21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/02/2018, 10.37

    INDONESIA

    Monaco buddista minacciato dagli islamisti (Video)

    Mathias Hariyadi

    È accusato di proselitismo. A scatenare l’ira dei radicali un progetto benefico del religioso, costretto a leggere e sottoscrivere un’ammissione di colpa. Le autorità hanno deliberato che le accuse mosse dagli integralisti sono prive di fondamento.

    Jakarta (AsiaNews) – Nel villaggio di Kebon Baru (provincia di Banten), un gruppo islamico radicale sconosciuto ha costretto il monaco buddista Mulyanto Nurhalim a sottoscrivere un accordo, nel quale il religioso si impegnava ad abbandonare la propria dimora in seguito ad accuse di proselitismo. L’episodio è accaduto lo scorso 4 febbraio, ma è stato portato alla luce solo sei giorni dopo la diffusione virale del video che ritrae il monaco leggere e firmare il documento.

    A scatenare l’ira degli islamisti è stato un progetto benefico intrapreso dal monaco buddista. Spargendo uova di pesce, egli intendeva trasformare un fosso abbandonato, dove un tempo gli abitanti del villaggio estraevano sabbia, in  un vivaio di pesca da mettere a disposizione della comunità. Gli estremisti hanno tuttavia accusato Mulyanto Nurhalim di voler fare proseliti tra i musulmani locali, attraverso la sua “sollecitazione emotiva”.

    “Dichiaro l’intenzione di lasciare la mia casa di Babad, distretto di Legok, entro il prossimo 10 febbraio – afferma il monaco nel filmato leggendo un documento –  Mi impegno a non fare più rituali o recitazioni di preghiera (a casa mia), dal momento che altri buddisti (dei villaggi vicini) hanno regolarmente fatto visita per unirsi a me. Parti terze hanno considerato le loro visite ‘attività di preghiera’ che hanno sollevato le immediate preoccupazioni della popolazione locale. Se solo un giorno violerò questo ‘accordo’, non opporrò alcuna obiezione ad azioni legali nei miei confronti. Questa lettera è sottoscritta senza alcuna intimidazione”. “Vi va bene così?”, esclama il monaco verso la fine del filmato, mentre una voce fuori campo lo incalza a firmare il foglio che tiene tra le mani. “Prima lo devi firmare, dai, firmalo!”, risponde un uomo.

    Il 7 febbraio, le autorità locali hanno tenuto un incontro chiarificatore, alla presenza del monaco e delle “parti terze”. Alcuni abitanti del villaggio hanno accusato il religioso buddista di aver adibito la sua abitazione a “centro di preghiera segreto” e hanno richiesto che non vi si introducessero più oggetti ed accessori sacri. Mulyanto Nurhalim ha respinto le accuse, affermando che i buddisti erano soliti portagli solo cibo ed altri beni di prima necessità. Al termine della discussione, le autorità hanno deliberato che le accuse mosse dagli integralisti sono prive di fondamento e che le visite regolari dei buddisti non possono considerarsi attività religiose.

    A preoccupare la società civile indonesiana è l’aumento degli episodi di intolleranza religiosa verso le minoranze. Lo scorso 27 dicembre a Banguntapan, sobborgo di Yogyakarta (nell’isola di Java), gruppi di fondamentalisti islamici hanno disturbato e protestato contro le opere di carità organizzate dalla comunità cattolica di St. Paul’s Pringgolayan. I moderati hanno espresso dure critiche anche all’indirizzo del sultano Hamengku Buwono X, governatore della regione a statuto speciale. Commentando la vicenda, il monarca aveva dichiarato che “non vi è bisogno di manifestare la propria identità religiosa, quando si fa beneficienza”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/12/2017 11:52:00 INDONESIA
    Java, le autorità difendono la libertà religiosa dei non musulmani

    La disposizione di alcuni capi villaggio islamici vietava ai fedeli delle minoranze religiose di radunarsi ed usare amplificatori nelle funzioni. Il provvedimento emesso giorni dopo una cerimonia, tenuta dei membri della Indonesia Bethel Church (Gbi). Il capo della polizia: “I valori nazionali del pluralismo non sono negoziabili”



    09/09/2013 INDONESIA
    West Aceh, pastore protestante e quattro cristiani arrestati per proselitismo
    La polizia religiosa ha fermato i cinque per aver cercato di convertire i musulmani della zona. In realtà garantivano istruzione e corsi di recupero. Nemmeno il responsabile dell’Ufficio degli Affari religiosi è sicuro delle accuse. Nella provincia vige la legge islamica e già in passato cristiani protestanti sono stati imprigionati per vicende analoghe.

    09/02/2006 INDONESIA
    Indonesia, cade l'ultima speranza per le tre cristiane accusate di proselitismo

    La Corte suprema respinge l'appello delle insegnanti condannate per aver convertito bambini musulmani. Organizzazione cristiana denuncia: contro di loro usate prove e testimoni falsi.



    06/09/2005 INDONESIA
    Indonesia, condannate per proselitismo 3 donne cristiane

    Sono accusate di aver provato a convertire bambini musulmani. Il verdetto emesso dopo 4 mesi di continue minacce di estremisti islamici.



    15/09/2011 INDONESIA – STATI UNITI
    Estremisti indonesiani attaccano una famiglia americana accusata di proselitismo
    Solo l’intervento della polizia ha evitato conseguenze gravi per i genitori e i due figli piccoli. L’assalto è avvenuto nelle Sulawesi del Sud, dietro ordine di un leader radicale della zona. Da due settimane l’uomo lavorava come insegnante di inglese in una scuola protestante della zona.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®