30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2012
BAHRAIN
Manama, giovane 16enne ucciso dalla polizia
Le forze dell'ordine lo accusano di "terrorismo" perché lanciava bottiglie molotov. Almeno 50 persone sono morte nella rivoluzione dei gelsomini contro il dominio degli al Khalifa. L'attivista Nabil Rajab condannato a tre anni per aver incitato e partecipato a manifestazioni.

Manama (AsiaNews/Agenzie) - Un ragazzo 16enne è stato ucciso dalle forze di sicurezza del Bahrain durante una dimostrazione ieri sera. Il Centro per i diritti umani del Bahrain denuncia che Husam al-Haddad è morto per le ferite infertegli dal pestaggio dei poliziotti e da pallini sparati da un fucile. I parenti del ragazzo hanno ricuperato il suo corpo tutto sanguinante.

Il ministero degli interni del Bahrain conferma la morte del ragazzo, ma lo accusa di "terrorismo" perché egli ha attaccato i poliziotti con bottiglie molotov.

Dal febbraio 2011 il Bahrain è scosso da manifestazioni e proteste che chiedono riforme politiche e maggiore spazio per la popolazione di confessione sciita. Il governo sunnita di Sheikh Khalifa bin Salman Al Khalifa - la cui famiglia reale domina il Paese dal 1971 -  ha risposto con la repressione, aiutato anche da militari sauditi. La morte di Husam al-Haddad porta a 50 il numero delle vittime dei dimostranti.

Sempre ieri sera, decine di dimostranti hanno manifestato nel villaggio di Sitra, a sud della capitale, partecipando alla giornata di Al Quds, la protesta per il popolo palestinese. Per disperdere la manifestazione, la polizia ha lanciato gas lacrimogeni.

Due giorni fa, Nabil Rajab, attivista e capo del Centro per i diritti umani del Bahrain, è stato condannato a tre anni di prigione per provocato e partecipato a manifestazioni contro il governo. Rajab, uno sciita, ha guidato molte proteste contro il potere di Al Khalifa e gli ha chiesto di continuo di lasciare il potere. L'attivista era stato arrestato lo scorso 6 giugno per aver insultato la comunità sunnita sul web.

Durante il mese del Ramadan, il principe ereditario Salman Bin Hamad Al Khalifa ha fatto molti incontri serali in cui ha sottolineato l'importanza di non ricorrere alla violenza e di iniziare dialoghi diretti per superare la crisi del Paese.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/05/2012 IRAN-BAHRAIN-ARABIA SAUDITA
Iraniani in piazza contro l'unione tra gli Stati della penisola arabica
16/08/2012 MEDIO ORIENTE
Cinque Paesi arabi consigliano i connazionali a lasciare il Libano per timori di violenze "filo-siriane"
18/07/2011 SIRIA - BAHRAIN
La Siria sull’orlo della guerra civile, scontri urbani tra gruppi "confessionali"
28/07/2012 ARABIA SAUDITA
Feriti e arresti fra i manifestanti sciiti in piazza contro il regime saudita
15/01/2015 ARABIA SAUDITA
Riyadh costruisce una "Grande muraglia" per difendersi dallo Stato islamico

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate