27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/07/2008, 00.00

    FILIPPINE

    Mindanao, talk-show radiofonico per favorire il dialogo interreligioso

    Santosh Digal

    Il movimento interreligioso per la pace e la solidarietà propone una trasmissione settimanale in cui si parlerà di dottrina, teologia, incontro fra fedi diverse e sviluppo economico. Passo in avanti negli accordi di pace fra governo e truppe del fronte islamico Moro.

    Manila (AsiaNews) – Il Movimento interreligioso per la pace e la solidarietà (IRSMP) ha lanciato un programma radiofonico che intende promuovere il dialogo fra le diverse fedi e la coesistenza pacifica fra cristiani e musulmani a Mindanao.

    La provincia del sud delle Filippine da quasi 40 anni è teatro di una guerra fra le truppe dell’esercito e i ribelli del Fronte islamico Moro (Milf): essa ha seminato morte e distruzione, nonostante gli sforzi messi in campo dai leader cattolici e dagli imam moderati musulmani per ristabilire la pace, la sicurezza dei cittadini e accrescere lo sviluppo economico della regione.

    Il programma radiofonico, trasmesso in diretta ogni sabato sera dalle 6 alle 7, si chiamerà “In Solidarity”, è curato dall’emittente Radio Mindanao Network e durerà un anno. La conduzione è affidata a Marcelina Carpizo, direttore del Dipartimento per la pace e lo sviluppo dell’Università del Mindanao occidentale (WMSU) e da Alain Paragas, docente di psicologia dell’ateneo, che verranno affiancati ogni settimana da alcuni ospiti con i quali si parlerà di dialogo interreligioso, dottrina e teologia, incontro fra culture diverse, sviluppo economico, dei desideri e delle aspirazioni degli abitanti della provincia.

    Durante la messa in onda verranno trasmessi reportage e servizi curati dagli studenti universitari iscritti al corso di laurea in Scienze della comunicazione di massa. Il progetto prevede inoltre la realizzazione, a cadenza mensile, di un documentario della durata di 30 minuti – intitolato Solidarity Connections – che partirà la prima settimana di agosto sulla radio governativa RPN 5 radio channel.

    È di questi giorni, invece, la notizia di un sensibile “passo in avanti” nei colloqui fra il Governo e il Milf sull’annosa questione del controllo dei territori nel Mindanao. Il 24 luglio è in programma un incontro volto a stabilire una data per la firma dell’accordo di pace: il Milf è disposto a rinunciare alla parola “libertà” sulle zone controllate; il governo propone la creazione di uno stato “federale” – la Regione autonoma musulmana del Mindanao (ARMM), che verrà ampliata con l’annessione di altri 712 villaggi a maggioranza islamica – oltre alla concessione dello sfruttamento delle risorse del territorio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/09/2008 FILIPPINE
    Filippine: la Arroyo cancella gli accordi di pace ed estromette il Milf dal tavolo delle trattative
    È rottura definitiva fra governo e gruppi ribelli del fronte islamico Moro, colpevoli delle recenti ondate di violenze nel Mindanao. Nell’isola vi sono quasi mezzo milione di sfollati. L’appello della Chiesa cattolica che, insieme ai musulmani, vuole una “vera pace” per il Paese.

    01/09/2008 FILIPPINE
    Mindanao, cattolico ufficiale dell’esercito, protagonista del dialogo interreligioso
    Il Ten. Col. Johnny Macanas ha vissuto per anni il conflitto fra cristiani e musulmani. Segnato dalla logica delle violenze, egli ha deciso di “lottare in prima fila” per portare “la pace e la comprensione reciproca”. Appello del card. Rosales che chiede di pregare per la “fine della guerra”.

    27/08/2008 FILIPPINE
    Card Rosales: “Vescovi e ulema protagonisti nel processo di pace a Mindanao”
    L’arcivescovo di Manila, rientrato da un viaggio nell’isola, invita la commissione congiunta cristiano-musulmana a lavorare per riportare la stabilità nella zona e promuovere un accordo fra Milf e governo. Scoperti materiali chimici usati dai ribelli islamici per fabbricare esplosivi.

    30/11/2006 FILIPPINE
    Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace

    Si è aperta ieri a Zamboanga la nona "Settimana della Pace", che chiede al governo ed ai ribelli separatisti del Fronte islamico la fine delle ostilità nell'arcipelago meridionale.



    31/10/2008 FILIPPINE
    La pace a Mindanao passa attraverso il dialogo fra i giovani
    Pluralismo e multiculturalità le vie per favorire il confronto fra i giovani del Paese. Agli educatori il compito di realizzare una “rete di comunicazione” fra gli istituti a carattere interconfessionale. Per un leader del fronte islamico Moro la guerra nella provincia non è un “conflitto fra religioni”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®