22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/08/2016, 10.32

    TURCHIA

    Nuove epurazioni in Turchia: sospesi 2.500 funzionari degli Affari religiosi



    In totale il ministero ha allontanato 3.672 dipendenti considerati “coinvolti” nel tentato golpe del 15 luglio. Nato per controllare la religione, oggi sovrintende alle circa 80mila moschee del Paese e ha un budget superiore a quello della sanità nazionale.

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) – Il governo turco ha sospeso altri 2.500 funzionari del ministero degli Affari religiosi, considerati “coinvolti” nel tentato golpe del 15 luglio. Sale dunque a 3.672 il numero di dipendenti del dicastero allontanati dalla carica. Non è chiaro se la sospensione preveda anche misure coercitive: di certo i sospettati sono stati interrogati dalla polizia nazionale e non hanno il permesso di lasciare il Paese.

    L’agenzia, nota come Diyanet, ha circa 100mila funzionari e un budget superiore a quello di molti altri ministeri, fra i quali quello della Salute. Fondata nel 1924 per controllare gli affari religiosi in quello che si definiva uno Stato “secolare e moderno”, la Diyanet è oggi sospettata di ospitare molti simpatizzanti di Fetullah Gulen. Questi, un tempo amico e sostenitore del primo ministro Erdogan, è ritenuto da Istanbul la “mente nascosta” del tentato colpo di Stato.

    Nel comunicato in cui conferma le sospensioni, l’Agenzia scrive che “la commissione creata con lo scopo di trovare i seguaci di Gulen continuerà nel suo rigoroso lavoro di pulizia”. Da parte sua, il fondatore del movimento Hizmet rimanda le accuse al mittente: il suo avvocato ha dichiarato che “il governo turco non è riuscito a fornire neanche una briciola di prova riguardo il presunto coinvolgimento di Fetullah Gulen nel golpe”.

    In totale le epurazioni ordinate dall’esecutivo si contano in decine di migliaia. I settori più colpiti sono l’esercito, la magistratura e l’istruzione. Il ministro della Giustizia Bekir Bozdag ha confermato oggi che 16mila persone sono in attesa di giudizio e ai domiciliari, mentre altri 6mila sono in carcere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2016 13:24:00 TURCHIA
    Erdogan rilancia sulla pena di morte e si prepara a volare in Russia

    Una folla di un milione di persone ha partecipato alla manifestazione governativa a favore “dei martiri e della democrazia”. Il presidente, favorevole alla pena capitale, intende “liberare” la nazione dai sostenitori di Gulen. Nel suo intervento il richiamo all’amore fra i turchi “in nome di Allah”. Domani l’incontro con Putin a Mosca per rafforzare le relazioni bilaterali. 



    15/05/2017 11:24:00 TURCHIA
    Festa della mamma in Turchia: oltre 17mila donne in carcere, molte con i propri figli

    Arrestate su ordine del governo anche donne incinte o che avevano partorito da poco. In alcuni casi il fermo è avvenuto in sala travaglio; altre sono state incarcerate mentre visitavano i mariti in prigione. Nelle prime due settimane di maggio fermate 1257 persone, 264 rinchiuse in carcere.

     



    17/08/2016 11:10:00 GERMANIA - TURCHIA
    Berlino contro Ankara: sostiene i gruppi terroristi islamici in Medio oriente

    È quanto emerge da un rapporto governativo confidenziale, pubblicato dall’emittente tedesca ARD. Il governo turco e il presidente Erdogan solidarizzano con Hamas, la Fratellanza musulmana e movimenti estremisti islamici nella regione. La magistratura turca chiede due ergastoli e 1900 anni di prigione per il leader islamico in esilio Fetullah Gulen.



    25/08/2016 09:11:00 RUSSIA - SIRIA - TURCHIA
    Lo ‘Scudo dell’Eufrate’ preoccupa Mosca; a rischio i rapporti con Ankara

    Le operazioni turche in Siria contro lo SI, appoggiate dagli Usa, non piacciono alla Russia che invita a un "ampio coordinamento". Esperti russi: Erdogan ha fatto capire che la priorità rimane il rapporto con gli Usa.



    12/06/2017 11:38:00 BANGLADESH
    Mymensingh, il governo investe su studenti cristiani, leader di domani

    L’iniziativa è del Ministero per gli affari religiosi. Lo scopo è incoraggiare le relazioni pacifiche tra le comunità religiose. Mons. Kubi ai ragazzi: “Siete ambasciatori di Cristo”. Il prossimo incontro a Sylhet.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®