06 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/08/2012, 00.00

    BAHRAIN

    Manama, giovane 16enne ucciso dalla polizia



    Le forze dell'ordine lo accusano di "terrorismo" perché lanciava bottiglie molotov. Almeno 50 persone sono morte nella rivoluzione dei gelsomini contro il dominio degli al Khalifa. L'attivista Nabil Rajab condannato a tre anni per aver incitato e partecipato a manifestazioni.

    Manama (AsiaNews/Agenzie) - Un ragazzo 16enne è stato ucciso dalle forze di sicurezza del Bahrain durante una dimostrazione ieri sera. Il Centro per i diritti umani del Bahrain denuncia che Husam al-Haddad è morto per le ferite infertegli dal pestaggio dei poliziotti e da pallini sparati da un fucile. I parenti del ragazzo hanno ricuperato il suo corpo tutto sanguinante.

    Il ministero degli interni del Bahrain conferma la morte del ragazzo, ma lo accusa di "terrorismo" perché egli ha attaccato i poliziotti con bottiglie molotov.

    Dal febbraio 2011 il Bahrain è scosso da manifestazioni e proteste che chiedono riforme politiche e maggiore spazio per la popolazione di confessione sciita. Il governo sunnita di Sheikh Khalifa bin Salman Al Khalifa - la cui famiglia reale domina il Paese dal 1971 -  ha risposto con la repressione, aiutato anche da militari sauditi. La morte di Husam al-Haddad porta a 50 il numero delle vittime dei dimostranti.

    Sempre ieri sera, decine di dimostranti hanno manifestato nel villaggio di Sitra, a sud della capitale, partecipando alla giornata di Al Quds, la protesta per il popolo palestinese. Per disperdere la manifestazione, la polizia ha lanciato gas lacrimogeni.

    Due giorni fa, Nabil Rajab, attivista e capo del Centro per i diritti umani del Bahrain, è stato condannato a tre anni di prigione per provocato e partecipato a manifestazioni contro il governo. Rajab, uno sciita, ha guidato molte proteste contro il potere di Al Khalifa e gli ha chiesto di continuo di lasciare il potere. L'attivista era stato arrestato lo scorso 6 giugno per aver insultato la comunità sunnita sul web.

    Durante il mese del Ramadan, il principe ereditario Salman Bin Hamad Al Khalifa ha fatto molti incontri serali in cui ha sottolineato l'importanza di non ricorrere alla violenza e di iniziare dialoghi diretti per superare la crisi del Paese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2016 13:26:00 A. SAUDITA - BAHRAIN - LIBANO
    Arabia Saudita e Bahrain pronte a espellere collaboratori e attivisti pro-Hezbollah

    Riyadh contro quei sauditi (propri cittadini) che mostrano “sostegno” al movimento sciita libanese. Essi saranno processati secondo le leggi anti-terrorismo. Anche il Bahrain adotta la politica delle espulsioni, allontanate almeno 10 famiglie. Dai Paesi arabi continua l’accerchiamento contro Hezbollah. Nasrallah: "Sauditi pagano gli azzardi in Siria e Yemen". 



    24/02/2016 12:24:00 LIBANO-ARABIA SAUDITA
    Lettera aperta al re saudita Salman sul destino del Libano

    Il ritiro della donazione di 4 miliardi di dollari all’esercito libanese; la messa in guardia dei viaggiatori sauditi, del Bahrein e degli Emirati a non recarsi in Libano; la probabile espulsione di circa 400mila libanesi dai Paesi del Golfo sono alcune delle “vendette” del re Salman che non si sente appoggiato nella sua guerra contro l’Iran. In realtà, il Libano è un luogo di riconciliazione dell’islam diviso fra sunniti e sciiti ed è il luogo dove si educa a una modernità senza ateismo. L’analisi e l’appello di Fady Noun, vice-direttore dell’Orient-Le Jour e nostro collaboratore.



    04/01/2016 MEDIO ORIENTE - ISLAM
    Anche Bahrain e Sudan interrompono i rapporti diplomatici con l’Iran. Sommosse nel mondo islamico
    Manama e Karthoum seguono l’Arabia saudita. Gli Emirati riducono i rapporti a “incaricati d’affari”. Manifestazioni e scontri in Bahrain, Libano, Pakistan, Kashmir indiano. In Iraq esplose tre moschee sunnite. Le equilibrate parole di Hassan Rouhani. Il fratello di Nimr al-Nimr condanna le violenze.

    02/10/2015 BAHRAIN-IRAN
    Il Bahrain richiama il suo ambasciatore dall’Iran ed espelle il rappresentante di Teheran
    L’Iran è accusato di “sedizione confessionale” e di “interferenza negli affari interni”. Ma la popolazione (a maggioranza sciita) chiede più diritti e maggiore giustizia sociale. La “primavera araba” nel 2011 è stata soppressa con truppe saudite. Scoperto un deposito di armi e munizioni.

    16/08/2012 MEDIO ORIENTE
    Cinque Paesi arabi consigliano i connazionali a lasciare il Libano per timori di violenze "filo-siriane"
    Ieri la via all'aeroporto è stata occupata da sciiti dopo la notizia (falsa) dell'uccisione di 11 pellegrini. Air France ha deviato il volo da Beirut a Cipro. Clan sciiti hanno rapito siriani, un turco e un saudita per legami con il Free Syrian Army. È una ritorsione contro la cattura di un gruppo di sciiti libanesi da parte dell'opposizione siriana.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®