22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2017, 11.41

    INDIA

    Modi trionfa nelle elezioni regionali indiane e spinge al declino Rahul Gandhi

    C. T. Nilesh

    La scorsa settimana cinque Stati indiani hanno eletto le assemblee locali. Il partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party del primo ministro ha primeggiato in due Stati, dove governerà da solo, mentre in altri due formerà delle coalizioni. La sua vittoria deriva da una paralisi politica e di leadership del principale oppositore, il Congress Party, presieduto da Sonia Gandhi ma guidato dal figlio Rahul.

    New Delhi (AsiaNews) – Trionfo del partito nazionalista indù del premier Narendra Modi e crollo elettorale del Congress di Rahul Gandhi. È il risultato delle elezioni amministrative avvenute la scorsa settimana in cinque Stati indiani. Nel dettaglio, la vittoria più eclatante si è registrata in Uttar Pradesh, lo Stato più popoloso dell’India e da sempre ago della bilancia della politica nazionale. Qui il Bharatiya Janata Party (Bjp) ha ottenuto 325 seggi su 403 totali e governerà da solo. In Uttarakhand il Bjp è in testa con 57 seggi su 70, contro lo sfidante Congress che si è fermato a 11 seggi. A Goa ha vinto il Congress con 18 preferenze, ma con ogni probabilità lo Stato sarà governato da una coalizione tra Bjp (14 seggi) e alleati (8 seggi in tutto). Stessa dinamica dovrebbe avvenire in Manipur, dove il Bjp ha ottenuto 21 seggi (mentre il Congress ne ha guadagnati 28) e sta preparando una coalizione che gli consentirebbe di avere la maggioranza dei 31 seggi richiesti per governare. L’unica vittoria certa del Congress è avvenuta in Punjab, dove il partito presieduto da Sonia Gandhi ha primeggiato con 77 seggi e ha relegato la coalizione tra Akali Dal e Bjp al terzo posto, con 18 seggi. Di seguito il commento di un esperto di cultura e politica indiana.

    Il trionfo del Bharatiya Janata Party (Bjp) nelle recenti elezioni regionali in cinque stati dell’India (Uttar Pradesh, Uttarakhand, Goa, Manipur e Punjab) spiana la strada per una vittoria a livello nazionale del Bjp nelle elezioni generali alla Lok Sabha (Parlamento nazionale) del 2019. Come al solito l’indicazione più forte viene dalla vittoria nell’Uttar Pradesh, lo Stato con l’elettorato più numeroso dell’India, [dove per] tre quarti hanno votato Bjp.  Anche lo Stato dell’Uttarakhand ha dato la vittoria al Bjp. Così pure Goa ha un candidato Bjp, Manohar Parrikar.

    La popolarità del primo ministro Narendra Modi che ha condotto personalmente la campagna elettorale dell’Uttar Pradesh e la mancanza di una forte personalità nel Congress Party hanno favorito la vittoria del Bjp. Rahul Gandhi, figlio di Rajiv e Sonia Gandhi, non è stato capace di rovesciare la situazione ed i leader dei partiti locali associati al Congress Party parlano già di un suo ritiro dalla politica.

    Akhilesh Yadav, il primo ministro uscente dell’Uttar Pradesh e presidente del Samajwadi Party, ha espressamente parlato di lasciare da parte Rahul Gandhi e di allearsi con la signora Mayawati, leader del Bahujan Samajwadi Party, per vincere le prossime elezioni nel 2019.

    La vittoria del Bjp in Uttar Pradesh ha rinforzato la posizione del primo ministro del Maharashtra, Devendra Fadnavis del Bjp, che è in coalizione con lo Shiv Sena, partito locale. Esso da sempre domina la politica del Maharashtra.

    Le sorti del Congress Party sono in discesa. Sonia Gandhi, che ha ancora la presidenza, a causa della sua età non è molto attiva.  Molti sperano nell’entrata decisiva in politica della figlia Pryanka che sembra più popolare di Rahul, ma gli impegni familiari la tengono ancora lontana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2017 08:53:00 INDIA
    Dopo le elezioni regionali, i nazionalisti indù dominano in India

    In Uttar Pradesh il nuovo chief minister è Yogi Adityanath, un guru radicale accusato di numerosi crimini. Il premier Narendra Modi ha attirato le simpatie della popolazione nonostante il bando delle rupie. Il Congress Party, di solito sostenuto da minoranze e dalit cui distribuiva posti di potere, ha fallito nel guadagnare consensi.



    15/03/2017 16:33:00 INDIA
    Elezioni a Goa: i deputati cattolici sono il 43%, ma saranno “pedine” nel gioco politico-religioso del Bjp

    Su 40 deputati totali, i cattolici sono 17. Di loro, 7 sono stati eletti tra le file del partito nazionalista indù. A livello nazionale i cristiani non appoggiano il Bjp perché ha una politica contraria e repressiva delle minoranze religiose. Il cambiamento avverrà solo se gli eletti “sapranno far valere i loro punti di vista”.



    11/03/2017 10:41:00 INDIA
    Modi verso la vittoria in Uttar Pradesh

    Lo spoglio dei voti è iniziato questa mattina. Gli ultimi aggiornamenti riportano la vittoria di 305 seggi su 403. La tornata elettorale rappresenta un referendum sulle politiche del premier, dopo il bando delle rupie. Leader cristiano esprime preoccupazione per le politiche aggressive dei nazionalisti indù.



    16/02/2012 INDIA
    Elezioni in Uttar Pradesh: il trampolino di lancio per Rahul Gandhi
    Per tutto il mese di febbraio lo Stato vota per l’Assemblea legislativa. Se il Congress di Rahul Gandhi, 40 anni, dovesse vincere, il giovane politico potrebbe candidarsi alla poltrona di primo ministro nel voto del 2014. Principali avversari in Uttar Pradesh sono i partiti di casta.

    05/11/2012 INDIA
    Rahul Gandhi: il leader (mancato) della nuova India
    All’ultimo comizio del Congress (al governo), l’erede della dinastia Nehru-Gandhi ha parlato di riforme economiche e sviluppo. Eppure, il suo “ritardo” nell’assumere la guida del partito desta preoccupazione, soprattutto in vista delle elezioni generali del 2014. Per i suoi sostenitori, Rahul vuole affrancarsi dagli scandali della politica. Intanto, i suoi detrattori ne elencano le sconfitte.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®