13/01/2006, 00.00
Nepal
Invia ad un amico

Nepal, esercito uccide 10 ribelli maoisti

E' il più violento incidente avvenuto nel Paese dalla fine del cessate-il-fuoco. La ribellione è nata nel 1996. In 10 anni ha fatto oltre 12 mila morti.

Kathmandu (AsiaNews/Agenzie) – L'esercito nepalese ha ucciso almeno 10 ribelli comunisti durante uno scontro a fuoco: è il più violento incidente avvenuto dall'interruzione del cessate-il-fuoco deciso dai ribelli all'inizio del mese. Lo ha dichiarato oggi Bhupendra Poudel, portavoce del ministero della Difesa.

I ribelli – ha spiegato il portavoce - sono morti ieri in un confronto con i militari avvenuto nell'area di Chiare, a circa 200 chilometri ad ovest della capitale. Dopo lo scontro, l'esercito ha ricuperato nell'area molte armi e munizioni. Finora non vi sono commenti indipendenti o da parte dell guerriglia.

Gli scontri nella parte occidentale del Paese sono ripresi dal 2 gennaio, data in cui la guerriglia ha deciso in modo  di interrompere la tregua unilaterale che durava da 4 mesi. In questi scontri sono morti diversi membri della pubblica sicurezza.

I guerriglieri, che si dicono ispirata da Mao Zedong, hanno iniziato a lottare con il governo nel 1996 per fare del Nepal uno stato socialista. In 10 anni gli scontri hanno ucciso oltre 12 mila persone.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Scontro a fuoco al confine fra le due Coree
01/08/2006
Nepal, firmato accordo di pace fra governo e maoisti
08/11/2006
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Filippine, si riaccende lo scontro tra esercito e ribelli comunisti
31/07/2013