STATI UNITI
    Sale la tensione fra Ankara e Washington, blocco reciproco nel rilascio dei visti

    Alla base della controversia l’arresto, nei giorni scorsi, di un dipendente turco del consolato Usa a Istanbul. Secondo le autorità turche egli appartiene alla rete di Gulen, il predicatore islamico ritenuto la mente del (fallito) golpe. Sempre più forte il legame fra Erdogan e Putin. 

     



    17/05/2017 08:52:00 TURCHIA - STATI UNITI
    Erdogan e Trump rilanciano l’amicizia Usa-Turchia. Restano le divisioni sui curdi

    Il leader turco conferma la propria ostilità verso le milizie curde, definite “organizzazioni terroriste”. Per Washington rappresentano un alleato chiave nella lotta contro lo Stato islamico. Il leader turco ha rinnovato la richiesta di estradizione del predicatore islamico Gülen, ritenuto la mente del golpe. 

     



    09/04/2009 IRAQ – TURCHIA – STATI UNITI
    Obama in Medio oriente: l’Iraq migliore alleato degli Usa
    Gli obiettivi del presidente Usa restano gli stessi del predecessore Bush. Più della Turchia, l’Iraq potrà diventare il vero elemento di stabilizzazione della regione. A condizione che vengano raggiunti gli obiettivi legati alla sicurezza e allo sviluppo economico. La minaccia iraniana la sfida più grande per la pace.

    07/01/2016 TURCHIA - STATI UNITI
    Istanbul: al via il processo contro Fethullah Gulen, grande accusatore di Erdogan
    Il leader religioso e fondatore di Hizmet è inquisito (in contumacia) per aver cercato di “rovesciare” il governo di Ankara. Egli è imputato assieme ad altre 68 persone, fra cui gli ex vertici della polizia di Istanbul. Un tempo alleato, ora è il nemico numero uno di Erdogan: ha accusato il figlio e personalità a lui vicine di corruzione. Gli Stati Uniti respingono la richiesta di estradizione.

    19/01/2017 08:54:00 TURCHIA - RUSSIA - IRAN
    Per la prima volta raid aerei congiunti di Russia e Turchia contro l'Isis

    Centrate postazioni jihadiste ad al-Bab, cittadina a 20 km dal confine turco. Una collaborazione “inusuale” fra fronti un tempo contrapposti. Portavoce russo: Diversi mezzi coinvolti, operazioni “molto efficaci”. L’Iran contrario alla “ostile” presenza americana ai colloqui di pace di Astana. 

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®