19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/11/2017, 10.43

    INDONESIA

    Jakarta, uno studente su cinque per il califfato. Uno su quattro pronto a combattere



    I gruppi islamici si fanno strada a forza nella vita pubblica e politica della giovane democrazia. Le autorità lanciano l’allarme per le infiltrazioni radicali nelle organizzazioni studentesche e nei campus. L'intolleranza cresce tra gli indonesiani a medio reddito che vivono nelle periferie.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) - Circa il 20% degli studenti delle scuole superiori e delle università indonesiane preferiscono l'istituzione di un califfato, rispetto ad un governo laico. Quasi un ragazzo su quattro ha dichiarato di essere pronto a combattere per le proprie credenze religiose e per raggiungere tale obiettivo. È quanto rivela un sondaggio di Alvara, organizzazione con base a Jakarta, pubblicato lo scorso 31 ottobre.

    L'Indonesia, Paese islamico più popoloso al mondo ha visto negli ultimi anni la sua reputazione per la tolleranza religiosa sottoposta a scrutinio, dal momento che i gruppi islamici si fanno strada a forza nella vita pubblica e politica della giovane democrazia. La grande maggioranza degli indonesiani pratica una forma moderata dell'islam e il Paese ospita importanti minoranze di indù, cristiani e persone che professano credenze tradizionali. La diversità religiosa è anche sancita nella sua Costituzione.

    I movimenti islamici estremisti, alla fine dell'anno scorso, hanno organizzato numerose manifestazioni di massa contro l'ex governatore di Jakarta Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok”, un cristiano di etnia cinese, che accusavano di aver insultato l'islam. Nell'aprile di quest'anno, essi sono riusciti ad impedirne la rielezione ed a influenzare la sua condanna a due anni di carcere per blasfemia. La società civile indonesiana ha criticato con durezza la sentenza, definita un’ingiustizia. Gruppi come l'Islamic Defenders Front (Fpi) chiedono che sia imposta nel Paese la sharia e sostengono che i suoi leader debbano essere solo musulmani.

    Le autorità hanno più volte lanciato l’allarme per le infiltrazioni del pensiero islamico radicale nelle organizzazioni studentesche e nelle attività dei campus. Il presidente Joko Widodo ed il suo governo stanno cercando di contenere l'influenza crescente degli islamisti, soprattutto nelle università e nelle scuole islamiche.

    Il mese scorso il parlamento ha approvato un decreto presidenziale che proibisce le organizzazioni civili contrarie all'ideologia secolare del Paese. Hizb-ut-Tahrir, un'organizzazione che chiede l'istituzione di un califfato in Indonesia, è stato il primo gruppo ad essere sciolto per effetto del decreto. Widodo ha tenuto diversi discorsi nelle scuole islamiche di tutto il Paese, sottolineando l’importanza della diversità e dell’unità nazionale. A settembre il presidente ha organizzato una conferenza con circa 3mila rettori universitari per la promozione nell'istruzione dell'ideologia pluralista del Paese, la Pancasila.

    L’estremismo in Indonesia non si diffonde solo tra le fasce più giovani della popolazione. L'intolleranza è cresciuta tra gli indonesiani a medio reddito che vivono nelle periferie. Lo afferma uno studio di Setara, organizzazione per i diritti umani. La ricerca, condotta da luglio ad ottobre scorsi, ha scoperto che Bogor e Depok, due città satellite a sud di Jakarta (West Java), sono divenute per i predicatori radicali centri per diffondere i propri messaggi di odio in luoghi come università e complessi residenziali.

    Negli ultimi due anni West Java è stata classificata la provincia meno tollerante, secondo la Commissione nazionale per i diritti umani (Komnas Ham). A marzo, i membri di tre congregazioni cristiane protestanti hanno visto le loro funzioni domenicali interrotte da manifestanti presso il complesso di Griya Parung Panjang, nel distretto di Parung Panjang, reggenza di Bogor. I manifestanti hanno dichiarato che, celebrando le funzioni in un complesso residenziale, i membri delle congregazioni avevano violato i regolamenti, ignorando il fatto che non erano autorizzati a costruire un luogo di culto nella zona. I fedeli si riunivano all'interno di una casa perché i loro tentativi di costruire una chiesa erano stati più volte respinti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2017 11:13:00 INDONESIA
    Jakarta, approvata la legge che vieta i gruppi islamisti radicali

    La visione politica dei movimenti islamisti contraddice i valori della Pancasila. I gruppi sono responsabili di mesi di tensioni politiche. Hizbut Tahir Indonesia (HTI) è tra gli obiettivi principali del decreto. Il ministro Wiranto dichiara che la delibera mira a proteggere l'unità e l'esistenza dell'Indonesia come nazione. Nel Paese aumentano di episodi di intolleranza e settarismo.



    06/04/2017 15:14:00 INDONESIA
    I cittadini di Jakarta condannano l’uso della religione per fini politici

    I gruppi estremisti islamici tentano di condizionare le elezioni. Gli elettori condannano la manipolazione della religione per fini politici. Zulkifli Hasan, capo dell'Assemblea consultiva popolare: “Sbagliato usare la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”. Budi Arie Setiadji: “Le questioni settarie hanno consumato la nostra energia”



    18/04/2017 12:19:00 INDONESIA
    Elezioni del governatore a Jakarta, l’appello dei leader religiosi per la democrazia

    La conferenza stampa congiunta di sette associazioni di diverse confessioni. I membri invitati ad usare i propri diritti civili senza indugi e a rispettare l'esito delle elezioni di domani. In campagna elettorale la religione sfruttata e manipolata dai gruppi estremisti islamici.



    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.



    28/11/2016 08:51:00 INDONESIA
    Jakarta, arrestati 9 miliziani dell’Isis: aizzavano le proteste contro il governatore

    Hanno partecipato alla marcia del 4 novembre scorso con l’obiettivo di creare caos e violenza. Sfruttavano il sentimento contrario al politico cristiano per preparare la venuta del Califfato in Indonesia. Timori per la marcia del 2 dicembre.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®