21 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/07/2008
FILIPPINE
Mindanao, talk-show radiofonico per favorire il dialogo interreligioso
di Santosh Digal
Il movimento interreligioso per la pace e la solidarietà propone una trasmissione settimanale in cui si parlerà di dottrina, teologia, incontro fra fedi diverse e sviluppo economico. Passo in avanti negli accordi di pace fra governo e truppe del fronte islamico Moro.

Manila (AsiaNews) – Il Movimento interreligioso per la pace e la solidarietà (IRSMP) ha lanciato un programma radiofonico che intende promuovere il dialogo fra le diverse fedi e la coesistenza pacifica fra cristiani e musulmani a Mindanao.

La provincia del sud delle Filippine da quasi 40 anni è teatro di una guerra fra le truppe dell’esercito e i ribelli del Fronte islamico Moro (Milf): essa ha seminato morte e distruzione, nonostante gli sforzi messi in campo dai leader cattolici e dagli imam moderati musulmani per ristabilire la pace, la sicurezza dei cittadini e accrescere lo sviluppo economico della regione.

Il programma radiofonico, trasmesso in diretta ogni sabato sera dalle 6 alle 7, si chiamerà “In Solidarity”, è curato dall’emittente Radio Mindanao Network e durerà un anno. La conduzione è affidata a Marcelina Carpizo, direttore del Dipartimento per la pace e lo sviluppo dell’Università del Mindanao occidentale (WMSU) e da Alain Paragas, docente di psicologia dell’ateneo, che verranno affiancati ogni settimana da alcuni ospiti con i quali si parlerà di dialogo interreligioso, dottrina e teologia, incontro fra culture diverse, sviluppo economico, dei desideri e delle aspirazioni degli abitanti della provincia.

Durante la messa in onda verranno trasmessi reportage e servizi curati dagli studenti universitari iscritti al corso di laurea in Scienze della comunicazione di massa. Il progetto prevede inoltre la realizzazione, a cadenza mensile, di un documentario della durata di 30 minuti – intitolato Solidarity Connections – che partirà la prima settimana di agosto sulla radio governativa RPN 5 radio channel.

È di questi giorni, invece, la notizia di un sensibile “passo in avanti” nei colloqui fra il Governo e il Milf sull’annosa questione del controllo dei territori nel Mindanao. Il 24 luglio è in programma un incontro volto a stabilire una data per la firma dell’accordo di pace: il Milf è disposto a rinunciare alla parola “libertà” sulle zone controllate; il governo propone la creazione di uno stato “federale” – la Regione autonoma musulmana del Mindanao (ARMM), che verrà ampliata con l’annessione di altri 712 villaggi a maggioranza islamica – oltre alla concessione dello sfruttamento delle risorse del territorio.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/09/2008 FILIPPINE
Filippine: la Arroyo cancella gli accordi di pace ed estromette il Milf dal tavolo delle trattative
di Santosh Digal
01/09/2008 FILIPPINE
Mindanao, cattolico ufficiale dell’esercito, protagonista del dialogo interreligioso
di Santosh Digal
27/08/2008 FILIPPINE
Card Rosales: “Vescovi e ulema protagonisti nel processo di pace a Mindanao”
di Santosh Digal
31/10/2008 FILIPPINE
La pace a Mindanao passa attraverso il dialogo fra i giovani
di Santosh Digal
30/11/2006 FILIPPINE
Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace
di Santosh Digal

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate