30/08/2017, 15.14
GIAPPONE
Invia ad un amico

Muore Sumiteru Taniguchi, attivista anti-nucleare sopravvissuto a Nagasaki

Divenne famoso per le immagini delle sue bruciature. Nel 2010, mostrò all’Onu la sua foto: “Guardatemi”. Ha combattuto, viaggiando nonostante le profonde sofferenze.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Sumiteru Taniguchi, sopravvissuto al bombardamento atomico di Nagasaki e influente attivista contro le armi nucleari, è morto oggi all’età di 88 anni per un tumore alla papilla duodenale. Dal 2010 era uno dei rappresentanti della Confederazione delle organizzazioni per le vittime delle bombe atomica e a idrogeno (Nihon Hidankyo). Sin dal 1949, Taniguchi è stato in prima linea per la campagna anti-nucleare.

Divenne famoso a livello mondiale quando i media diffusero nel 1970 delle riprese dell’esercito americano durante il suo ricovero. Un fotogramma della registrazione lo mostrava sdraiato sul proprio stomaco, le bruciature scarlatte evidenti sulla schiena

Nel 1945, al tempo un ragazzo di 16 anni, Taniguchi sopravvisse per miracolo alla bomba atomica. Nel corso della sua vita, il sopravvissuto ha spesso testimoniato la sofferenza provata in quegli anni, la distruzione della sua pelle e il dolore così intenso da averlo portato ad implorare ai dottori di ucciderlo.

Taniguchi venne dimesso dall’ospedale nel 1949, e subito si unì ad altri sopravvissuti per chiedere l’eliminazione delle armi nucleari. Nonostante i dolori debilitanti alla schiena, egli intraprese più di 20 viaggi per testimoniare la sua esperienza oltreoceano. Nel 2010 rappresentò i sopravvissuti alla bomba atomica durante la conferenza di revisione dell’Onu del Trattato di Non-Proliferazione Nucleare. In quell’occasione, mostrò la foto del suo corpo devastato dalla bomba, affermando: “Non sono un topo da laboratorio, e non sono un reperto in mostra. Ma voi che siete qui oggi per favore non voltate lo sguardo da me. Guardatemi ancora una volta”.

Lo scorso luglio, Taniguchi ha accolto con favore l’adozione del trattato Onu che mette al bando le armi nucleari, pur definendolo “inutile a meno che ciascun Paese non compia uno sforzo per abolire le armi nucleari”.

Un altro rappresentante della Nihon Hidankyo, Terumi Tanaka, ha espresso tristezza per la morte dell’attivista, dichiarando che Taniguchi aveva votato la sua vita all’eliminazione delle armi nucleari, mentre usciva ed entrava con frequenza dagli ospedali.

Si stima che le bombe di Hiroshima e Nagasaki provocarono la morte di 210mila persone prima della fine del 1945.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nagasaki si ferma per l’anniversario dell’atomica: ‘Mai più una simile tragedia’
09/08/2018 12:40
Obama visita Hiroshima: “La morte arrivò dall’alto. Ora un mondo senza atomica”
27/05/2016 14:26
Obama “pronto a visitare” Hiroshima. Ma senza scusarsi per le bombe atomiche
28/04/2016 07:16
Mons. Kikuchi: Non solo nucleare. Il papa in Giappone per la vita e la speranza
09/10/2019 09:58
Papa Francesco ad Hiroshima e Nagasaki il prossimo 24 novembre
26/06/2019 09:06