26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/08/2014, 00.00

    INDONESIA

    Musulmani indonesiani contro il "Califfato" e l'Isis: Serve la pace e la coesistenza

    Mathias Hariyadi

    Un video apparso su YouTube ad opera di uno sconosciuto guerrigliero islamico indonesiano invita i "fratelli e le sorelle" del Sud-Est asiatico a unirsi allo Stato islamico in Iraq e combattere per la creazione di un califfato musulmano. Nei giorni scorsi, centinaia di persone si sono radunate per "promettere la guerra santa". Leader islamici moderati: "Soltanto un pazzo farebbe una scelta simile, condanniamo con forza queste azioni insensate".

    Jakarta (AsiaNews) - La società civile e le due maggiori organizzazioni islamiche dell'Indonesia condannano "senza appello" l'operato dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis) e le azioni compiute dal suo leader, lo "sceicco" Abu Bakr al-Baghdadi. Kiai Hajj Malik Madani, funzionario al vertice della Nahdlatul Ulama (organizzazione musulmana indonesiana che conta 70 milioni di membri), dice: "Abbiamo bisogno di pace e di coesistenza armoniosa, non di un califfato. Il nostro insegnamento è chiaro: niente guerra fra di noi o con le altre religioni".

    La reazione dei leader islamici moderati è provocata dalla circolazione di un video su YouTube, nel quale uno sconosciuto guerrigliero islamico indonesiano (che si fa chiamare Abu Muhammad al-Indonesi) invita "i fratelli e le sorelle musulmane del Paese" a unirsi all'Isis per creare un Califfato islamico in Medio Oriente. Il passo successivo, spiega parlando in lingua bahasa, "sarà quello di avere un Califfato anche qui da noi".

    Non si tratta solo dei deliri di un provocatore. A metà luglio 2014, più di mille persone si sono riunite in una moschea di Solo Baru (reggenza di Sukoharjo) per partecipare a un incontro di preghiera ospitato dall'Islamic Daulah Support Forum. Dopo la preghiera, i presenti hanno dichiarato il loro sostegno all'Isis in modo pubblico, affermando di essere pronti a partire per l'Iraq e la Siria. Afif Abdul Majid, organizzatore dell'incontro, ha spiegato che "non tutti hanno accettato di essere 'iniziati', ma almeno la metà ha chiesto di essere 'battezzata' per sostenere la missione". L'uomo ha aggiunto che nelle prossime settimane un simile "battesimo" verrà celebrato anche a Malang (East Java): qui, secondo alcune fonti, il 25 luglio si sono riunite altre 500 persone per una cerimonia simile.

    Il ministro indonesiano degli Esteri Marty Natalegawa ha negato che vi siano militanti indonesiani in Iraq schierati con l'Isis, ma il capo dell'anti-terrorismo Ansyaad Mbai ha voluto comunque sottolineare che "qualunque nostro cittadino coinvolto con queste attività sarà punito in maniera molto severa. Coloro che vanno in Medio Oriente a combattere perderanno la cittadinanza e saranno processati con durezza".

    Il prof. Syafi'i Maarif, noto docente di Studi islamici ed ex presidente dell'organizzazione moderata Muhammadiyah, conclude: "Il video che sta circolando in questi giorni va condannato senza appello. Soltanto un pazzo potrebbe decidere di unirsi all'Isis e ai gruppetti che li accompagnano". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Indonesia, leader estremista islamico in carcere "giura obbedienza" all’Isis
    Una immagine scattata nel carcere di massima sicurezza di Nusakambangan testimonia il giuramento e conferma il legame crescente fra estremisti indonesiani e il movimento islamista. Abu Bakar Baasyir "favorevole" al progetto del Califfato mondiale. Ma la maggioranza dei musulmani moderati resta contraria.

    25/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Jakarta: leader musulmani spiegano ai cristiani il fondamentalismo islamico
    All’iniziativa promossa dalla Conferenza episcopale hanno partecipato vescovi, sacerdoti, suore e laici cattolici e protestanti. Fra i relatori esperti di anti-terrorismo e studiosi di religione e società. Ingiustizie sociali, povertà e propaganda alimentano l’estremismo. Servono figure musulmane moderate di primo piano, sul modello dell’ex presidente “Gus Dur”.

    21/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Borobudur, il più importante tempio buddista indonesiano nel mirino degli islamisti
    Il complesso, patrimonio Unesco dell’umanità, rischia la distruzione come i Buddha di Bamiyan. Le autorità hanno predisposto un rafforzamento delle misure di sicurezza. La cittadinanza invitata a partecipare alla difesa del “patrimonio culturale”. Per il presidente Yudhoyono le violenze jihadiste sono “umilianti” per l’islam.

    12/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    E' Aceh la base operativa del Califfato islamico in Asia. Via al reclutamento e all'indottrinamento
    Frange del movimento jihadista già attive in 16 province dell’arcipelago indonesiano. Migliaia di persone hanno prestato giuramento al leader fondamentalista Abu Bakar Al-Baghdadi. La maggior parte sono veterani del jihad con alle spalle esperienze in Afghanistan o, sul fronte interno delle Molucche. Jakarta: alcune zone sono “terreno fertile” per l’arruolamento.

    05/08/2014 INDONESIA - ISLAM
    Jakarta: non blocca la diffusione in rete di un video pro-Isis, ministro nella bufera
    Si tratta del filo-islamista Tifatul Sembiring, titolare del dicastero delle Comunicazioni e dell’Informazione. Il presidente Yudhoyono e il capo della sicurezza invocano misure drastiche per fermare la propaganda estremista. Continua l’opera di reclutamento di fondamentalisti indonesiani per il jihad in Medio oriente.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®