25 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/06/2012, 00.00

    FILIPPINE

    Maguidanao, muore un altro testimone chiave del massacro



    Alijiol Ampatuan è stato ucciso in una sparatoria. Egli aveva deciso di testimoniare al processo per la strage costata la vita a 57 persone. Non si avevano notizie di lui da febbraio. L'uomo è il sesto testimone ad essere assassinato dal 2010.

    Maguindanao (AsiaNews/Agenzie) - Continuano le morti sospette dei potenziali testimoni della strage di Maguindanao (Mindanao). Oggi la polizia ha confermato l'uccisione di Alijiol Ampatuan presente durante il massacro di 57 persone del clan Magudadatu avvenuto il 23 novembre 2009. Egli era parente di Andal Ampatuan sr, ex governatore della regione autonoma di Mindanao (Autonomus Region in Muslim Mindanao - Armm), considerato il mandante della strage.

    Marcelo Pintac, sovrintendente della polizia di Maguidanao, spiega che non si avevano notizie di Alijiol Ampatuan dal febbraio scorso. Egli aveva deciso di collaborare come testimone dell'accusa al processo contro il clan Ampatuan. L'uomo è rimasto ucciso in una sparatoria avvenuta a fine febbraio nella località di Shariff Aguak (Maguindanao). Alijiol Ampatuan è il sesto testimone ad essere assassinato dal gennaio 2010. Fra gli uccisi Suwaid Uphan, reo confesso killer assassinato il 14 giugno 2010.

    I parenti delle vittime hanno più volte accusato la polizia di non fornire adeguata protezione ai testimoni e alle loro famiglie. A oltre due anni dal massacro il processo è in stallo. A tutt'oggi nessuno dei 196 imputati è stato ancora condannato in via definitiva. Fra essi anche Andal Ampatuan jr, figlio dell'ex governatore di Maguidanano, sotto processo per 41 dei 57 omicidi. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/11/2011 FILIPPINE
    Maguindanao, nel giorno della memoria trovate bombe sul luogo del massacro
    Gli ordigni erano sul bordo della strada e sono stati disinnescati dalla polizia. Per sicurezza diversi familiari delle vittime della strage del 23 novembre 2009 non hanno partecipato alle celebrazioni. Il Paese si divide sul processo per corruzione contro l’ex presidente Arroyo. Fonti di AsiaNews giudicano esagerate le accuse di un suo coinvolgimento nel massacro costato 58 vittime.

    12/01/2012 FILIPPINE
    Maguindanao: dopo le violenze, Aquino nomina come governatore un allievo di Silsilah
    Mujiv Hataman, musulmano, si è formato ai corsi per il dialogo interreligioso promossi da p. Sebastiano D’Ambra, missionario del Pontificio istituto missioni estere. Il neo-governatore sostituirà Datu Zaldy Ampatuan, sotto processo per il massacro di Maguindanao costato la vita a 58 persone.

    08/09/2010 FILIPPINE
    Al via il processo per il massacro di Maguindanao
    I giudici hanno ascoltato oggi il primo testimone della strage, dopo cinque mesi di proroghe. Principali imputati Andal Ampatuan jr e 16 ex poliziotti, considerati gli autori del massacro. Per i parenti delle vittime il processo potrebbe durare anni, mettendo in pericolo la vita degli altri testimoni.

    02/03/2010 INDIA
    Lettera Aperta per avere giustizia, a 8 anni dal massacro del Gujarat
    Il gruppo Cittadini per Giustizia e Pace commemora l’eccidio del 27-28 febbraio 2002, quando violenze tra islamici e indù causarono oltre 1.500 morti. Un appello a tutti perché chiedano sia accertata la verità.

    25/06/2010 FILIPPINE
    Ucciso testimone chiave del massacro di Maguindanao
    Suwaid Uphan era uno dei killer del massacro e di recente aveva deciso di collaborare con la giustizia. Il suo omicidio è avvenuto il 14 giugno scorso, ma la polizia ha confermato la notizia solo il 24. Critiche contro il dipartimento di giustizia accusato di non aver dato sufficiente protezione al testimone.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®