31 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/02/2008, 00.00

    CINA

    Olimpiadi: case demolite con la forza e carcere per chi chiede indennizzi



    Circa 1,5 milioni di persone cacciate di casa per realizzare le opere olimpiche, molti non hanno ricevuto un’altra casa o un indennizzo. Alcune storie ordinarie di chi è in carcere per avere chiesto il risarcimento o è stato ucciso di botte perché ha protestato.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Si stima che almeno 1,5 milioni di persone siano state cacciate da casa, per demolirle e realizzare le grandiose e avveniristiche opere olimpiche a Pechino e nelle altre città che ospiteranno i Giochi, come Shanghai, Qingdao, Shenyang, Qinhuangdao. Centinaia di migliaia non hanno ricevuto altre abitazioni o indennizzi e sono ridotti in povertà. La ong Osservatorio per i diritti e il sostentamento del cittadini (Crlw) denuncia cosa è successo a Pechino nel distretto Chaoyang, nel villaggio Wali e nel villaggio Datun, dove il governo locale ha demolito le case con la forza e senza dare equi indennizzi e i cittadini si sono battuti per i loro diritti, con denunce e petizioni alle Autorità.

    Crlw ricorda i circa 200 residenti che hanno inviato una petizione unitaria al governo e hanno organizzato un sit-in di protesta di un mese. La reazione delle autorità locali è stata violenta. Ma Jingxue di Wali, che ha presentato una petizione per avere il giusto indennizzo, è stato mandato due volte in un campo di rieducazione-tramite-lavoro per totali tre anni per “comportamento disonesto”.

    Lu Qingcheng di Datun ha rivolto una petizione al governo chiedendo un risarcimento per la proprietà perduta e i danni subiti durante per la demolizione coatta della casa. E’ stato messo in carcere per 8 giorni e 20 residenti che l’hanno presentata insieme a lui per “soltanto” 2 giorni.

    L’attivista per i diritti umani Hu Jia, un mese prima di essere arrestato a dicembre per “sovversione antistatale”, ha denunciato che i fratelli Ye Guozhu e Ye Guoqiang sono stati arrestati sempre per avere denunciato la demolizione forzata delle loro case. Ye Guozhu è stato legato al letto e percosso più volte e ora attende i Giochi nella prigione Chaobei di Tianjin.

    Il governo, per garantire l’immagine di città pulite e civili, ha aumentato gli arresti e il rimpatrio coatto di mendicanti e senzatetto, molti dei quali ha inviato in campi di lavoro. Sono state arrestate molte persone solo perché hanno presentato petizioni al governo centrale. I venditori ambulanti sono stati cacciati o hanno subito la confisca della merce.

    Hu ricorda, tra i tanti, i casi di Lin Hongying, contadina e venditrice ambulante di verdure, percossa a morte dalla polizia municipale del Jiangsu il 20 luglio 2005; Wu Shouqing, riparatore di biciclette, ucciso di botte dalla polizia di Wuxi il 19 novembre 2005; Duan Huimin che aveva presentato  una petizione, ucciso dalla polizia di Shanghai nel gennaio 2007; Chen Xiaoming, autore di petizioni e attivista per i diritti, messo in galera a Shanghai dove è morto il 1 luglio 2007 per una malattia non curata. E i 200 autori di petizioni arrestati a Pechino il 5 agosto 2007, proprio un anno prima delle Olimpiadi.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2008 CINA
    Oltre 1,4 milioni di nuovi poveri causati dal terremoto el Sichuan
    Stime ufficiali dicono che in 4mila villaggi intere comunità non hanno di che vivere, né riparo. Occorre ricostruire case, strade, un’intera economia distrutta in pochi secondi. Stanziati 12 miliardi di yuan, mentre in milioni si preparano a passare mesi o anni nelle “tendopoli”.

    05/03/2009 CINA
    La Cina vuole risolvere le proteste con arresti e violenze
    Davanti all’Anp il premier Wen Jiabao assicura la massima attenzione per il bene pubblico e l’armonia sociale. Ma la polizia impedisce ai cittadini di presentare petizioni al governo e pesta e arresta chi protesta contro le ingiustizie.

    27/03/2009 CINA
    Carcere, lavori forzati e torture per chi chiede giustizia in Cina
    Un gruppo per la tutela dei diritti umani ricorda decine di persone dell’Heilongjiang che sono finite in carcere o nei campi di rieducazione-tramite-lavoro per impedire loro di presentare petizioni contro le autorità locali.

    03/02/2009 CINA
    Rinviato il processo a Huang Qi, che difende i terremotati del Sichuan
    Nel terremoto del 12 maggio 10mila scolari sono morti per il crollo di scuole mal costruite. Da allora il governo promette giustizia ma colpisce chi protesta. Torna a casa Gao Zhisheng, “scomparso” per oltre due settimane.

    12/10/2007 CINA
    Pechino, cristiano sotterraneo pestato a sangue dalla polizia
    Hua Huiqi malmenato da polizia e guardie private mentre è sotto sorveglianza. Human Rigths Watch denuncia “la peggiore repressione da 5 anni” contro dissidenti, cristiani, attivisti per i diritti. Decine di arresti e “sparizioni” “noti” e stretto controllo per impedire di presentare petizioni a Pechino.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®