13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/11/2017, 16.37

    EGITTO

    Nord Sinai, attacco a fedeli in preghiera in una moschea: almeno 235 morti e 130 feriti



    Il più mortale attentato nella penisola da anni. La moschea era nota come luogo di raduno di fedeli sufi.  Il Sinai, teatro di attacchi dell’Isis.

    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Almeno 235 persone  sono rimaste uccise e 130 ferite oggi in un attacco ad una moschea nel nord Sinai. Il massacro si è consumato durante la preghiera del venerdì nella moschea al Rawadah, nella città di Bir al-Abed. I militanti islamisti hanno fatto esplodere una bomba sui fedeli, e hanno aperto poi il fuoco.

    Nessuno ha ancora rivendicato l’attacco, il più mortale nella penisola del Sinai da anni. Secondo fonti locali le vittime sono musulmani della corrente mistica sufi, che lo Stato islamico (Isis) considera apostati.

    Questo attentato non è che l’ennesimo nel contesto delle violenze perpetrate contro le comunità religiose non-islamiche o che predicano un tipo di islam diverso da quello sunnita ufficiale. Nel corso dell’anno la comunità cristiana egiziana è stata oggetto di una serie di attacchi, l’ultimo dei quali l’assalto a un bus di pellegrini copti il 26 maggio scorso, in cui sono morte decine di persone. Le milizie dell’Isis conducono atti di insurrezione soprattutto nell’aspro e per lo più disabitato territorio del Sinai, con l’obbiettivo di rovesciare il governo del presidente Abdel Fattah al-Sisi. Dalla deposizione dell’ex-presidente islamista Mohammed Morsi nel 2013, gli islamisti hanno assassinato centinaia di soldati e forze di polizia.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/11/2017 14:58:00 EGITTO
    Dolore e desiderio di vendetta: gli egiziani seppelliscono le 309 vittime della moschea nel Nord Sinai

    Fra di esse, 27 bambini. Sono 128 i feriti. L’attacco alla moschea, il primo nel suo genere e il più mortale nella storia dell’Egitto moderno. Si teme che ci siano altri attacchi. Impossibile proteggere tutte le moschee. L’obiettivo è indebolire il governo in vista delle elezioni presidenziali del 2018. Le testimonianze dei sopravvissuti: sparavano sulle persone in fuga.



    25/11/2017 09:49:00 EGITTO-VATICANO
    Il dolore e la condanna di Tawadros II e Papa Francesco per l’attentato alla moschea di Al-Roda

    L’attacco ai fedeli a conclusione della preghiera del venerdì ha fatto 235 morti e 140 feriti. Fra le vittime vi sono 30 bambini. È la prima volta che una moschea sunnita viene presa come obbiettivo in Egitto. Il presidente Al Sisi dichiara tre giorni di lutto nazionale e promette di rispondere all’attentato con “la massima forza”. Raid aerei contro magazzini di armi dei terroristi. Papa Francesco: Preghiamo perché i cuori induriti dall’odio imparino a rinunciare alla via della violenza.



    12/09/2017 08:51:00 EGITTO
    Nord Sinai: 18 poliziotti egiziani uccisi in un attacco dell’Isis

    Presi di mira anche gli addetti alle ambulanze. Continuano le violenze islamiste nel Sinai contro il governo del presidente al-Sisi. 

     



    26/11/2017 12:33:00 VATICANO
    Papa: Una preghiera in silenzio per i musulmani uccisi nella moschea del Nord Sinai

    All’Angelus, papa Francesco esprime “grande dolore” per la strage del 24 novembre in Egitto. “La regalità di Dio: solidale con chi soffre per suscitare dappertutto atteggiamenti e opere di misericordia”. “Quel mendicante, quel bisognoso che tende la mano è Gesù; quell’ammalato, quel carcerato…”. Madre Catalina de María Rodríguez beatificata ieri a Cordoba (Argentina). Stasera Francesco parte per il Myanmar e il Bangladesh.



    02/11/2017 12:28:00 UZBEKISTAN - USA
    Sayfullo Saipov, l’attentatore uzbeko di Manhattan, radicalizzato negli Stati Uniti

    È il quarto attentato a opera di un uzbeko. Saipov ha seguito le indicazioni online dell’Isis. In Uzbekistan viveva con la famiglia “laica” e “moderna”, e non frequentava la moschea. La generazione dimenticata degli uzbeki, partiti in cerca di fortuna e impreparati all’Occidente. Tashken appoggiava gli Usa in Afghanistan con i talebani e al-Qaeda. 





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®