25/09/2014, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Nuovi attentati nello Xinjiang, 12 morti e oltre 100 feriti

Gli attacchi hanno colpito edifici governativi e stazioni di polizia nella contea di Bugur. Per le autorità cinesi i responsabili sono separatisti della minoranza uigura, che da tempo lamentano di subire discriminazione etnica, controlli religiosi oppressivi e boicottaggio sociale.

Urumqi (AsiaNews/Rfa) - Almeno 12 morti e oltre 100 feriti: è il bilancio di una serie di attacchi esplosivi contro edifici governativi e stazioni di polizia nella contea di Bugur (regione del Xinjiang). Avvenuti il 21 settembre scorso, solo oggi sono emersi dettagli. Le forze dell'ordine sospettano che le bombe siano opera di separatisti della minoranza uighura, che da tempo lamentano di subire discriminazione etnica, controlli religiosi oppressivi e boicottaggio sociale.

Tra le vittime vi sarebbero anche tre poliziotti e sette attentatori. Questi sarebbero tutti morti nell'attentato a una stazione di polizia a Yengisar. Le altre città colpite sono Bugue e Terekbazar, ma non sono ancora note le cifre ufficiali delle vittime.

Il Bugur County Hospital ha ricoverato le persone con le ferite più gravi. "Ce ne saranno almeno 100 - spiega un'infermiera - perché i letti sono tutti occupati". Tra i pazienti figurano anche 20 poliziotti e un uomo sospettato di essere parte del gruppo di attentatori.

La regione dello Xinjiang è una delle più turbolente di tutta la Cina: qui vive l'etnia uighura, circa 9 milioni di persone turcofone e di religione islamica, che ha sempre cercato di ottenere l'indipendenza o una discreta autonomia da Pechino. Il governo centrale, da parte sua, ha inviato nella zona centinaia di migliaia di cinesi di etnia han per cercare di renderli l'etnia dominante. Inoltre impone serie restrizioni alla libertà religiosa, alla pratica musulmana, all'insegnamento della lingua e della cultura locale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Raffica di arresti nello Xinjiang: in 6 settimane, fermate più di 230 persone
12/05/2014
Cina, un attentato conclude la visita di Xi Jinping nel Xinjiang: 3 morti e 79 feriti
01/05/2014
Xinjiang: dopo l'attacco a Tiananmen, cade il generale cinese a capo della sicurezza
04/11/2013
Cina, attacco alla stazione di Guangzhou: sei feriti
06/05/2014
Xinjiang, l'attentato di Urumqi "è opera di estremisti religiosi"
02/05/2014