5 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/09/2008
ASIA CENTRALE–EU-RUSSIA
Occidente e Russia in competizione per alleanze ed energia in Caucaso e Asia centrale
La Nato continua l’intesa con la Georgia. Mosca parla di “clima da Guerra Fredda” e aumenta i rapporti con Abkhazia e Sud Ossezia. Azerbaigian e Kazakistan cercano un difficile equilibrio. Può approfittarne la Cina, per ottenere importanti accordi energetici.

Tbilisi (AsiaNews/Agenzie) – Prosegue il cammino perché la Georgia entri nell’Alleanza atlantica (Nato), ma occorre che Tbilisi “continui le riforme e migliori le istituzioni e la prassi democratica”, secondo Jaap de Hoop Scheffer, Segretario generale Nato che ha concluso ieri una visita in Georgia di 2 giorni. Alla stampa de Hoop Scheffer ha detto che la recente guerra con la Russia non ha mutato le prospettive del rapporto Georgia-Nato e che “nessuno” può “impedire” all’Alleanza di accettare nuovi membri. Si è però augurato di non ricevere un altro rapporto su “brogli” in future elezioni, con evidente riferimento alle elezioni dello scorso 5 gennaio vinte di misura da Mikhail Saakashvili, ma con accuse di irregolarità da parte delle opposizioni.

Si è detto d’accordo il presidente Saakashvili, ansioso di ottenere consensi e sostegno dopo la dura sconfitta militare. Contro di lui cresce l’opposizione interna, pronta a chiedere nuove elezioni per la primavera 2009.

Oggi il Cremlino ha definito la visita come la  “dimostrazione di una tendenza antirussa” “da Guerra Fredda” aggiungendo che maggiori relazioni Nato-Georgia sono “intempestive e non di aiuto per la stabilità della regione”. Proprio mentre de Hoop Scheffer era a Tbilisi, il 15 settembre il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov è volato a Sokhumi in Abkhazia, nella prima visita ufficiale russa nel Paese dal 1993. Oggi il presidente russo Dmitry Medvedev ha firmato un “accordo di amicizia” con i presidenti di Abkhazia e Sud Ossezia.

Sempre ieri il presidente atzero Ilham Aliyev ha incontrato a Mosca Medvedev. La Russia preme perché l’Azerbaigian ceda il suo gas alla statale Gazprom. Ma non sono stati annunciati accordi energetici, a conferma che Aliyev vuole mantenersi distante sia dalla Russia che dall’Occidente e vendere a entrambi. Per l’Unione europea è un alleato essenziale sia per i ricchi giacimenti di energia che per il progetto di far passare per il Paese un gasdotto che arrivi in Asia Centrale, aggirando il sistema russo.

Sulla Georgia, Aliyev si è limitato a dire che occorre “raggiungere la pace e diminuire la tensione”. Anche Baku ha un’enclave separatista nel Nagorno-Karabakh e Medvedev si è premurato di assicurare che la situazione è diversa dalla Georgia e che ogni problema va risolto con “il dialogo diretto”.

Ma di fronte alla competizioni Russia-Ue, il 12 settembre Elshad Nasirov, vicepresidente della Compagnia petrolifera statale atzera (Socar) ha ripetuto che per il gas “tutte le destinazioni sono ugualmente possibili”. “Prenderemo anzitutto in considerazione il profitto” ed è anche possibile “un’altra opzione”: trasportare il gas attraverso il Turkmenistan, verso India o Cina.

Mentre Russia e Occidente lottano per assicurarsi amicizie ed energia in Caucaso e Asia centrale, Pechino è molto attiva. Il 29 agosto Cina e Turkmenistan hanno siglato un accordo-quadro per aumentare la fornitura di gas da 30 a 40 miliardi di metri cubi annui, quando per la fine del 209 sarà completato il gasdotto che passa per Uzbekistan e Kazakistan. Accordo firmato subito dopo che il vicepremier russo Viktor Zubkov è stato in Turkmenistan, dimostrando la volontà di Ashgabat di affrancarsi da Mosca.

Sempre Pechino si è opposta durante il summit dei Paesi della Shanghai Cooperation Organization (Cina, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan Uzbekistan), il 28 agosto a Dushanbe, a una dichiarazione a sostegno della Russia sulla guerra in Georgia, come chiesto da Mosca. Invece, la Sco ha invitato le parti a risolvere ogni questione “in modo pacifico”.

Anche il Kazakistan cerca di mantenersi in equilibrio tra Russia e Ue: non ha accettato l’offerta russa di acquistare tutto il suo gas, ma ieri, nell’annuale incontro a Bruxelles con l’Ue, i rappresentanti kazaki sono apparsi tiepidi sul progetto del gasdotto Nabucco da Baku all’Austria, rispondendo che è ancora in una fase di pianificazione. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/07/2008 KAZAKISTAN
La ricerca di un passaggio nel Caucaso per portar greggio in Europa
05/05/2006 KAZAKISTAN - STATI UNITI - UNIONE EUROPEA
Cheney in Kazakistan per un progetto di gasdotto che non passi per la Russia
18/09/2009 ASIA CENTRALE - RUSSIA
Sempre più complesso il puzzle per l’energia dell’Asia centrale
20/04/2011 AZERBAIGIAN
Progetto Nabucco: forse il via definitivo avverrà entro il 2011
14/05/2007 RUSSIA - ASIA CENTRALE
Putin rinsalda il controllo sull’energia dell’Asia centrale

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate