28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/11/2014, 00.00

    PAKISTAN - INDIA

    Oltre 60 morti e 200 feriti nell’attentato talebano al confine fra Pakistan e India



    L’esplosione è avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri, al termine della cerimonia dell’ammainabandiera. L’attacco opera di un giovane di circa 30 anni, imbottito con 5 kg di esplosivo. Fra le vittime anche 10 donne e otto bambini. Condanna unanime dei governi dei due Paesi.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) - È salito a 61 il numero aggiornato delle vittime dell'attentato suicida avvenuti ieri a Wagah (Lahore), sola area di confine e punto di passaggio via terra fra Pakistan e India, celebre meta turistica per le popolazioni dei due Paesi. I feriti sono oltre 200 e il bilancio potrebbe aggravarsi nelle prossime ore. L'esplosione è avvenuta ieri pochi minuti dopo la fine della cerimonia dell'ammainabandiera, che si tiene ogni tardo pomeriggio secondo un preciso rituale apprezzato anche dal pubblico, nel versante pakistano del confine. I talebani pakistani del Tehreek-e-Taliban Pakistan (Ttp) hanno rivendicato il gesto, ma altri gruppi militanti - fra i quali Jundullah - rivendicano la paternità dell'attentato. 

    Mushtaq Sukhera, capo della polizia del Punjab, parla di un attentatore suicida, forse fra i 18 e i 20 anni, imbottito di 5 kg di esplosivo, che si è fatto saltare in aria verso le 6 del pomeriggio nei pressi di un ristorante, a circa 500 metri dal punto di confine. Fra le vittime vi sono anche 10 donne, otto bambini e tre membri delle forze di sicurezza pakistane. Alcuni dei feriti versano tuttora in condizioni critiche; i cadaveri finora identificati sono 43, degli altri 18 finora non si conoscono le generalità. 

    Tahir Khan, membro dei Rangers (le guardie di confine, ndr) pakistani spiega che l'attentatore si è fatto esplodere a circa 500 metri dal luogo in cui avviene la parata, perché "più avanti le misure di sicurezza sono molto più rigide" e non avrebbe potuto superarle imbottito di esplosivo. In quel caso, aggiunge, "la devastazione sarebbe stata di gran lunga maggiore". 

    Il gesto sarebbe una vendetta dei talebani pakistani contro una operazione dell'esercito del giugno scorso in North Waziristan, in cui sono morte oltre 1200 persone, oppure una risposta all'uccisione del leader talebano Hakimullah Mehsud in un attacco drone statunitense dello scorso anno. 

    Il premier pakistano Nawaz Sharif e il Primo Ministro indiano Narendra Modi hanno entrambi espresso condanna per l'attentato, peraltro annunciato di recente dall'intelligence indiana che parlava di "attacco imminente" alla cerimonia dell'ammainabandiera.  

    A gennaio il governo ha gettato le basi per l'avvio di un dialogo di pace con il Tehreek-e-Taliban Pakistan (Ttp), cui è seguita la presentazione nelle settimane successive del primo Codice di condotta in materia di Sicurezza nazionale. La tregua fra governo e talebani è scaduta il 16 aprile scorso; gli islamisti hanno confermato il proposito di continuare le trattative, pur non rinunciando ad attentati e violenze che hanno preso di mira anche aeroporti (Karachi) e velivoli in fase di atterraggio. Nel contesto dei colloqui i talebani chiedono il rilascio di centinaia di prigionieri, il ritiro dell'esercito nelle zone tribali al confine con l'Afghanistan e l'introduzione della legge islamica (sharia) nel Paese. 

    Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo e seconda fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono inoltre presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Dall'inizio della campagna di violenze dei talebani pakistani nel 2007 sono state uccise oltre 7mila persone in attentati, esplosioni e omicidi mirati in tutto il Paese. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/10/2004 PAKISTAN
    Pakistan: l'escalation di violenze fra sunniti e sciiti (Scheda)


    06/12/2004 PAKISTAN - USA
    Musharraf: bin Laden è vivo, ma di lui nessuna traccia

    Il presidente pakistano a Washington discute sull'acquisto di armi per potenziare la difesa del paese.



    15/01/2009 PAKISTAN – INDIA
    Strage di Mumbai, è guerra diplomatica fra India e Pakistan
    Islamabad giudica “informazioni” e non “prove concrete” gli elementi del dossier consegnato da New Delhi. Capo delle forze armate indiane definisce la guerra “l’ultima spiaggia”. Islamabad arresta 124 sospetti e chiude 5 campi di addestramento di Lashkar-e-Taiba.

    14/09/2008 INDIA
    Decine di arresti per l’attentato a New Delhi, 21 i morti e 100 feriti
    Le forze dell’ordine hanno interrogato una decina di persone e auspicano di risolvere “presto” il caso. L’attentato rivendicato da un gruppo islamico che annuncia nuovi attacchi. Solidarietà della Chiesa cattolica e della comunità internazionale, mentre il premier invita “alla calma”.

    24/07/2008 INDIA – PAKISTAN
    Sale la tensione nel Kashmir, 9 morti in due diversi attentati
    Una bomba è esplosa in mezzo a un gruppo di lavoratori migranti a Srinagar. Secondo la polizia l’obiettivo era una squadra paramilitare di pattuglia, ma un testimone riferisce che ad essere presi di mira erano un gruppo di pellegrini indù. In un secondo attacco ucciso un ex leader dei mujahedin.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®