17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/05/2015, 00.00

    NEPAL

    Nepal, contro il traffico di minori il governo blocca “ogni movimento non autorizzato”

    Christopher Sharma

    Le autorità di Kathmandu hanno deciso che i minori potranno viaggiare solo se accompagnati da un genitore o un tutore. I viaggi dovranno essere autorizzati dal Consiglio distrettuale di appartenenza. La polizia riporta la scomparsa di oltre 5mila bambini, probabilmente sequestrati per traffico di esseri umani e sfruttamento. Organizzazioni cattoliche in prima fila nella protezione dei minori terremotati.

    Kathmandu (AsiaNews) - A poco più di un mese di distanza dal terribile terremoto che ha colpito il Nepal, sono scomparsi migliaia di bambini. Si teme che siano caduti nelle mani dei trafficanti di esseri umani. Per questo il governo ha deciso di vietare tutti i viaggi per minori non accompagnati da parenti o tutori legali.

    Le autorità hanno stabilito che qualsiasi bambino che voglia effettuare uno spostamento all’interno del territorio nepalese dovrà essere accompagnato dai genitori o da chi ne fa le veci. Il viaggio dovrà essere autorizzato tramite un permesso scritto rilasciato dal Consiglio per il benessere dei bambini del distretto di appartenenza.

    Secondo il Ministero per il benessere sociale delle donne e dei bambini, tale misura ha l’obiettivo di prevenire il traffico e lo sfruttamento dei minori che hanno perso le loro case durante il terremoto e si trovano attualmente nei centri di soccorso. Dalle tendopoli allestite all’aperto sono già scomparsi tantissimi minori, più di 5mila secondo quanto riferisce Kamal Sing Ban, portavoce della polizia locale. I funzionari stanno lavorando su migliaia di denunce di smarrimento. Egli afferma ad AsiaNews: “Le denunce di bambini scomparsi sono in continuo aumento. Ma riteniamo che il numero reale sia ancora più elevato dato che molti genitori o tutori sono morti e nessuno viene a sporgere denuncia per loro. Stiamo facendo del nostro meglio per salvare le vite di questi bambini e chiediamo a tutti di aiutarci”.

    Rupa Rai, attivista cattolica, invita tutti i genitori a prestare la massima attenzione alla sicurezza dei propri figli: “In questo momento esistono moltissime opportunità di sfruttamento di quei minori che hanno perso le loro famiglie nel terremoto. Non solo, ci sono grandi rischi anche per quei bambini che non hanno perso i genitori, ma vivono nei campi all’aperto. Temiamo che possano essere abusati o sfruttati”. “Le organizzazioni cattoliche come la Caritas e altri gruppi religiosi stanno promuovendo dei programmi per accrescere la consapevolezza nei vari luoghi temporanei di accoglienza e stanno suscitando l’attenzione del governo per garantire la sicurezza e la protezione dei più piccoli.”

    Keshav Prasad Regmi, direttore generale del Dipartimento per le donne e i minori all’interno del Ministero, nota: “Il governo è giunto a questa decisione nella speranza di ridurre il fenomeno [della sottrazione dei minori - ndr] e controllare il traffico dei bambini verso altri Paesi”. Impegno confermato anche da Minendra Rijal, portavoce del governo: “Il bando ci aiuterà a controllare il commercio illegale dei bimbi. Continueremo ad attuarlo fino a quando non sarà garantita l’incolumità di ogni singolo bambino”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2017 12:50:00 CAMBOGIA
    Thailandia, l’esodo di migliaia di migranti cambogiani senza documenti

    Dal 28 giugno scorso, in 8.328 hanno fatto ritorno in Cambogia. Rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti. I rimpatriati decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione.



    17/09/2016 12:17:00 NEPAL – INDIA
    Monache buddiste pedalano per 4mila chilometri contro il traffico di esseri umani

    Le religiose appartengono all’ordine Drukpa e sono esperte di arti marziali. Per questo sono chiamate “Kung Fu nuns”. Hanno attraversato l’Himalaya in bicicletta e sono arrivate in India. Dopo il terremoto del 2015, è aumento lo sfruttamento di donne e bambini. Nel viaggio le monache hanno distribuito cibo e cure mediche.



    18/06/2015 NEPAL
    Nepal: scomparsi più di 200 orfani, accolti dai santoni indù dopo il terremoto
    I bambini sono stati prelevati da centri gestiti da santoni indù. I minori che viaggiano devono essere accompagnati o avere un permesso scritto. Salvati 22 bambini scomparsi in un centro di yoga che stavano per essere trasferiti in India senza permesso. Alto funzionario nepalese accusato di traffico e vendita di minori.

    29/10/2007 NEPAL
    Un progetto contro il traffico di esseri umani
    Dal 1992 la Caritas in Nepal lotta contro il traffico di esseri umani. Un flagello in aumento, spesso favorito dagli stessi parenti e spacciato per “lavoro”. Una serie di incontri a ogni livello per sensibilizzare sul problema i giovani, cattolici e non.

    25/06/2014 THAILANDIA
    Traffico di esseri umani, la Thailandia di nuovo fra i peggiori Paesi al mondo
    Il Rapporto 2014 del Dipartimento di Stato Usa declassa il Paese asiatico, che lo scorso anno invece aveva mostrato miglioramenti. Per il documento gli sforzi mostrati da Bangkok sono stati "insufficienti" data l'entità del problema e il coinvolgimento di civili corrotti e ufficiali dell'esercito "conniventi".



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®