13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/12/2017, 12.23

    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH

    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.

    Roma (AsiaNews) - Alla fine del suo viaggio in Myanmar e Bangladesh, papa Francesco ha detto la parola fatidica: Rohingya. Ma l’ha detta non “sbattendo la porta” o stracciandosi le vesti, ma chiedendo perdono per l’indifferenza del mondo e accarezzando i volti di uomini, donne e bambini a cui sono stati uccisi i familiari, o hanno dovuto fuggire braccati dai militari. Il papa ne ha incontrati 16, a Dhaka, e tutti loro hanno pregato e pianto con lui. “Dio – ha detto Francesco – è anche Rohingya”.

    Tutti i media nel mondo aspettavano questa parola per condannare le violenze dell’esercito birmano, denunciare l’inanità della leader Aung San Suu Kyi, far sprofondare il Myanmar sotto il peso delle sanzioni. Per certi aspetti, si dava l’impressione che il senso del viaggio fosse tutto lì. Ma In questo modo, i media non sono riusciti a mostrare tutta la ricchezza del messaggio del pontefice e le spinte che egli ha dato in questa regione del mondo insieme così ricca e così povera.

    Perché è vero che in Myanmar Francesco non ha usato la parola “Rohingya”, ma ha parlato di tutte le minoranze (Kachin, Chin, Karen, Naga, Kaya,…) che subiscono le stesse cose dei Rohingya senza mai assurgere agli onori della cronaca. E il papa di Roma ha detto che è necessaria la cittadinanza per tutti, la distribuzione della ricchezza, la collaborazione per edificare la pace nella società birmana. I decenni di dittatura militare hanno creato ferite quasi insanabili, violenze e guerre, ma il pontefice ha chiesto a tutti, anzitutto ai cristiani, di perdonare e lavorare per la riconciliazione per allontanare lo spettro di una guerra in cui tutti perdono.

    Per questo papa non è importante il tribunale mediatico o la condanna, ma tracciare delle piste costruttive di speranza. È per questo che in entrambi i Paesi, in Myanmar e Bangladesh, si è rivolto ai giovani per sostenere il loro entusiasmo e proporre un cammino di speranza nel futuro. I giovani che emigrano, che accettano lavoro come schiavi, o che imbracciano le armi rischiano di vivere come disperati. Francesco ha chiesto ai giovani cristiani di essere catalizzatori di speranza.

    Questo significa non rintanarsi più nel proprio gruppo etnico o religioso, nutrendo sospetto verso gli altri, rimanendo inerti e scettici, ma aprirsi all’incontro, sostenuti dalla comune dignità di uomini.

    La collaborazione fra religioni è l’altro pilastro di questo viaggio: con la maggioranza islamica in Bangladesh e con quella buddista in Myanmar è importante lavorare perché lo sviluppo economico in atto in questi due Paesi sia fondato sul mistero della dignità dell’uomo, e non solo sul profitto, lo sfruttamento della manodopera e dei bambini schiavi. Francesco ha mostrato che valorizzando la dimensione religiosa si può avere a cuore con più facilità il bene comune.

    Egli ha voluto incontrarsi con i leader delle religioni sia in Myanmar che in Bangladesh e con loro ha condannato la violenza e il terrorismo che manipolano il nome di Dio, ma soprattutto ha spinto a impegnarsi insieme per una società al cui centro vi è l’uomo, a qualunque etnia appartenga, perché egli è a immagine di Dio.

    Un’ultima parola sulle Chiese di questi due Paesi, piccole minoranze spesso nel ciclone della persecuzione. Il papa ha elogiato i cristiani che pur essendo un “granello di senape”, danno ristoro alla popolazione e ai poveri in Bangladesh e Myanmar.  La stima di cui i cristiani godono è dovuta anzitutto al loro servizio: scuole, ospedali, cooperative agricole e di lavoro. Ma in questo servizio, la gente scopre con meraviglia i motivi dell’amore di Cristo. Non per nulla, sia in Bangladesh che in Myanmar la Chiesa cresce ogni anno, vi sono abbondanti vocazioni e queste piccole comunità inviano già missionari in altre terre.

    È stata forse una delle prime volte che tutte le etnie cristiane del Myanmar e le decine di etnie del Bangladesh si sono radunate insieme, suscitando l’ammirazione di buddisti e musulmani. Una buona promessa per il futuro.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/08/2012 MYANMAR – BANGLADESH
    Hrw: il governo birmano complice delle violenze contro i musulmani Rohingya
    Le autorità non sarebbero intervenute per fermare gli scontri. E, in un secondo momento, avrebbero autorizzato il fuoco dei militari contro la minoranza etnica impegnata a salvare case e beni personali. Appello alla comunità internazionale. Intanto Dhaka blocca le attività di tre enti a favore dei profughi.

    16/10/2017 12:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Papa Francesco in Myanmar, ‘una benedizione’ anche per i giovani protestanti

    Le speranze e le aspettative  per il viaggio apostolico del pontefice. Patrick Loo Tone, presidente del Consiglio delle Chiese del Myanmar (Mcc): “La visita del pontefice aprirà una finestra sui cristiani del Paese”. I cattolici in Myanmar sono 700mila, distribuiti in 14 diocesi.



    28/08/2017 11:11:00 VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Papa Francesco andrà in Myanmar e in Bangladesh

    L’annuncio dato oggi dalla Sala stampa e in contemporanea a Dakha e Yangon. Dal 27 al 30 novembre Francesco visiterà Yangon e Nay Pyi Taw. Dal 30 novembre al 2 dicembre visiterà Dhaka. L’appello di ieri sulla persecuzione dei Rohingya.



    10/10/2017 15:37:00 VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Il viaggio di papa Francesco a Yangon e Dhaka, incontro alle Chiese più piccole dell’Asia

    La Sala stampa della Santa Sede pubblica il programma dettagliato del viaggio. I vari incontri con le personalità politiche, come Aung San Suu Kyi, e quelli con le comunità cattoliche e i rappresentanti delle religioni. Laicità e convivenza fra le religioni. Le Chiese di Bangladesh e Myanmar “periferie” e “insignificanti”, povere ed evangelizzatrici, secondo il sogno di papa Francesco. I suggerimenti a India e Cina.



    06/12/2017 11:09:00 VATICANO
    Papa: in Myanmar e Bangladesh ho incoraggiato dialogo e testimonianza

    Ripercorrendo le tappe del viaggio concluso nei giorni scorsi, Francesco ricorda che in Myanmar ha auspicato “che tutte le diverse componenti della nazione, nessuna esclusa, possano cooperare” e in Bangladesh  solidarietà per l’aiuto ai Rohingya e “l’esigenza” che “sia sempre tutelata la libertà religiosa”.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®