21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/05/2017, 08.54

    EGITTO

    Nord Sinai, 50enne cristiano giustiziato dallo Stato islamico



    Nabil Saber Ayoub è stato ucciso a colpi di pistola all’interno di un negozio di barbiere nella tarda serata del 6 maggio. Daesh minaccia violenze contro i cristiani; nel mirino persone e proprietà. Rinvenuti anche i cadaveri di un padre e dei suoi due figli, sequestrati in precedenza. Dietro l’esecuzione l’accusa di “collaborazionismo” con le autorità. 

     

    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Un gruppo di uomini armati ha ucciso a colpi di pistola un cristiano egiziano, all’interno di un negozio di barbiere. L’esecuzione è avvenuta nella tarda serata del 6 maggio scorso nella città di Al-Arish, capoluogo del governatorato del Nord Sinai già teatro nelle scorse settimane di una ondata di violenze contro la minoranza religiosa che ha causato la fuga di centinaia di famiglie. Nella zona operano bande armate e gruppi jihadisti affiliati allo Stato islamico (SI), che contendono il controllo del territorio alle forze di sicurezza del Cairo. 

    L’ultimo attacco di una lunga serie è giunto all’indomani di una nuova minaccia lanciata da Daesh [acronimo arabo per lo SI], che annuncia ulteriori attentati contro cristiani e loro proprietà nella regione. Il gruppo jihadista ha rivendicato l’assassinio in un breve messaggio diffuso nella giornata di ieri sull’agenzia ufficiale del “Califfato” Aamaq

    Fonti ufficiali della sicurezza riferiscono che la vittima è il 50enne Nabil Saber Ayoub. Prima di lui nel Sinai settentrionale erano stati uccisi altri sette cristiani, nel contesto di attacchi perpetrati da jihadisti affiliati allo SI.

    In totale dal dicembre scorso sarebbero almeno 75 i membri della minoranza religiosa (il 10% circa del totale della popolazione) a essere morti sotto i colpi dei fondamentalisti islamici. Fra questi le vittime delle esplosioni alle chiese del mese scorso e i fedeli deceduti nel contesto dell’attacco contro la cattedrale copta di san Marco in Abassiya, al Cairo, a dicembre.

    L’escalation di violenze aveva fatto temere anche la cancellazione del viaggio apostolico di papa Francesco in Egitto, in programma a fine aprile. Tuttavia, il pontefice ha voluto rispettare il programma iniziale incontrando il presidente della Repubblica al-Sisi, il grande imam di al-Azhar Ahmad Al-Tayeb e celebrando una messa davanti a decine di migliaia di fedeli.

    Nei giorni scorsi le autorità egiziane hanno rivenuto i cadaveri decapitati di un padre e dei suoi due figli, rapiti in precedenza da miliziani di Daesh. Nel contesto del sequestro, avvenuto la scorsa settimana, i jihadisti avevano giustiziato la madre dei due giovani. Il fatto è avvenuto nella città di Rafah, situata anch’essa nella regione del Nord Sinai. Dietro l’esecuzione vi sarebbe l’accusa alla famiglia di “collaborazionismo” col governo del Cairo.  

    I gruppi egiziani affiliati allo SI hanno promuovono da tempo una insurrezione nell’area, colpendo nell’ultimo periodo quanti vengono accusati di essere informatori delle autorità. I sequestri e le uccisioni brutali servono da deterrente per l’intera popolazione. La campagna di violenze si è intensificata alla fine del 2013, in seguito alla deposizione e arresto dell’ex presidente Mohammad Morsi, leader dei Fratelli musulmani (movimento ora fuorilegge).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2017 09:58:00 EGITTO
    L’Egitto piange le nuove vittime cristiane. Fra ira e preghiera, i cittadini chiedono sicurezza

    La testimonianza di un sopravvissuto: “Ci hanno chiesto di proclamare la fede musulmana. Noi abbiamo rifiutato. Poi hanno aperto il fuoco”. Nel Paese monta la protesa, autorità e governo sotto accusa per la [debole] lotta al terrorismo. Musulmani e cristiani in fila per donare il sangue. Celebrati ieri i primi funerali.



    26/05/2017 14:22:00 EGITTO
    Minya: uccisi decine di pellegrini copti in un attacco. 'Cristiani obiettivo dei terroristi'

    Secondo p. Rafic, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, i miliziani vogliono “purificare l’Egitto e il Medio oriente dalla presenza cristiana”. L’attentato alla vigilia del Ramadan “la peggior pubblicità”. Un momento “triste” per l’Egitto, anche “per i musulmani che vogliono la pace”. Preghiere e messe in serata in ricordo delle vittime. 

     



    22/05/2017 08:49:00 EGITTO
    Cairo, 48 jihadisti a processo per gli attacchi alle chiese copte

    Gli imputati dovranno comparire davanti a un tribunale militare. Fra questi 31 sono in carcere in regime di custodia cautelare. I rimanenti risultano ancora oggi latitanti. Per il pm parte dei fermati sono membri di primo piano dello Stato Islamico nel Paese. I miliziani responsabili anche della morte di alcuni poliziotti. 

     



    14/07/2017 08:55:00 EGITTO

    Egitto, rischio attentati: le Chiese evangelica e copta riducono le attività

    Alla base del provvedimento, in vigore per i mesi di luglio e agosto, il timore di attacchi terroristi. Cancellati pellegrinaggi, viaggi di gruppo, festività, ma le funzioni religiose si svolgeranno senza variazioni. Mezzi blindati e cecchini presidiano luoghi di culto.  Pastore anglicano: Preghiamo “per la sicurezza e la stabilità del nostro Paese”.

     



    05/05/2017 12:50:00 EGITTO - VATICANO - ISLAM
    Portavoce Chiesa cattolica: papa in Egitto, dono di pace e ponte fra cristiani e musulmani

    Per p. Rafic Greiche Francesco ha “annullato” le distanze fra le persone e le fedi. Una visita di “enorme importanza” dopo gli attentati alle chiese: “Ha portato gioia a tutti”. Presto per dire se cambierà qualcosa con al-Azhar ma “siamo sulla giusta via”. I musulmani colpiti dalla “modestia” di “un uomo di Dio”. Per i cattolici è un invito “all’unità”.

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®