17/12/2015, 00.00
ASIA
Invia ad un amico

Molti applausi e qualche preoccupazione per la mossa della Fed

Le borse sono tutte positive. Con un dollaro più forte, Australia, Giappone, Corea e Cina sperano di aiutare le loro esportazioni. Pechino ha deprezzato ancora una volta lo yuan.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – I mercati asiatici stanno rispondendo bene e in positivo alla notizia che la Federal Reserve Usa ha aumentato i tassi per la prima volta dal giugno 2006, offrendo dollari con una percentuale che va dallo 0,25% allo 0,5%. L'annuncio dato ieri dalla presidente della Fed, Janet Yellen (v.foto), è stato visto come un segno che buon recupero dell'economia americana dopo anni di crisi e di stimoli.

Nella mattinata la borsa di Sydney aveva guadagnato 1,6%; Tokyo il 2,15; Seoul lo 0,25%; Hong Kong si è accresciuta dello 0,83 e Shanghai dell’1,5%.

Tutti questi Paesi – e soprattutto Australia, Giappone, Corea e Cina – sperano che dal rafforzamento del dollaro, la loro moneta si indebolisca, facilitando le loro esportazioni. A Hong Kong si teme invece che la mossa della Fed porterà a maggiori aumenti del prezzo delle proprietà immobiliari.

Stamane la Cina ha intanto deprezzato ancora una volta lo yuan, portandolo a 6,4757 rispetto al dollaro. Pechino ha comunque già annunciato che si staccherà dal cambio più o meno fisso col dollaro Usa (peg) per entrare in un paniere di monete il cui valore viene fissato in accordo col  Fondo monetario internazionale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mercati asiatici giù, ma la "colpa" non è solo dell'Italia
26/02/2013
Borse asiatiche in discesa: timori per il debito europeo, mentre il petrolio si alza
05/04/2012
In discesa le borse dell’Asia dopo i timori per Grecia e Wall Street
07/05/2010
L'Associazione Transatlantica, un passo verso la moneta unica e il governo mondiale
18/02/2013
Segnali di guerra in Asia, mentre il sistema monetario si avvicina al collasso
05/02/2013