18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/05/2011, 00.00

    IRAQ

    Mosul: cristiano ortodosso ucciso a colpi di pistola



    Arkan Jihad Yacob, vicedirettore di una fabbrica di cemento, era sposato e padre di quattro figli. Già in passato era stato vittima di due tentati sequestri, ma era sempre riuscito a sfuggire ai criminali. Il commando lo ha bloccato mentre si recava al lavoro, uccidendolo. Le armi erano munite di silenziatore. Paura fra i cristiani.
    Mosul (AsiaNews) –  Ancora un’esecuzione mirata contro la minoranza cristiana in Iraq. Questa mattina è stato ucciso un cristiano ortodosso a Mosul, nel nord del Paese. L’uomo già in passato era stato vittima di un paio di tentativi di sequestro a fini estorsivi, ma in entrambi i casi era riuscito a sfuggire ai rapitori. Questa volta i criminali lo hanno attesto mentre si recava al lavoro, freddandolo con numerosi colpi di pistola.
     
    Fonti di AsiaNews a Mosul, anonime per motivi di sicurezza, confermano che la vittima è un cristiano ortodosso, vicedirettore di una locale fabbrica di cemento. Nato nel 1948 a Mosul, Arkan Jihad Yacob era sposato e padre di quattro figli. Già in passato egli era finito nel mirino dei criminali, che due volte avevano cercato di rapirlo per estorcere denaro alla famiglia. Tuttavia, la pronta reazione dell’uomo aveva sventato in entrambi i casi i tentativi di sequestro.
     
    Questa mattina, invece, il commando ha colpito per uccidere. Sul tragitto fra l’abitazione e il luogo di lavoro, Arkan Jihad Yacob è stato ammazzato a sangue freddo con una vera e propria esecuzione. Il cristiano ortodosso è stato raggiunto da numerosi colpi di proiettile, sparati da armi dotate di silenziatore. La comunità locale ha partecipato ai funerali dell’uomo, che hanno avuto luogo nel pomeriggio nella cattedrale siro-ortodossa di Mosul.
     
    La comunità cristiana irakena di nuovo nel mirino della frangia fondamentalista islamica, che il 16 maggio scorso aveva colpito a Kirkuk. Anche il quel caso la vittima era stata sequestrata, poi uccisa e mutilata perché la famiglia non era riuscita a pagare i 10mila dollari di riscatto richiesti dai malviventi (cfr. AsiaNews, 16/05/2011 Kirkuk: giovane cristiano rapito, torturato e decapitato). Da giorni le fonti di AsiaNews in Iraq denunciano un clima di tensione e paura. I cristiani sono vittime di sequestri che, se non vengono portati a segno, si concludono nel sangue. (DS)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2014 IRAQ
    Patriarca caldeo: Felice per il rilascio delle suore e dei giovani, stanno bene
    Ad AsiaNews, Mar Louis Raphael I Sako parla di “bella notizia” in un Paese segnato da guerra, violenza e divisioni. Egli spiega che vi sono stati “contatti” con “persone della città” che hanno contribuito “alla loro liberazione”. Non è stato versato alcun riscatto. Ora sono tornate a Dohuk, nel Kurdistan irakeno.

    09/07/2014 IRAQ
    Arcivescovo di Mosul: Sfollati senza acqua ed elettricità. I fedeli scavano pozzi per cristiani e musulmani
    Mons. Emil Shimoun Nona racconta ad AsiaNews di una situazione sempre più drammatica. La corrente viene erogata dalle due alle quattro ore al giorno, manca l’acqua. Otto pozzi scavati, ma “non sono sufficienti”. Miliziani Isis hanno assunto il controllo di una fabbrica con arsenale chimico. Nessuna notizia sulle suore e i bambini rapiti.

    02/07/2014 IRAQ
    Patriarca caldeo: L'Iraq va verso la guerra civile e ai politici interessa solo il petrolio
    In una nota inviata ad AsiaNews Mar Sako sottolinea la situazione terribile del Paese. Milioni i rifugiati, nessuna notizia certa delle suore e dei tre giovani rapiti a Mosul. Sempre più concreta l’ipotesi di una guerra civile che si conclude con la partizione della nazione. Nessuna risposta dalla politica, interessata al petrolio. Appello ai cristiani alla preghiera.

    01/07/2014 IRAQ
    Arcivescovo di Mosul: la presenza dei cristiani in Iraq è “in pericolo, serve l’aiuto di tutti”
    Mons. Nona conferma l’occupazione dell’arcivescovado da parte dei miliziani dell’Isis, un “segnale negativo per tutti”. Secondo il prelato non vi sono “novità” sulla sorte delle due suore e dei tre bambini sequestrati. E lancia un appello per il Paese e la comunità cristiana. A Baghdad prima riunione del nuovo Parlamento. Giugno il mese col maggior numero di vittime nel 2014.

    24/06/2014 IRAQ
    Gli islamisti conquistano la più importante raffineria irakena. Kurdistan verso l’indipendenza
    Dopo 10 giorni di assalti, le milizie dell’Isis hanno preso il controllo dell’impianto di Baiji, a nord di Baghdad. Esso produce un terzo del petrolio raffinato ed è essenziale per rifornire l’area di Mosul. Gli Usa confermano il “sostegno intenso e prolungato” al governo irakeno, ma premono per un cambio ai vertici. Il presidente curdo: tempo di autodeterminazione.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®