19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/06/2017, 09.49

    IRAQ

    Mosul: Cristiani e musulmani per la rinascita della biblioteca universitaria, devastata dall’Isis



    Professori, studenti, intellettuali e donatori privati, in Iraq e all’esteri, contribuiscono con libri e donazioni alla sua rifondazione. Una iniziativa nata tre mesi fa, all’indomani della liberazione del settore orientale della città. Il rettore: Distruzione completa, perduto quasi il 100% del contenuto. Al suo interno migliaia di libri rari. Finora raccolti 6mila volumi.

    Mosul (AsiaNews) - Professori, studenti, intellettuali e donatori privati musulmani e cristiani, in Iraq e all’estero, stanno contribuendo con lasciti e donazioni di libri e altro materiale, alla rinascita della biblioteca dell’università di Mosul devastata dallo Stato islamico (SI, ex Isis). Una iniziativa avviata tre mesi fa, all’indomani della liberazione dell’area dalla presenza jihadista nel contesto della offensiva promossa dall’esercito irakeno - con il sostegno di milizie curde e sciite - per riprendere l’intero controllo della città. Il settore orientale è ormai liberato dalla presenza jihadista, come la quasi totalità della pianura di Ninive, ma restano ampie sacche di resistenza nella zona occidentale di Mosul e nella Città Vecchia.

    Proprio in questi giorni ricorre il terzo anniversario della presa di Mosul da parte delle milizie di Daesh [acronimo arabo per lo SI], che nel giugno del 2014 assumevano il controllo della seconda città per importanza dell’Iraq. All’interno dell’università i miliziani hanno compiuto una delle peggiori devastazioni al patrimonio storico e culturale, dando fuoco a libri - anche antichi - e manoscritti preziosi.

    Nell’estate del 2015 l’Unesco, l’agenzia specializzata Onu che promuove la cooperazione fra Stati attraverso l’educazione, la scienza e la cultura, aveva lanciato l’allarme per le profonde devastazioni compiute dai jihadisti al patrimonio storico e culturale di Iraq (e Siria). Lo stesso patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako aveva lanciato un appello nel dicembre scorso a tutela di beni, manufatti, opere d’arte e della letteratura a rischio distruzione, definendole un bene universale che vale “più del petrolio

    Obay al-Dewachi, rettore dell’università di Mosul, sottolinea che “la distruzione è completa”. “Quasi il 100% della biblioteca universitaria e il suo contenuto - aggiunge l’intellettuale, che dal 2015 guida l’ateneo dal suo esilio a Duhok, nel Kurdistan irakeno - sono andati perduti”. 

    La gran parte dei manoscritti più antichi sono stati “digitalizzati” nel tempo e “salvati su server”, precisa il direttore della biblioteca Mohammed Jassim, affinché possano essere “utilizzati anche dai posteri”. Dal suo studio a Kirkuk, egli aggiunge che altri manoscritti sono rimasti integri perché alcuni impiegati li hanno prelevati poco prima dell’arrivo delle milizie jihadiste.

    All’intero della struttura erano contenuti 3500 libri rari, alcuni dei quali risalenti al XVIII secolo. A questi si aggiungevano 5mila pubblicazioni governative, risalenti anche al periodo della nascita dell’Iraq moderno nel 1921.

    Ad aggravare il bilancio delle distruzioni i raid aerei della coalizione internazionale a guida statunitense, che hanno colpito la libreria nel marzo 2016 ritenendola il centro di comando delle milizie di Daesh. Secondo gli esperti le bombe avrebbero polverizzato la maggior parte del milione di libri contenuti al suo interno. Infine, poco prima di abbandonare la zona i jihadisti hanno dato fuoco all’area per cancellare ogni traccia della loro presenza all’interno dell’ateneo.  Ali al-Barood, assistente al Dipartimento di traduzioni dell’università, racconta che “l’odore del fumo si avvertiva anche a 500 metri di distanza”. “I libri - aggiunge - sono stati accatastati in un angolo e incendiati”.

    La campagna per la rinascita della libreria è partita a febbraio, poco dopo la liberazione del settore orientale di Mosul, in cui sorge anche l’ateneo. A guidarla il blogger irakeno Mosul Eye, che negli ultimi anni - e in forma anonima per motivi di sicurezza - ha raccontato i massacri e le devastazioni compiute dallo Stato islamico. Ad oggi sono stati raccolti circa 6mila libri e l’obiettivo è arrivare a quota 20 tonnellate, nelle aree più disparate: dalla scienza, alla medicina, dall’arte alla letteratura.

    Fra i benefattori vi è anche la comunità accademica del Baghdad College, un prestigioso istituto di studi superiori fondato dai gesuiti americani negli anni ’30 del secolo scorso. Anas Jaroo, 23enne studente di ingegneria informatica, ha donato 40 libri di medicina e informatica. “Mio padre - racconta il giovane, che vive a Baghdad - è un fisico che si è laureato nell’università di Mosul nel 1982”. “Egli - aggiunge - era solito raccontarmi dell’università, del suo passato. Per lui era una piccola Harvard”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/08/2015 IRAQ - SIRIA
    Unesco: dallo Stato islamico le più brutali distruzioni dalla Seconda guerra mondiale
    Per Irina Bokova, direttore generale dell’agenzia Onu, gli uomini del “Califfato” hanno compiuto “le più brutali e sistematiche” devastazioni a beni, reperti e siti archeologici degli ultimi decenni. Essenziale fermare il traffico di reperti, fra le principali fonti di guadagno dei jihadisti. Una “priorità” per tutti.

    24/08/2015 SIRIA
    Palmira, lo Stato islamico devasta lo storico tempio di Baal Shamin
    È uno dei più importanti edifici che formano lo storico complesso siriano. Incertezze sui tempi: secondo fonti ufficiali è avvenuta ieri; attivisti affermano che risale a un mese fa. I jihadisti hanno piazzato una “enorme” carica di esplosivo, causando “gravi danni” alla struttura. La scorsa settimana era stato assassinato il direttore delle antichità.

    25/08/2015 SIRIA
    Stato islamico, in rete le immagini della devastazione di un tempio a Palmira
    Una serie di foto mostra la distruzione del tempio di Baal Shamin. Archeologa: gli attacchi al patrimonio compiuti dallo SI dettati da interessi economici. Per l’Unesco le azioni dei miliziani sono un “crimine di guerra”, che priva il popolo siriano della sua “conoscenza, storia e identità”.

    12/09/2017 11:49:00 IRAQ
    Mosul: 1.400 mogli e bambini di Daesh in stato di fermo

    Sono rimasti dopo la cacciata dei jihadisti. Provengono per la maggior parte dalla Turchia e dai Paesi dell’ex-Unione Sovietica. Sono sottoposti a misure di sicurezza restrittive. Timore di tensioni con gli iracheni sfollati. Molte mogli sono state portate in Iraq con l’inganno. 



    25/07/2016 10:59:00 IRAQ
    Autobombe e suicidi a Baghdad, mentre si avvicina la “liberazione” di Mosul

    Stamane un’autobomba a Khales ha ucciso 10 persone; ieri a Kadhimiyah sono morte 15 persone. Il premier e il ministro della difesa annunciano i piani per liberare Mosul. Molti gruppi – fra cui quello di Moqtada al-Sadr – non vogliono truppe straniere (turche o statunitensi) sul terreno, ma chiedono di condividere informazioni coi Paesi della coalizione anti-Daesh. A Mosul i miliziani smobilitano gli uffici della morale islamica. Bloccate le comunicazioni via internet.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®