1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/01/2010
FILIPPINE - A. SAUDITA
Migranti filippini cristiani costretti a convertirsi all’islam
di Santosh Digal
Infermiera filippina da 10 anni nel Paese Arabo racconta la drammatica situazione dei lavoratori cristiani, costretti ad abbracciare l’islam per paura di perdere il lavoro. Abusi e violenze non fermano i migranti che continuano a scegliere i Paesi del Medio Oriente per il facile impiego.

Manila (AsiaNews) – “Vivo in Arabia Saudita da 10 anni  e in questo periodo ho visto molti cattolici e cristiani filippini accettare l’islam a causa della loro terribile situazione di lavoratori migranti in terra straniera”. È quanto afferma Joselyn Cabrera, infermiera filippina cattolica impiegata in un ospedale di Riyadh.

A causa della disoccupazione presente nelle Filippine oltre 10milioni di lavoratori resiedono all’estero; ogni giorno oltre 3mila persone lasciano il Paese. Di questi la maggior parte cerca lavoro nei Paesi Arabi, dove vivono circa 600mila filippini; 200mila nella sola Arabia Saudita.

“Dopo qualche mese – racconta Joselyn - i datori di lavoro danno l’ultimatum, e dicono che dobbiamo diventare musulmani per non essere licenziati”. “Per noi è difficile scegliere quando si è nella nostra condizione – continua – ma se non accettiamo diventiamo vittime di abusi”. La donna dice di aver assistito in questi anni ad almeno 50 conversioni forzate sul posto di lavoro. “Anche io – aggiunge - ho subito pressioni dai colleghi musulmani, ma ho sempre rifiutato dicendo che preferisco restare cattolica. Per ora non mi è accaduto nulla”.     

Secondo i dati della Philippine Overseas Employment Administration (Poea) dal 2007 al 2008 l’emigrazione verso il Medio Oriente ha visto un aumento del 29,5% che per la facilità di impiego si conferma tra le prime scelte dei migranti. E questo nonostante le terribili condizioni di lavoro, il rischio di conversioni forzate e gli abusi sessuali subiti dalle donne.

 Il caso più recente riguarda una donna vittima di uno stupro sul posto di lavoro in Arabia Saudita. Le autorità  l’hanno accusata di aver avuto rapporti extraconiugali, vietati nel Paese arabo, e dall’11 settembre è rinchiusa in una prigione della capitale. In seguito alla violenza la donna è rimasta in cinta e per le dure condizioni dei carceri sauditi ha perso il bambino. In febbraio essa dovrà comparire davanti ai giudici e rischia una condanna a 100 frustate.  (Cfr. AsiaNews.it, 22/01/2010 “Riyadh: filippina vittima di uno stupro, rischia una condanna a 100 frustate”).    


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/09/2009 FILIPPINE
Migranti cattolici filippini, testimoni della fede nei Paesi islamici
di Santosh Digal
02/12/2009 FILIPPINE - EMIRATI
Crollo di Dubai: a rischio 250mila lavoratori migranti filippini
di Santosh Digal
31/12/2009 FILIPPINE - ISLAM
Migrante filippina in Arabia Saudita: sfruttata e derisa per la sua fede
di Santosh Digal
17/03/2012 ARABIA SAUDITA – FILIPPINE
Arabia Saudita, il 70% delle colf filippine subisce violenze fisiche e psicologiche
15/03/2010 FILIPPINE
Migranti filippini, la fede per affrontare la crisi economica
di Santosh Digal

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate