28 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/02/2008
CINA
Olimpiadi: case demolite con la forza e carcere per chi chiede indennizzi
Circa 1,5 milioni di persone cacciate di casa per realizzare le opere olimpiche, molti non hanno ricevuto un’altra casa o un indennizzo. Alcune storie ordinarie di chi è in carcere per avere chiesto il risarcimento o è stato ucciso di botte perché ha protestato.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Si stima che almeno 1,5 milioni di persone siano state cacciate da casa, per demolirle e realizzare le grandiose e avveniristiche opere olimpiche a Pechino e nelle altre città che ospiteranno i Giochi, come Shanghai, Qingdao, Shenyang, Qinhuangdao. Centinaia di migliaia non hanno ricevuto altre abitazioni o indennizzi e sono ridotti in povertà. La ong Osservatorio per i diritti e il sostentamento del cittadini (Crlw) denuncia cosa è successo a Pechino nel distretto Chaoyang, nel villaggio Wali e nel villaggio Datun, dove il governo locale ha demolito le case con la forza e senza dare equi indennizzi e i cittadini si sono battuti per i loro diritti, con denunce e petizioni alle Autorità.

Crlw ricorda i circa 200 residenti che hanno inviato una petizione unitaria al governo e hanno organizzato un sit-in di protesta di un mese. La reazione delle autorità locali è stata violenta. Ma Jingxue di Wali, che ha presentato una petizione per avere il giusto indennizzo, è stato mandato due volte in un campo di rieducazione-tramite-lavoro per totali tre anni per “comportamento disonesto”.

Lu Qingcheng di Datun ha rivolto una petizione al governo chiedendo un risarcimento per la proprietà perduta e i danni subiti durante per la demolizione coatta della casa. E’ stato messo in carcere per 8 giorni e 20 residenti che l’hanno presentata insieme a lui per “soltanto” 2 giorni.

L’attivista per i diritti umani Hu Jia, un mese prima di essere arrestato a dicembre per “sovversione antistatale”, ha denunciato che i fratelli Ye Guozhu e Ye Guoqiang sono stati arrestati sempre per avere denunciato la demolizione forzata delle loro case. Ye Guozhu è stato legato al letto e percosso più volte e ora attende i Giochi nella prigione Chaobei di Tianjin.

Il governo, per garantire l’immagine di città pulite e civili, ha aumentato gli arresti e il rimpatrio coatto di mendicanti e senzatetto, molti dei quali ha inviato in campi di lavoro. Sono state arrestate molte persone solo perché hanno presentato petizioni al governo centrale. I venditori ambulanti sono stati cacciati o hanno subito la confisca della merce.

Hu ricorda, tra i tanti, i casi di Lin Hongying, contadina e venditrice ambulante di verdure, percossa a morte dalla polizia municipale del Jiangsu il 20 luglio 2005; Wu Shouqing, riparatore di biciclette, ucciso di botte dalla polizia di Wuxi il 19 novembre 2005; Duan Huimin che aveva presentato  una petizione, ucciso dalla polizia di Shanghai nel gennaio 2007; Chen Xiaoming, autore di petizioni e attivista per i diritti, messo in galera a Shanghai dove è morto il 1 luglio 2007 per una malattia non curata. E i 200 autori di petizioni arrestati a Pechino il 5 agosto 2007, proprio un anno prima delle Olimpiadi.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/07/2008 CINA
Oltre 1,4 milioni di nuovi poveri causati dal terremoto el Sichuan
05/03/2009 CINA
La Cina vuole risolvere le proteste con arresti e violenze
27/03/2009 CINA
Carcere, lavori forzati e torture per chi chiede giustizia in Cina
03/02/2009 CINA
Rinviato il processo a Huang Qi, che difende i terremotati del Sichuan
12/10/2007 CINA
Pechino, cristiano sotterraneo pestato a sangue dalla polizia

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate