25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/05/2013, 00.00

    EGITTO

    Luxor, meta del turismo mondiale diventata una città fantasma



    Per l'instabilità politica, i visitatori sono calati del 70%. In città si sopravvive a stento. Molte persone un tempo impiegate nel settore hanno cambiato lavoro. Per la popolazione il governo islamista ha paura del turismo e lo lascerà morire.

    Il Cairo (AsiaNews)  - Strade semideserte, gruppi di tassisti in sosta in attesa di improbabili clienti, alberghi di lusso da 270 stanze con il portinaio come unico ospite. È il triste paesaggio di Luxor una delle mete turistiche più famose al mondo. Molti dei residenti la definiscono ormai una "città fantasma".

    Interamente dipendente dal turismo, Luxor soffre il drastico calo di visitatori che colpisce tutto l'Egitto dall'inizio della Rivoluzione dei gelsomini nel 2011. I numeri sono crollati da oltre 14 milioni di turisti nel 2010 a 9,4 milioni nel 2011. Nel 2012 vi è stata un leggera ripresa con circa 11 milioni, che però si è arrestata quest'anno a causa dell'instabilità politica.

    Secondo Abdel Ghaffar, direttore per il Medio oriente dell' Organizzazione mondiale del turismo "questo è il peggior periodo da quando l'Egitto ha iniziato a raccogliere le statistiche del turismo, circa 25 anni fa". Tale quadro "è il risultato dei cambiamenti politici, che hanno portato molta incertezza in tutta l'economia, soprattutto nel settore turistico".  

    Il tempio di Luxor, fra i più famosi e visitati al mondo, splende nella città, ma i turisti sono ormai nell'ordine delle unità. In alcuni giorni esso è un luogo desolato e silenzioso. Infatti sono proprio i parchi archeologici dell'Alto Egitto i più colpiti. Gli scontri interreligiosi, le minacce degli imam salafiti contro gli stranieri spaventano la gente. Fra il 2012 e il 2013 le visite sono calate del 70%.

    Mansour Breek, capo del settore delle antichità dell'Alto Egitto afferma: "Dipendiamo da questo denaro per proteggere e restaurare i monumenti e per pagare gli archeologi. Gran parte della popolazione ha perso il lavoro".  

    Tutti a Luxor hanno una storia triste da raccontare: dal locale capitano di navi da crociera sul Nilo che non naviga dal 2011, all'agente di viaggio diventato rivenditore di mobili usati per compensare i pochi guadagni.

    Mamdouh, un tassista, sta lottando per sopravvivere: "Fino a due anni fa guadagnavo circa 300  sterline egiziane al giorno, ora ho una media di un passeggero al giorno e porto a casa meno di 20 sterline. Alla sera la mia famiglia non mangia perché non ci sono soldi".

    Il settore turistico rappresenta l'11,3% del Pil egiziano e per anni ha dato lavoro a quasi 3 milioni di persone. Nonostante gli appelli della popolazione l'esecutivo islamista fa poco o nulla per migliorare la situazione, soprattutto in termini di sicurezza. "Gli sforzi del governo sono stati trascurabili", sostiene Mohamed Osman, vice-presidente della Camera del turismo di Luxor. Secondo lui i Fratelli Musulmani hanno paura dei turisti, che portano stranieri e "cattivi costumi" e in questi mesi hanno solo menzionato il problema, senza mai affrontarlo. "Alcuni di loro - aggiunge - pensano che il turismo sia un settore pericoloso. Essi non dicono apertamente che vogliono bloccare i flussi, ma senza incentivi o piani di rilancio su larga scala lasceranno morire ciò che abbiamo creato in questi decenni".  

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2013 EGITTO - ISLAM
    La "longa mano islamista" conquista l'Egitto, sospetto terrorista nominato governatore di Luxor
    Il presidente Morsi nomina 17 nuovi governatori provinciali. Sette militano nelle fila dei Fratelli Musulmani. Proteste a Luxor, Ismailia, Gharbiya e Menoufiya, città natale di Mubarak. Il movimento pro-democrazia "The Rebel" raccoglie 13 milioni di firme per delegittimare Morsi.

    19/07/2012 EGITTO
    Egitto, islamismo e insicurezza lasciano deserte le spiagge del Mar Rosso
    A 17 mesi dalla caduta di Mubarak alcuni imprenditori lamentano perdite del 70%. Albergatori, ristoratori e agenti lanciano un appello a Morsi per non islamizzare il settore turistico balneare. Nei primi cinque mesi del 2012 le visite sono calate del 26% rispetto al 2010, i guadagni sono scesi invece del 24%.

    08/05/2013 EGITTO
    Egitto, Morsi nomina nove islamisti alla guida dei principali ministeri
    La scelta ha suscitato critiche e polemiche anche da parte degli alleati salafiti. Fra i ministeri chiave vi sono quello della Giustizia, dell'Economia e delle Finanze. Per la prima volta nella storia al ministero delle Antichità vi sarà un esperto di cultura islamica e non un archeologo. André Azzam, giornalista, racconta i primi effetti dell'islamizzazione delle istituzioni. Morsi sempre più odiato dalla popolazione.

    13/08/2012 EGITTO
    Chiesa cattolica egiziana: "Positive" le dimissioni del gen. Tantawi
    La decisione del presidente Mohammed Morsi segna la fine del doppio potere esercito-istituzioni civili. Il cambio dei vertici del Consiglio Supremo delle Forze Armate segue la tragedia del valico di Rafah (Sinai) costata la vita a sette soldati. Restano alti i timori di un'islamizzazione della società da parte dei Fratelli musulmani.

    30/05/2012 EGITTO
    Giovani egiziani contro le false promesse di Fratelli musulmani e amici del regime
    I fautori della Rivoluzione dei gelsomini boicotteranno i ballottaggi in programma dal 15 al 16 giugno. Mohammed Mursi, candidato dei Fratelli musulmani annuncia pari diritti per i copti. Cristiani terrorizzati dall'eventuale salita al potere degli islamisti. L'esercito dietro il successo a sorpresa di Ahmed Shafiq, ex Premier del governo Mubarak.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®