23 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2012
BAHRAIN
Manama, giovane 16enne ucciso dalla polizia
Le forze dell'ordine lo accusano di "terrorismo" perché lanciava bottiglie molotov. Almeno 50 persone sono morte nella rivoluzione dei gelsomini contro il dominio degli al Khalifa. L'attivista Nabil Rajab condannato a tre anni per aver incitato e partecipato a manifestazioni.

Manama (AsiaNews/Agenzie) - Un ragazzo 16enne è stato ucciso dalle forze di sicurezza del Bahrain durante una dimostrazione ieri sera. Il Centro per i diritti umani del Bahrain denuncia che Husam al-Haddad è morto per le ferite infertegli dal pestaggio dei poliziotti e da pallini sparati da un fucile. I parenti del ragazzo hanno ricuperato il suo corpo tutto sanguinante.

Il ministero degli interni del Bahrain conferma la morte del ragazzo, ma lo accusa di "terrorismo" perché egli ha attaccato i poliziotti con bottiglie molotov.

Dal febbraio 2011 il Bahrain è scosso da manifestazioni e proteste che chiedono riforme politiche e maggiore spazio per la popolazione di confessione sciita. Il governo sunnita di Sheikh Khalifa bin Salman Al Khalifa - la cui famiglia reale domina il Paese dal 1971 -  ha risposto con la repressione, aiutato anche da militari sauditi. La morte di Husam al-Haddad porta a 50 il numero delle vittime dei dimostranti.

Sempre ieri sera, decine di dimostranti hanno manifestato nel villaggio di Sitra, a sud della capitale, partecipando alla giornata di Al Quds, la protesta per il popolo palestinese. Per disperdere la manifestazione, la polizia ha lanciato gas lacrimogeni.

Due giorni fa, Nabil Rajab, attivista e capo del Centro per i diritti umani del Bahrain, è stato condannato a tre anni di prigione per provocato e partecipato a manifestazioni contro il governo. Rajab, uno sciita, ha guidato molte proteste contro il potere di Al Khalifa e gli ha chiesto di continuo di lasciare il potere. L'attivista era stato arrestato lo scorso 6 giugno per aver insultato la comunità sunnita sul web.

Durante il mese del Ramadan, il principe ereditario Salman Bin Hamad Al Khalifa ha fatto molti incontri serali in cui ha sottolineato l'importanza di non ricorrere alla violenza e di iniziare dialoghi diretti per superare la crisi del Paese.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/05/2012 IRAN-BAHRAIN-ARABIA SAUDITA
Iraniani in piazza contro l'unione tra gli Stati della penisola arabica
16/08/2012 MEDIO ORIENTE
Cinque Paesi arabi consigliano i connazionali a lasciare il Libano per timori di violenze "filo-siriane"
28/07/2012 ARABIA SAUDITA
Feriti e arresti fra i manifestanti sciiti in piazza contro il regime saudita
05/06/2008 ARABIA SAUDITA
Re Abdullah: dobbiamo dialogare anche con chi non ama l’islam
18/07/2011 SIRIA - BAHRAIN
La Siria sull’orlo della guerra civile, scontri urbani tra gruppi "confessionali"

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate