2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/10/2011
NEPAL
Leader religiosi in Nepal uniti al Papa nello spirito di Assisi
di Kalpit Parajuli
Indù, islamici e cristiani nepalesi invitano tutti a combattere l'estremismo e la violenza in nome della religione. L’impegno comune alla solidarietà e al rispetto reciproco.

Kathmandu (AsiaNews) – I leader religiosi nepalesi, indù, islamici e cristiani, accolgono il messaggio di pace e solidarietà fra le religioni espresso ad Assisi e promettono di lavorare insieme contro l’estremismo e la violenza in nome della fede. In un comunicato, i rappresentanti dei vari gruppi religiosi del Nepal sottolineano che “tutti i leader dovrebbero considerare con serietà il messaggio di Benedetto XVI. Essi devono essere consapevoli che la guerra, la violenza e il terrorismo in nome della religione non portano da nessuna parte e ci conducono alla perdizione".

Il Nepal è un Paese laico dal 2006, dopo secoli di monarchia assoluta di stampo indù. Tuttavia la transizione verso la completa laicità è stata offuscata in questi anni dall’intolleranza dei gruppi estremisti che si battono per il ritorno a uno Stato confessionale. Il messaggio del Papa è molto importante per le minoranze che da mesi lottano per la piena laicità dello Stato e la libertà di culto. Su pressione dei partiti più conservatori, il governo maoista ha proposto di recente una revisione del codice penale e civile che vieta le conversioni a religioni diverse da quella indù. Esso bolla come proselitismo qualsiasi tentativo di espressione religiosa che possa intaccare i valori tradizionali, impedendo di fatto alle minoranze di comunicare in pubblico la propria fede.

Keshav Chaulagain, presidente della World Hindu Federation, afferma: “Tutte le religioni devono convivere insieme e i leader devono promuovere e testimoniare il rispetto reciproco. Come ha sottolineato il Papa gli indù sono per la pace e la giustizia. Coloro commettono atti di violenza in nome della religione non sono indù. Sono dei banali criminali e il loro scopo è diffamare la loro stessa fede”.

Per Ishu Jung Karki, Segretario nazionale dei cristiani “quando tutte le religioni possono incontrarsi e convivere un Paese diventa più ricco”. Riprendendo le parole del Papa egli sottolinea che “la pace prevale solo quando Dio è dentro ognuno di noi, “lo Stato deve solo impegnarsi per garantire i diritti e la sicurezza delle minoranze religiose”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/02/2011 NEPAL
Sui luoghi di Buddha, buddisti e cristiani pregano per la libertà religiosa
di Kalpit Parajuli
20/03/2013 NEPAL - VATICANO
Politici ed ecologisti nepalesi esaltano il Papa per la custodia del creato
di Kalpit Parajuli
13/04/2007 NEPAL
La minoranza islamica chiede seggi e posti di lavoro
di Prakash Dubey
27/12/2013 NEPAL
Nepal, Natale "collettivo" per cristiani, indù e buddisti
di Christopher Sharma
27/11/2012 NEPAL
Nepal, primo censimento dalla fine della monarchia, i cristiani crescono dell'1%
di Kalpit Parajuli

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate