29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/10/2011, 00.00

    NEPAL

    Leader religiosi in Nepal uniti al Papa nello spirito di Assisi

    Kalpit Parajuli

    Indù, islamici e cristiani nepalesi invitano tutti a combattere l'estremismo e la violenza in nome della religione. L’impegno comune alla solidarietà e al rispetto reciproco.
    Kathmandu (AsiaNews) – I leader religiosi nepalesi, indù, islamici e cristiani, accolgono il messaggio di pace e solidarietà fra le religioni espresso ad Assisi e promettono di lavorare insieme contro l’estremismo e la violenza in nome della fede. In un comunicato, i rappresentanti dei vari gruppi religiosi del Nepal sottolineano che “tutti i leader dovrebbero considerare con serietà il messaggio di Benedetto XVI. Essi devono essere consapevoli che la guerra, la violenza e il terrorismo in nome della religione non portano da nessuna parte e ci conducono alla perdizione".

    Il Nepal è un Paese laico dal 2006, dopo secoli di monarchia assoluta di stampo indù. Tuttavia la transizione verso la completa laicità è stata offuscata in questi anni dall’intolleranza dei gruppi estremisti che si battono per il ritorno a uno Stato confessionale. Il messaggio del Papa è molto importante per le minoranze che da mesi lottano per la piena laicità dello Stato e la libertà di culto. Su pressione dei partiti più conservatori, il governo maoista ha proposto di recente una revisione del codice penale e civile che vieta le conversioni a religioni diverse da quella indù. Esso bolla come proselitismo qualsiasi tentativo di espressione religiosa che possa intaccare i valori tradizionali, impedendo di fatto alle minoranze di comunicare in pubblico la propria fede.

    Keshav Chaulagain, presidente della World Hindu Federation, afferma: “Tutte le religioni devono convivere insieme e i leader devono promuovere e testimoniare il rispetto reciproco. Come ha sottolineato il Papa gli indù sono per la pace e la giustizia. Coloro commettono atti di violenza in nome della religione non sono indù. Sono dei banali criminali e il loro scopo è diffamare la loro stessa fede”.

    Per Ishu Jung Karki, Segretario nazionale dei cristiani “quando tutte le religioni possono incontrarsi e convivere un Paese diventa più ricco”. Riprendendo le parole del Papa egli sottolinea che “la pace prevale solo quando Dio è dentro ognuno di noi, “lo Stato deve solo impegnarsi per garantire i diritti e la sicurezza delle minoranze religiose”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/02/2011 NEPAL
    Sui luoghi di Buddha, buddisti e cristiani pregano per la libertà religiosa
    La manifestazione si è svolta dal 24 al 25 febbraio. La due giorni di preghiera verrà riproposta in 50 Paesi, compreso il Myanmar, dove però verrano modificati gli slogan per motivi di sicurezza.

    20/03/2013 NEPAL - VATICANO
    Politici ed ecologisti nepalesi esaltano il Papa per la custodia del creato
    Il neoministro per l'Ambiente basa il suo primo discorso pubblico sulle parole del pontefice. L'invito a tutti i leader religiosi e politici ed ambientalisti a fare proprio il messaggio di Francesco. Musulmani, indù, buddisti uniti insieme ai cattolici nella difesa dell'ambiente e di tutte le sue creature.

    13/04/2007 NEPAL
    La minoranza islamica chiede seggi e posti di lavoro
    I musulmani protestano che il Paese è ancora uno Stato indù, anche dopo l’abolizione di una monarchia teocratica, e chiedono garanzie e posti riservati per la loro minoranza. Il parere di esponenti d altre fedi. E’ essenziale aiutare il Nepal nella transizione a Stato secolare.

    22/03/2012 THAILANDIA
    Ricordando Assisi, leader religiosi thai pregano per la pace e la riconciliazione
    L’incontro di preghiera doveva svolgersi in concomitanza con la Giornata della pace di ottobre, ma è stato rimandato per le alluvioni. Cattolici, buddisti, musulmani, indù e sikh testimoniano che la fede “è uno strumento di pace”. Arcivescovo di Bangkok: “ama il prossimo tuo come te stesso”.

    27/12/2013 NEPAL
    Nepal, Natale "collettivo" per cristiani, indù e buddisti
    La notte del 25 dicembre, centinaia di persone di ogni religione hanno partecipato alla messa della cattedrale dell'Assunzione. Rispetto al passato, quest'anno anche indù e buddisti hanno vissuto l'aspetto spirituale delle celebrazioni. La mancanza di discriminazione tipica del cristianesimo attira le altre comunità.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®