24 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/07/2008
FILIPPINE
Mindanao, talk-show radiofonico per favorire il dialogo interreligioso
di Santosh Digal
Il movimento interreligioso per la pace e la solidarietà propone una trasmissione settimanale in cui si parlerà di dottrina, teologia, incontro fra fedi diverse e sviluppo economico. Passo in avanti negli accordi di pace fra governo e truppe del fronte islamico Moro.

Manila (AsiaNews) – Il Movimento interreligioso per la pace e la solidarietà (IRSMP) ha lanciato un programma radiofonico che intende promuovere il dialogo fra le diverse fedi e la coesistenza pacifica fra cristiani e musulmani a Mindanao.

La provincia del sud delle Filippine da quasi 40 anni è teatro di una guerra fra le truppe dell’esercito e i ribelli del Fronte islamico Moro (Milf): essa ha seminato morte e distruzione, nonostante gli sforzi messi in campo dai leader cattolici e dagli imam moderati musulmani per ristabilire la pace, la sicurezza dei cittadini e accrescere lo sviluppo economico della regione.

Il programma radiofonico, trasmesso in diretta ogni sabato sera dalle 6 alle 7, si chiamerà “In Solidarity”, è curato dall’emittente Radio Mindanao Network e durerà un anno. La conduzione è affidata a Marcelina Carpizo, direttore del Dipartimento per la pace e lo sviluppo dell’Università del Mindanao occidentale (WMSU) e da Alain Paragas, docente di psicologia dell’ateneo, che verranno affiancati ogni settimana da alcuni ospiti con i quali si parlerà di dialogo interreligioso, dottrina e teologia, incontro fra culture diverse, sviluppo economico, dei desideri e delle aspirazioni degli abitanti della provincia.

Durante la messa in onda verranno trasmessi reportage e servizi curati dagli studenti universitari iscritti al corso di laurea in Scienze della comunicazione di massa. Il progetto prevede inoltre la realizzazione, a cadenza mensile, di un documentario della durata di 30 minuti – intitolato Solidarity Connections – che partirà la prima settimana di agosto sulla radio governativa RPN 5 radio channel.

È di questi giorni, invece, la notizia di un sensibile “passo in avanti” nei colloqui fra il Governo e il Milf sull’annosa questione del controllo dei territori nel Mindanao. Il 24 luglio è in programma un incontro volto a stabilire una data per la firma dell’accordo di pace: il Milf è disposto a rinunciare alla parola “libertà” sulle zone controllate; il governo propone la creazione di uno stato “federale” – la Regione autonoma musulmana del Mindanao (ARMM), che verrà ampliata con l’annessione di altri 712 villaggi a maggioranza islamica – oltre alla concessione dello sfruttamento delle risorse del territorio.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/09/2008 FILIPPINE
Filippine: la Arroyo cancella gli accordi di pace ed estromette il Milf dal tavolo delle trattative
di Santosh Digal
01/09/2008 FILIPPINE
Mindanao, cattolico ufficiale dell’esercito, protagonista del dialogo interreligioso
di Santosh Digal
27/08/2008 FILIPPINE
Card Rosales: “Vescovi e ulema protagonisti nel processo di pace a Mindanao”
di Santosh Digal
31/10/2008 FILIPPINE
La pace a Mindanao passa attraverso il dialogo fra i giovani
di Santosh Digal
30/11/2006 FILIPPINE
Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace
di Santosh Digal

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate